Home
martedì 20 Aprile 2021

Ora Media

MARTEDI' - III SETTIMANA DI PASQUA - III SETTIMANA DEL SALTERIO
Grandezza Testo A A A

Ora terza

V.
O Dio, vieni a salvarmi

R.
Signore, vieni presto in mio aiuto.
Gloria al Padre e al Figlio
   e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre
   nei secoli dei secoli. Amen. Alleluia.
INNO
L'ora terza risuona
nel servizio di lode:
con cuore puro e ardente
preghiamo il Dio glorioso.
Venga su noi, Signore,
il dono dello Spirito,
che in quest'ora discese
sulla Chiesa nascente.
Si rinnovi il prodigio
di quella Pentecoste
che rivelò alle genti
la luce del tuo regno.
Sia lode al Padre e al Figlio
e allo Spirito Santo,
al Dio trino e unico,
nei secoli sia gloria. Amen.
Ant.
Alleluia, alleluia, alleluia.
SALMO 118, 97-104   XIII (Mem)
Quanto amo la tua legge, Signore; *
   tutto il giorno la vado meditando.
Il tuo precetto mi fa più saggio dei miei nemici, *
   perché sempre mi accompagna.
Sono più saggio di tutti i miei maestri, *
   perché medito i tuoi insegnamenti.
Ho più senno degli anziani, *
   perché osservo i tuoi precetti.
Tengo lontano i miei passi da ogni via di male, *
   per custodire la tua parola.
Non mi allontano dai tuoi giudizi, *
   perché sei tu ad istruirmi.
Quanto sono dolci al mio palato le tue parole: *
   più del miele per la mia bocca.
Dai tuoi decreti ricevo intelligenza, *
   per questo odio ogni via di menzogna.
SALMO 73    Lamento per la distruzione del tempio
 
Non abbiate paura di quelli che uccidono il corpo
(Mt 10, 28).
 
I    (1-12)
O Dio, perché ci respingi per sempre, *
   perché divampa la tua ira
     contro il gregge del tuo pascolo?
Ricordati del popolo *
   che ti sei acquistato nei tempi antichi.
Hai riscattato la tribù che è tuo possesso, *
   il monte Sion, dove hai preso dimora.
Volgi i tuoi passi a queste rovine eterne: *
   il nemico ha devastato tutto nel tuo santuario.
Ruggirono i tuoi avversari nel tuo tempio, *
   issarono i loro vessilli come insegna.
Come chi vibra in alto la scure *
   nel folto di una selva,
con l’ascia e con la scure *
   frantumavano le sue porte.
Hanno dato alle fiamme il tuo santuario, *
   hanno profanato e demolito
     la dimora del tuo nome;
pensavano: «Distruggiamoli tutti»; *
   hanno bruciato tutti i santuari di Dio nel paese.
Non vediamo più le nostre insegne; †
   non ci sono più profeti *
   e tra di noi nessuno sa fino a quando.
Fino a quando, o Dio, insulterà l’avversario, *
   il nemico continuerà a disprezzare il tuo nome?
Perché ritiri la tua mano *
   e trattieni in seno la destra?
Eppure Dio è nostro re dai tempi antichi, *
   ha operato la salvezza nella nostra terra.
II    (13-23)
​Tu con potenza hai diviso il mare, *
   hai schiacciato la testa dei draghi sulle acque.
Al Leviatàn hai spezzato la testa, *
   lo hai dato in pasto ai mostri marini.
Fonti e torrenti tu hai fatto scaturire, *
   hai inaridito fiumi perenni.
Tuo è il giorno e tua è la notte, *
   la luna e il sole tu li hai creati.
Tu hai fissato i confini della terra, *
   l’estate e l’inverno tu li hai ordinati.
Ricorda: il nemico ha insultato Dio, *
   un popolo stolto ha disprezzato il tuo nome.
Non abbandonare alle fiere la vita di chi ti loda, *
   non dimenticare mai la vita dei tuoi poveri.
Sii fedele alla tua alleanza; *
   gli angoli della terra sono covi di violenza.
L’umile non torni confuso, *
   l’afflitto e il povero lodino il tuo nome.
Sorgi, Dio, difendi la tua causa, *
   ricorda che lo stolto ti insulta tutto il giorno.
Non dimenticare lo strepito dei tuoi nemici; *
   il tumulto dei tuoi avversari cresce senza fine.
Ant.
Alleluia, alleluia, alleluia.
LETTURA BREVE                                                       
At 4, 11-12
 
   Gesù Cristo è la pietra che, scartata da voi, costruttori, è diventata testata d’angolo (Sal 117, 22). In nessun altro c’è salvezza; non vi è infatti altro nome dato agli uomini sotto il cielo nel quale sia stabilito che possiamo essere salvati.
V.
Il Signore è veramente risorto, alleluia,

R.
ed è apparso a Simone, alleluia.
ORAZIONE
   O Dio, che agli uomini nati a nuova vita dall’acqua e dallo Spirito Santo apri la porta del tuo regno, accresci in noi la grazia del battesimo perché liberi da ogni colpa possiamo ereditare i beni da te promessi. Per Cristo nostro Signore.
       Benediciamo il Signore.

       R.
Rendiamo grazie a Dio.

Ora sesta

V.
O Dio, vieni a salvarmi

R.
Signore, vieni presto in mio aiuto.
Gloria al Padre e al Figlio
   e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre
   nei secoli dei secoli. Amen. Alleluia.
INNO
L’ora sesta c’invita
alla lode di Dio:
inneggiamo al Signore
con fervore di spirito.
In quest’ora sul Golgota,
vero agnello pasquale,
Cristo paga il riscatto
per la nostra salvezza.
Dinanzi alla sua gloria
anche il sole si oscura:
risplenda la sua grazia
nell'intimo dei cuori.
Sia lode al Padre e al Figlio,
e allo Spirito Santo,
al Dio trino ed unico
nei secoli sia gloria. Amen.
Ant.
Alleluia, alleluia, alleluia.
SALMO 118, 97-104   XIII (Mem)
Quanto amo la tua legge, Signore; *
   tutto il giorno la vado meditando.
Il tuo precetto mi fa più saggio dei miei nemici, *
   perché sempre mi accompagna.
Sono più saggio di tutti i miei maestri, *
   perché medito i tuoi insegnamenti.
Ho più senno degli anziani, *
   perché osservo i tuoi precetti.
Tengo lontano i miei passi da ogni via di male, *
   per custodire la tua parola.
Non mi allontano dai tuoi giudizi, *
   perché sei tu ad istruirmi.
Quanto sono dolci al mio palato le tue parole: *
   più del miele per la mia bocca.
Dai tuoi decreti ricevo intelligenza, *
   per questo odio ogni via di menzogna.
SALMO 73    Lamento per la distruzione del tempio
 
Non abbiate paura di quelli che uccidono il corpo
(Mt 10, 28).
 
I    (1-12)
O Dio, perché ci respingi per sempre, *
   perché divampa la tua ira
     contro il gregge del tuo pascolo?
Ricordati del popolo *
   che ti sei acquistato nei tempi antichi.
Hai riscattato la tribù che è tuo possesso, *
   il monte Sion, dove hai preso dimora.
Volgi i tuoi passi a queste rovine eterne: *
   il nemico ha devastato tutto nel tuo santuario.
Ruggirono i tuoi avversari nel tuo tempio, *
   issarono i loro vessilli come insegna.
Come chi vibra in alto la scure *
   nel folto di una selva,
con l’ascia e con la scure *
   frantumavano le sue porte.
Hanno dato alle fiamme il tuo santuario, *
   hanno profanato e demolito
     la dimora del tuo nome;
pensavano: «Distruggiamoli tutti»; *
   hanno bruciato tutti i santuari di Dio nel paese.
Non vediamo più le nostre insegne; †
   non ci sono più profeti *
   e tra di noi nessuno sa fino a quando.
Fino a quando, o Dio, insulterà l’avversario, *
   il nemico continuerà a disprezzare il tuo nome?
Perché ritiri la tua mano *
   e trattieni in seno la destra?
Eppure Dio è nostro re dai tempi antichi, *
   ha operato la salvezza nella nostra terra.
II    (13-23)
​Tu con potenza hai diviso il mare, *
   hai schiacciato la testa dei draghi sulle acque.
Al Leviatàn hai spezzato la testa, *
   lo hai dato in pasto ai mostri marini.
Fonti e torrenti tu hai fatto scaturire, *
   hai inaridito fiumi perenni.
Tuo è il giorno e tua è la notte, *
   la luna e il sole tu li hai creati.
Tu hai fissato i confini della terra, *
   l’estate e l’inverno tu li hai ordinati.
Ricorda: il nemico ha insultato Dio, *
   un popolo stolto ha disprezzato il tuo nome.
Non abbandonare alle fiere la vita di chi ti loda, *
   non dimenticare mai la vita dei tuoi poveri.
Sii fedele alla tua alleanza; *
   gli angoli della terra sono covi di violenza.
L’umile non torni confuso, *
   l’afflitto e il povero lodino il tuo nome.
Sorgi, Dio, difendi la tua causa, *
   ricorda che lo stolto ti insulta tutto il giorno.
Non dimenticare lo strepito dei tuoi nemici; *
   il tumulto dei tuoi avversari cresce senza fine.
Ant.
Alleluia, alleluia, alleluia.
LETTURA BREVE                                                   
1 Pt 3, 21-22a
 
   Il battesimo, che ora vi salva, non è rimozione di sporcizia del corpo, ma invocazione di salvezza rivolta a Dio da parte di una buona coscienza, in virtù della risurrezione di Gesù Cristo, il quale è alla destra di Dio.
V.
I discepoli videro il Signore, alleluia,

R.
e furono pieni di gioia, alleluia.
ORAZIONE
   O Dio, che agli uomini nati a nuova vita dall’acqua e dallo Spirito Santo apri la porta del tuo regno, accresci in noi la grazia del battesimo perché liberi da ogni colpa possiamo ereditare i beni da te promessi. Per Cristo nostro Signore.
       Benediciamo il Signore.

       R.
Rendiamo grazie a Dio.

Ora nona

V.
O Dio, vieni a salvarmi

R.
Signore, vieni presto in mio aiuto.
Gloria al Padre e al Figlio
   e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre
   nei secoli dei secoli. Amen. Alleluia.
INNO
L’ora nona ci chiama
al servizio divino:
adoriamo cantando
l'uno e trino Signore.
San Pietro che in quest’ora
salì al tempio a pregare,
rafforzi i nostri passi
sulla via della fede.
Uniamoci agli apostoli
nella lode perenne
e camminiamo insieme
sulle orme di Cristo.
Ascolta, Padre altissimo,
tu che regni in eterno,
con il Figlio e lo Spirito
nei secoli dei secoli. Amen.
Ant.
Alleluia, alleluia, alleluia.
SALMO 118, 97-104   XIII (Mem)
Quanto amo la tua legge, Signore; *
   tutto il giorno la vado meditando.
Il tuo precetto mi fa più saggio dei miei nemici, *
   perché sempre mi accompagna.
Sono più saggio di tutti i miei maestri, *
   perché medito i tuoi insegnamenti.
Ho più senno degli anziani, *
   perché osservo i tuoi precetti.
Tengo lontano i miei passi da ogni via di male, *
   per custodire la tua parola.
Non mi allontano dai tuoi giudizi, *
   perché sei tu ad istruirmi.
Quanto sono dolci al mio palato le tue parole: *
   più del miele per la mia bocca.
Dai tuoi decreti ricevo intelligenza, *
   per questo odio ogni via di menzogna.
SALMO 73    Lamento per la distruzione del tempio
 
Non abbiate paura di quelli che uccidono il corpo
(Mt 10, 28).
 
I    (1-12)
O Dio, perché ci respingi per sempre, *
   perché divampa la tua ira
     contro il gregge del tuo pascolo?
Ricordati del popolo *
   che ti sei acquistato nei tempi antichi.
Hai riscattato la tribù che è tuo possesso, *
   il monte Sion, dove hai preso dimora.
Volgi i tuoi passi a queste rovine eterne: *
   il nemico ha devastato tutto nel tuo santuario.
Ruggirono i tuoi avversari nel tuo tempio, *
   issarono i loro vessilli come insegna.
Come chi vibra in alto la scure *
   nel folto di una selva,
con l’ascia e con la scure *
   frantumavano le sue porte.
Hanno dato alle fiamme il tuo santuario, *
   hanno profanato e demolito
     la dimora del tuo nome;
pensavano: «Distruggiamoli tutti»; *
   hanno bruciato tutti i santuari di Dio nel paese.
Non vediamo più le nostre insegne; †
   non ci sono più profeti *
   e tra di noi nessuno sa fino a quando.
Fino a quando, o Dio, insulterà l’avversario, *
   il nemico continuerà a disprezzare il tuo nome?
Perché ritiri la tua mano *
   e trattieni in seno la destra?
Eppure Dio è nostro re dai tempi antichi, *
   ha operato la salvezza nella nostra terra.
II    (13-23)
​Tu con potenza hai diviso il mare, *
   hai schiacciato la testa dei draghi sulle acque.
Al Leviatàn hai spezzato la testa, *
   lo hai dato in pasto ai mostri marini.
Fonti e torrenti tu hai fatto scaturire, *
   hai inaridito fiumi perenni.
Tuo è il giorno e tua è la notte, *
   la luna e il sole tu li hai creati.
Tu hai fissato i confini della terra, *
   l’estate e l’inverno tu li hai ordinati.
Ricorda: il nemico ha insultato Dio, *
   un popolo stolto ha disprezzato il tuo nome.
Non abbandonare alle fiere la vita di chi ti loda, *
   non dimenticare mai la vita dei tuoi poveri.
Sii fedele alla tua alleanza; *
   gli angoli della terra sono covi di violenza.
L’umile non torni confuso, *
   l’afflitto e il povero lodino il tuo nome.
Sorgi, Dio, difendi la tua causa, *
   ricorda che lo stolto ti insulta tutto il giorno.
Non dimenticare lo strepito dei tuoi nemici; *
   il tumulto dei tuoi avversari cresce senza fine.
Ant.
Alleluia, alleluia, alleluia.
LETTURA BREVE
Col 3, 1-2
     Se siete risorti con Cristo, cercate le cose di lassù, dove si trova Cristo assiso alla destra di Dio; pensate alle cose di lassù, non a quelle della terra.
V.
Signore, rimani con noi, alleluia,
R.
ormai si fa sera, alleluia.
ORAZIONE
   O Dio, che agli uomini nati a nuova vita dall’acqua e dallo Spirito Santo apri la porta del tuo regno, accresci in noi la grazia del battesimo perché liberi da ogni colpa possiamo ereditare i beni da te promessi. Per Cristo nostro Signore.
       Benediciamo il Signore.

       R.
Rendiamo grazie a Dio.