HomeNotizieQuel grumo di cielo acceso nel tempo

Quel grumo di cielo
acceso nel tempo

fiore
“Vogliamo farci docili alla memoria di coloro che ci hanno preceduto sulla scena dell’esistenza, che con noi la condivisero, e dai quali abbiamo ereditato la vita: essi ci insegnarono le cose che contano”.
Presiedendo l’Eucaristia nella Cattedrale di Genova mercoledì 2 novembre, giorno in cui la Chiesa commemora tutti i defunti, il Card. Angelo Bagnasco, Presidente della CEI, invita alla riflessione: “Se non diamo risposta adeguata all’enigma della morte, come potremo vivere? E anche se i nostri giorni scorreranno l’uno dopo l’altro, forse anche assommando risultati e successi, sarà un vivere veramente?”.
E dopo, aver ricordato che “l’uomo non è un grumo di materia gettato a caso nell’universo, ma è un grumo di cielo che viene acceso nel tempo e l’attraversa veloce verso l’eternità”, conclude: “Senza la luce della fede il presente si ripiega su stesso, l’orizzonte si restringe alla terra e, in fondo, solo l’attimo presente ha valore se ci offre la momentanea coppa della soddisfazione e del successo. Non esisterebbe più il quadro denso della vita terrena, ma solo una cornice vuota che attira su di sé la nostra melanconica attenzione”.
02 Novembre 2011

Agenda »

Martedì 21 Gennaio 2020
LUN 20
MAR 21
MER 22
GIO 23
VEN 24
SAB 25
DOM 26
LUN 27
MAR 28
MER 29
GIO 30
VEN 31
SAB 01
DOM 02
LUN 03
MAR 04
MER 05
GIO 06
VEN 07
SAB 08
DOM 09
LUN 10
MAR 11
MER 12
GIO 13
VEN 14
SAB 15
DOM 16
LUN 17
MAR 18