HomeNotizieCiclone Idai: dalla Chiesa italiana un milione e mezzo di..
8xmille , Presidenza , Solidarietà

Ciclone Idai: dalla Chiesa italiana un milione e mezzo di euro

alluvione in Mozambico

La Presidenza della CEI ha stanziato un milione di euro, dai fondi dell’8xmille, in soccorso delle popolazioni dell’Africa australe colpite dal ciclone Idai, cui si aggiungono altri 500.000 euro provenienti dalla rete Caritas.

Una vasta area tra Mozambico, Zimbabwe e Malawi è stata infatti colpita, nei giorni scorsi, dal ciclone Idai dopo settimane di piogge torrenziali e alluvioni. Secondo le prime stime sono state registrate oltre 1000 vittime, ma il numero potrebbe crescere in modo esponenziale via via che le acque si ritirano.

Sono più di un milione e mezzo le persone colpite, centinaia di migliaia gli sfollati, case e edifici pubblici distrutti, strade bloccate con diverse zone ancora inaccessibili. In Mozambico la zona maggiormente colpita è l’area centrale, in particolare la città costiera di Beira, con oltre 500.000 abitanti. In Zimbabwe la regione di Chimanimani è tra le più colpite; anche nel Malawi centrale e meridionale, il ciclone e le alluvioni hanno provocato danni ingenti con decine di morti, più di 500 feriti e oltre 140.000 sfollati in 13 distretti. Altissimo il rischio di epidemie.

Attualmente i soccorsi sono concentrati sull’evacuazione delle persone che si trovano ancora circondate dall’acqua. Nei tre paesi i Vescovi hanno affidato alle rispettive Caritas locali il compito del coordinamento e dell’attuazione degli interventi in collaborazione con le altre realtà ecclesiali presenti e attive nell’emergenza.
Le Caritas nazionali di Mozambico e Zimbabwe stanno compiendo una valutazione dei bisogni per poter elaborare un piano di risposta organico di breve durata. Caritas Malawi interverrà sostenuta in prima battuta dagli organismi Caritas già presenti nel paese e in seconda battuta coinvolgerà altri possibili donatori tra cui anche Caritas Italiana.

I piani di intervento immediato (emergenza) privilegeranno la fornitura di ripari d’urgenza, beni non alimentari di prima necessità (coperte, utensili per la cucina, ecc.), cibo, acqua potabile, kit igienico sanitari, sostegno psicologico.

26 marzo 2019

Agenda »

Giovedì 25 Aprile 2019
LUN 22
MAR 23
MER 24
GIO 25
VEN 26
SAB 27
DOM 28
LUN 29
MAR 30
MER 01
GIO 02
VEN 03
SAB 04
DOM 05
LUN 06
MAR 07
MER 08
GIO 09
VEN 10
SAB 11
DOM 12
LUN 13
MAR 14
MER 15
GIO 16
VEN 17
SAB 18
DOM 19
LUN 20
MAR 21
Da  chi andremo? Autorità e obbedienza nell´accompagnamento vocazionale 23-26 Aprile 2019 Assisi (PG) HOTEL DOMUS PACIS - Santa Maria degli AngeliIl seminario  si propone di incentivare la pratica della direzione spirituale, promuovere la formazione all’accompagnamento spirituale degli animatori vocazionali e sostenere l’impegno delle guide spirituali e dei formatori vocazionali. I Seminari – svolti tradizionalmente nella settimana dopo Pasqua – vedono la partecipazione di animatori vocazionali e guide spirituali di tutta Italia e di tante appartenenze: preti, consacrate/i, diaconi e laici desiderosi di formarsi nell’ambito dell’accompagnamento della vocazione dei giovani. 
Fondazione Migrantes Convegno nazionale Migrantes
Il convegno, che si terrà a Seveso (Milano) dal 24 al 26 aprile 2019, prevede la partecipazione dei Delegati regionali e diocesani Migrantes e collaboratori, dei Coordinatori nazionali etnici e dei Delegati/Coordinatori delle Missioni Cattoliche Italiane in Europa.
Ufficio Nazionale per la pastorale della famiglia XXI Settimana Nazionale di Studi
XXI Settimana Nazionale di Studi: giovedì 25 – domenica 28 aprile 2019 sulla santità coniugaleCi apprestiamo a vivere un nuovo biennio della Settimana Nazionale di Studi sulla spiritualità coniugale e familiare. Sollecitati dal linguaggio e dai toni familiari dell’Esortazione Apostolica Gaudete et Exsultate, vorremmo approfondire il tema della santità degli sposi e delle famiglie nella concretezza del Vangelo. Il primo appuntamento sarà ad Assisi (PG) da giovedì 25 a domenica 28 aprile 2019. Potete già calendarizzare e diffondere l’iniziativa. Online www.chiesacattolica.it/famiglia il depliant e le note per la partecipazione.