HomeNotizie
Assemblea Generale

“Spazio vitale di comunione”

Assemblea2

All’’indomani del discorso con cui Papa Francesco ha aperto la 66ª Assemblea Generale, martedì 20 maggio i lavori hanno preso avvio con l’’intervento del Card. Angelo Bagnasco, e quindi con la valutazione delle proposte di emendamenti dello Statuto e del Regolamento della CEI. “Vogliamo aiutarci ad essere sempre più – come Conferenza – «spazio vitale di comunione» che si nutre di ascolto, di relazioni di prossimità e di condivisione all’’interno e tra Conferenze Regionali”, ha sottolineato il Cardinale Presidente, invitando alla “ricerca della migliore sintesi possibile”.

Il discorso di Papa Francesco
Il Card. Bagnasco ha dato voce alla gratitudine dell’’Assemblea per la “grazia della presenza del Santo Padre”, il cui discorso “andrà meditato e fatto nostro ben oltre l’’emozione o la cronaca del momento”.
Il particolare, ha ripercorso i «luoghi» additati dal Papa come “necessari e significativi” per la presenza della Chiesa italiana.
A fronte dei drammi che continuano a segnare l’’esodo di popoli, il Cardinale ha richiamato la realtà dei migranti – con l’’evidenza di “tante realtà diocesane e parrocchiali, Caritas, Migrantes e tante Associazioni cresciute negli anni, impegnate quotidianamente sul fronte dell’’accoglienza, dell’’assistenza, della tutela dei cittadini stranieri, della loro dignità e sicurezza” – rivolgendo un pressante appello “alla politica e, specialmente, alla politica europea”, affinché siano accordate “vita e dignità a chi è in fuga dalla fame, dalla guerra, da regimi che soffocano la libertà politica, religiosa e ogni prospettiva di futuro”.
Altro ambito da “abitare”, il mondo del lavoro: “Facciamo appello alla responsabilità di tutti ha detto il Card. Bagnasco –: in particolare chiediamo a chi ne ha la possibilità di tornare a investire con coraggio, accettando di affrontare i rischi di questa stagione, senza attendersi – specie nel breve tempo – grandi ritorni. Nel contempo, chiediamo che siano reali, efficaci e veloci le misure di agevolazione fiscale agli imprenditori disposti a coinvolgersi per creare lavoro”.
Infine e innanzitutto, la famiglia costituisce un luogo che “non è dato di disertare”: essa, infatti, “genera quel «capitale umano» senza il quale non solo non vi è possibilità di benessere, ma– prima ancora – di società e di futuro. Nel suo seno si mettono insieme risorse, che in questa stagione di crisi si sono rivelate indispensabili, oltre a costituire un incalcolabile fattore di risparmio per lo Stato; ma, ancor prima e più ancora, in essa ognuno ritrova valori, fiducia e coraggio per portare la vita”. Di qui il richiamo “alle Autorità responsabili di avviare politiche che esprimano un convinto alla «famiglia senza surrogati»; politiche attente a renderne meno difficile e gravosa la formazione, quindi la generazione e l’’educazione dei figli – specie se malati – la cura e l’’assistenza degli anziani”. E, visto che “snaturare la famiglia significa scendere nel più profondo”, il Presidente ha chiesto che essa, “fondata sul matrimonio, non sia messa sotto scacco da una cultura insistente e monocorde, che pretende di «ridefinire» il volto stesso dell’’amare favorendone la fragilità, anziché aiutarlo a superare anche per il bene dei figli –le inevitabili prove”.

Con respiro collegiale
Nell’’introdurre i lavori assembleari, il Card. Bagnasco ha ha valorizzato “il duplice appello di Papa Montini, rilanciatoci da Papa Francesco, all’’unità ecclesiale e alla fedeltà al Concilio: non soltanto ai suoi contenuti, ma ad un’’esperienza la cui «nota dominante» rimane la fraternità, vissuta nella libera e ampia possibilità di indagine, di discussione e di espressione”.
“Come Conferenza – ha aggiunto – vogliamo aiutarci ad essere sempre più «spazio vitale di comunione» che si nutre di ascolto, di relazioni di prossimità e di condivisione al’l’interno e tra Conferenze Regionali”.
È finalizzato al servizio di tale comunione, ha spiegato, anche “un ordinamento giuridico”, di cui lo Statuto della Conferenza Episcopale è espressione, “per un’’azione più efficace e partecipata”. Al riguardo, dopo aver ricordato che “l’’invito del Santo Padre a confrontarci sulla sua revisione è stato accolto con prontezza, cordialità e impegno”, di cui “sono segno i preziosi contributi pervenuti dalle Conferenze Episcopali Regionali e le stesse visite, condotte con generosa disponibilità, da S.E. Mons. Nunzio Galantino”, ha concluso: “Ora siamo qui – insieme –  per mettere in atto quel discernimento fraterno che ci porterà a individuare i passi da fare: insieme, liberi e sereni perché consapevoli di essere uniti nell’’abbraccio dell’’unico Signore e Maestro”.

20 Maggio 2014

Agenda »

Martedì 24 Maggio 2022
LUN 23
MAR 24
MER 25
GIO 26
VEN 27
SAB 28
DOM 29
LUN 30
MAR 31
MER 01
GIO 02
VEN 03
SAB 04
DOM 05
LUN 06
MAR 07
MER 08
GIO 09
VEN 10
SAB 11
DOM 12
LUN 13
MAR 14
MER 15
GIO 16
VEN 17
SAB 18
DOM 19
LUN 20
MAR 21
Ufficio Nazionale per la pastorale della salute Progetto formativo "Camici Gialli"
Corso a livello nazionale per la formazione iniziale di formatori al volontariato spirituale e relazionale nelle strutture sanitarie e socio-sanitarie. Il Corso è rivolto a tutti i giovani dai 18 ai 30 anni.L´obiettivo è quello di preparare formatori nel progetto “Camici gialli”, per la promozione della presenza di giovani volontari di animazione spirituale negli ospedali sotto la guida delle cappellanie di riferimento.Scarica la scheda del progettoIscriviti online
Commissione Episcopale per i problemi sociali e il lavoro, la giustizia e la pace Commissione Episcopale per i problemi sociali e il lavoro, la giustizia e la pace
La Commissione Episcopale per i problemi sociali e il lavoro, la giustizia e la pace è convocata per il giorno martedì 24 maggio 2022 dalle ore 21.00 alle ore 23.00 presso la sede dell'Assemblea Generale dei vescovi italiani