HomeNotizieL'uomo, punta rovente dell'intero universo

L'uomo, punta rovente
dell'intero universo

“E’ ancora possibile credere? Chi è Dio per me? Che cosa cambia della mia vita la sua presenza?”. Con queste domande – “non astratte o retoriche, ma che entrano nella carne della vita di ciascuno” – il Card. Angelo Bagnasco, ha aperto mercoledì 17 agosto, la sua catechesi ai giovani.
Dando voce a quel paradosso che è l’uomo – “una canna, ma una canna che pensa” ha evidenziato, citando Pascal – il Presidente della Cei ha ricordato come non si viva solo per consumare delle cose o del tempo, ma nella conoscenza del perché e del per che cosa si vive: “altrimenti – ha ammonito – siamo dei vagabondi senza casa e senza terra, naufraghi della vita, che vivono alla giornata”, per i quali quindi “il momento presente diventa il tutto per colui che non ha una meta”.
La risposta al mistero di miseria e di grandezza di ciascuno riposa in Dio, ha aggiunto riprendendo il Messaggio del Papa: “Dio è la sorgente della vita; eliminarlo equivale a separarsi da questa fonte, privarsi della pienezza e della gioia”.
Il mondo stesso, ha continuato il Presidente, “esiste perché Dio ama”, “trova in Lui la sua origine e il suo destino”; nell’uomo – “punta rovente dell’universo” – che “esce da sé per donare ciò che di bello ha ed è”, il creato stesso ama.
Prima di concludere soffermandosi sulle ragione per cui il clima culturale che si respira non favorisce l’accesso a Dio, il Cardinale ha indicato in Gesù di Nazaret l’uomo vero, in cui prende volto definitivo “quella mano d’intelligenza e d’amore che crea e dà significato e valore all’uomo e alle cose, che orienta la vita”.
17 agosto 2011

Agenda »

Domenica 21 Ottobre 2018
LUN 15
MAR 16
MER 17
GIO 18
VEN 19
SAB 20
DOM 21
LUN 22
MAR 23
MER 24
GIO 25
VEN 26
SAB 27
DOM 28
LUN 29
MAR 30
MER 31
GIO 01
VEN 02
SAB 03
DOM 04
LUN 05
MAR 06
MER 07
GIO 08
VEN 09
SAB 10
DOM 11
LUN 12
MAR 13
Ufficio Nazionale per la cooperazione missionaria tra le Chiese 92a Giornata Missionaria Mondiale