HomeVarieNon solo migranti
Migranti , Santa Sede

Non solo migranti

250316-015

“La risposta alla sfida posta dalle migrazioni contemporanee si può riassumere in quattro verbi: accogliere, proteggere, promuovere e integrare. Ma questi verbi non valgono solo per i migranti e i rifugiati. Essi esprimono la missione della Chiesa verso tutti gli abitanti delle periferie esistenziali, che devono essere accolti, protetti, promossi e integrati”.

Lo afferma Papa Francesco nel Messaggio, che porta la data del 27 maggio, in occasione della 105ª Giornata mondiale del migrante e del rifugiato, che sarà celebrata domenica 29 settembre 2019 sul tema “Non si tratta solo di migranti”.

“Se mettiamo in pratica questi verbi – prosegue il Santo Padre –  contribuiamo a costruire la città di Dio e dell’uomo, promuoviamo lo sviluppo umano integrale di tutte le persone e aiutiamo anche la comunità mondiale ad avvicinarsi agli obiettivi di sviluppo sostenibile che si è data e che, altrimenti, saranno difficilmente raggiunti.

“I migranti, e specialmente quelli più vulnerabili, – conclude il Papa – ci aiutano a leggere i segni dei tempi. Attraverso di loro il Signore ci chiama a una conversione, a liberarci dagli esclusivismi, dall’indifferenza e dalla cultura dello scarto. Attraverso di loro il Signore ci invita a riappropriarci della nostra vita cristiana nella sua interezza e a contribuire, ciascuno secondo la propria vocazione, alla costruzione di un mondo sempre più rispondente al progetto di Dio”.

27 Maggio 2019

Agenda »

Sabato 29 Febbraio 2020
LUN 24
MAR 25
MER 26
GIO 27
VEN 28
SAB 29
DOM 01
LUN 02
MAR 03
MER 04
GIO 05
VEN 06
SAB 07
DOM 08
LUN 09
MAR 10
MER 11
GIO 12
VEN 13
SAB 14
DOM 15
LUN 16
MAR 17
MER 18
GIO 19
VEN 20
SAB 21
DOM 22
LUN 23
MAR 24
Centro Studi per la scuola cattolica Seminario di Studio:Come stanno cambiando i bambini
Il seminario intende analizzare l´identità dei bambini nella fascia di età copresa tra i 3 e i 10 anni, a trent´anni dalla dichiarazione dei diritti del fanciullo 1989. Si vuole offrie l´occasione per analizzare  se e come stiano cambiando le generazioni dei giovanissimi dal punto di vista cognitivo, emotivo, comunicativo, relazionale, per verificare quanto il cambiamento sia un fatto effettivamente nuovo e il segnale di una nuova epoca.