HomeNotizieOfferte per il sostentamento dei sacerdoti diocesani

Offerte per il sostentamento dei sacerdoti diocesani

sacerdoti
Offerte per il sostentamento dei sacerdoti. Se ne parla da più di 20 anni ma ancora le conoscono in pochi. La Giornata nazionale è destinata soprattutto a far conoscere i valori cristiani e umani alla base di queste Offerte. E chi le conosce le dona all’Istituto Centrale Sostentamento Clero (I.C.S.C.) anche per dire grazie non solo al proprio parroco ma a tutti i 38 mila sacerdoti diocesani che in Italia dedicano la propria vita all’annuncio del Vangelo e al servizio del prossimo. Un appuntamento importante, dunque, che rappresenta un’opportunità per formare le comunità sul valore perequativo e solidale di questa forma di partecipazione alla vita della Chiesa, scaturita dalla revisione concordataria del 1984. Infatti da ormai 20 anni i sacerdoti non ricevono più la “congrua” dallo Stato ed è responsabilità di ogni fedele partecipare al loro sostentamento, anche attraverso le Offerte deducibili*.
“Noi sappiamo quanto la Chiesa attraverso le sue molteplici attività, azioni pastorali e sociali, e soprattutto attraverso la presenza dei suoi ministri, sia importante per il bene del nostro Paese. Cosa sarebbero le nostre città, senza i nostri sacerdoti? Educare le comunità a sostenerli anche con un’Offerta destinata, non solo al proprio parroco, ma a tutti i sacerdoti, significa educare le comunità al senso di comunione fraterna, di partecipazione attiva e di reale corresponsabilità ecclesiale”, sottolinea il vescovo di Caserta Mons. Pietro Farina, Presidente del Comitato per la promozione del sostegno economico alla Chiesa cattolica.
Infatti le Offerte per i sacerdoti vengono raccolte a livello nazionale e contribuiscono ad assicurare il necessario a tutti i preti diocesani in Italia, in particolare a coloro che prestano il proprio ministero pastorale nelle comunità più piccole e bisognose, e a quelli anziani e malati. Ma anche a 600 fidei donum, i preti diocesani italiani che annunciano la Buona Novella nei Paesi più poveri del mondo. Nel 2008 sono state raccolte 160.878 Offerte, per un totale di 16 milioni e 562 mila euro. L’iniziativa è promossa dal Servizio Promozione Sostegno Economico alla Chiesa cattolica e si avvale del supporto di una rete di 231 incaricati diocesani che con la collaborazione dei referenti parrocchiali affiancano i parroci nella sensibilizzazione al tema.
 

*Ricordiamo che le Offerte intestate all’I.C.S.C. sono destinate unicamente al sostentamento del clero diocesano e sono deducibili dal reddito complessivo, ai fini del calcolo dell’Irpef, fino ad un massimo di 1.032,91 euro all’anno.
In allegato:
1) tabella storica della raccolta delle Offerte per il sostentamento dei sacerdoti; 2) prospetto del fabbisogno per il sostentamento del clero 2008;
3) modalità per fare un’Offerta per il clero.
 

 
20 novembre 2009

Agenda »

Venerdì 14 Dicembre 2018
LUN 10
MAR 11
MER 12
GIO 13
VEN 14
SAB 15
DOM 16
LUN 17
MAR 18
MER 19
GIO 20
VEN 21
SAB 22
DOM 23
LUN 24
MAR 25
MER 26
GIO 27
VEN 28
SAB 29
DOM 30
LUN 31
MAR 01
MER 02
GIO 03
VEN 04
SAB 05
DOM 06
LUN 07
MAR 08
Il nuovo organismo dell´UCN è affidato al coordinamento di don Salvatore Soreca e don Giorgio Bezze. e ha come membri  il Prof. Michele Aglieri, Sr. Giancarla Barbon, Dott.ssa Katia Bolelli, Dott.ssa Anna Teresa Borrelli, don Andrea Cavallini, don Luigi Donati Fogliazza, don Maurizio Mirai, Prof. Don Ubaldo Montisci, P. Rinaldo Paganelli e Dott.ssa Avv. Angela Pesce.Fra i suoi obiettivi:a) proseguire il monitoraggio delle principali iniziative italiane in campo formativo, anche mediante l’utilizzo e l’arricchimento del portale www.formazionecatechisti.it;b) sostenere le realtà diocesane e associative con la stesura e la pubblicazione di un Vademecum per la formazione che recepisca gli studi più aggiornati in materia, nonché la disponibilità a interventi sul territorio per rileggere l’impostazione delle prassi formative;c) proporre nell’autunno 2019 una sessione di formazione rivolta ai direttori UCD e ai referenti formativi delle diocesi, delle regioni e delle realtà associative, con particolare attenzione a quegli ambiti in cui non è già attiva un’esperienza analoga (p. es.: i rapporti tra catechesi e altre azioni ecclesiali, la costruzione di un itinerario; le resistenze consce o inconsce alla formazione; i nuovi scenari della formazione degli adulti);d) formulare proposte circa la costituzione di un Settore UCN stabile dedicato alla formazione.