HomeNotiziePiù attenti ai più fragili

Più attenti
ai più fragili

malato
“È di ogni evidenza l’assidua, capillare presenza responsabile della componente ecclesiale: una recente mappatura parla di quattrocentoventimila operatori attivi in oltre quattordicimila servizi sociali e sanitari di ispirazione cristiana operanti con continuità e stabilità organizzativa sul territorio del Paese”.
Così si è espresso, lo scorso 23 gennaio, il Card. Angelo Bagnasco, nella prolusione al Consiglio Episcopale Permanente. “Il 62,3% di questi centri svolge attività socio-sanitaria e sociale non residenziale, mentre il 31,2% attua forme di assistenza residenziale; oltre il 27,5% di questi servizi è promosso da parrocchie, il 19% da realtà diocesane, il 18,1% da associazioni di fedeli, il 13,1% da istituti di vita consacrata o società di vita apostolica.
“Nonostante il taglio di due terzi delle risorse nazionali verificatosi nell’arco degli ultimi tre anni – concludeva il Cardinale Presidente – se il sistema non è collassato è appunto perché è in atto una ritessitura che mette in rete tutte le buone risorse per offrire risposte non episodiche né casuali, ma organiche e continuative”.
La comunità ecclesiale, che sabato 11 febbraio celebra la XX Giornata Mondiale del Malato, è attenta, infatti, a rinnovare la sua presenza accanto a chi soffre, diffondendo anche una precisa sensibilità.
“Stiamo attenti – avverte mons. Andrea Manto – a non esaurire l’attenzione al malato in una serie di celebrazioni: oggi serve una specifica attenzione pastorale nei confronti delle famiglie, l’accompagnamento e la formazione degli operatori sanitari, percorsi di presa in carico delle persone più fragili, l’animazione pastorale del volontariato e il coordinamento delle associazioni, l’adeguata preparazione per le nuove questioni poste dalla bioetica”.
La Giornata è nata vent’anni fa, dalla volontà di Giovanni Paolo II, che chiedeva “un momento forte di preghiera, di condivisione, di offerta della sofferenza per il bene della Chiesa e di richiamo per tutti a riconoscere nel volto del fratello infermo il Santo Volto di Cristo che, soffrendo, morendo e risorgendo ha operato la salvezza dell’umanità”.
Il Messaggio di quest’anno di Benedetto XVI pone “l’accento sui «Sacramenti di guarigione», cioè sul Sacramento della Penitenza e della Riconciliazione, e su quello dell’Unzione degli Infermi, che hanno il loro naturale compimento nella Comunione Eucaristica”.
Il materiale per l’animazione pastorale della XX Giornata Mondiale del Malato è disponibile sul sito dell’Ufficio Nazionale per la pastorale della sanità.
10 Febbraio 2012

Agenda »

Giovedì 01 Ottobre 2020
LUN 28
MAR 29
MER 30
GIO 01
VEN 02
SAB 03
DOM 04
LUN 05
MAR 06
MER 07
GIO 08
VEN 09
SAB 10
DOM 11
LUN 12
MAR 13
MER 14
GIO 15
VEN 16
SAB 17
DOM 18
LUN 19
MAR 20
MER 21
GIO 22
VEN 23
SAB 24
DOM 25
LUN 26
MAR 27
Ufficio Nazionale per la pastorale del tempo libero, turismo e sport Parchi Culturali Ecclesiali della Sicilia in Puglia (30 settembre-3 ottobre 2020)
Questo Ufficio Nazionale organizza un Corso di formazione per le Diocesi della Sicilia che stanno istituendo i rispettivi Parchi Culturali Ecclesiali. Il Corso di svolgerà dal 30 settembre al 3 ottobre 2020 in Puglia presso il PCE di Leuca De Finibus Terrae.A breve si allegheranno il Programma e le modalità di partecipazione.
Ufficio Nazionale per i beni culturali ecclesiastici e l‘edilizia diculto Consulta Nazionale B.C.E. - riunione in videoconferenza
Ufficio Nazionale per la pastorale della salute Tavolo sull‘Autismo
In Italia diverse realtà sanitarie e socio sanitarie si prendono cura della sindrome dello spettro autistico sia sotto il profilo della diagnosi che di quello terapeutico.Presso l´Ufficio Nazionale per la pastorale della salute della CEI, è costituito un tavolo dedicato a costruire relazioni tra i diversi enti nell´ottica della promozione della pastorale della salute nel territorio e tra i diversi soggetti agenti.