HomeLiturgia delle Ore
domenica 11 Aprile 2021

Primi Vespri

DOMENICA DELL'OTTAVA DI PASQUA (SECONDA DOMENICA DI PASQUA) - LITURGIA PROPRIA 
Grandezza Testo A A A
V.
O Dio, vieni a salvarmi

R.
Signore, vieni presto in mio aiuto.
Gloria al Padre e al Figlio
   e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre
   nei secoli dei secoli. Amen. Alleluia.
INNO
Alla cena dell’Agnello,
avvolti in bianche vesti,
attraversato il Mar Rosso,
cantiamo a Cristo Signore.
Il suo corpo arso d’amore
sulla mensa è pane vivo;
il suo sangue sull’altare
calice del nuovo patto.
In questo vespro mirabile
tornan gli antichi prodigi:
un braccio potente ci salva
dall’angelo distruttore.
Mite agnello immolato,
Cristo è la nostra Pasqua;
il suo corpo adorabile
è il vero pane azzimo.
Irradia sulla tua Chiesa
la gioia pasquale, o Signore;
unisci alla tua vittoria
i rinati nel battesimo.
Sia lode e onore a Cristo,
vincitore della morte,
al Padre e al Santo Spirito
ora e nei secoli eterni. Amen.
Oppure:
Ad cenam Agni próvidi,
stolis salútis cándidi,
post tránsitum maris Rubri
Christo canámus príncipi.
Cuius corpus sanctíssimum
in ara crucis tórridum,
sed et cruórem róseum
gustándo, Deo vívimus.
Protécti paschæ véspero
a devastánte ángelo,
de Pharaónis áspero
sumus erépti império.
Iam pascha nostrum Christus est,
agnus occísus ínnocens;
sinceritátis ázyma
qui carnem suam óbtulit.
O vera, digna hóstia,
per quam frangúntur tártara,
captíva plebs redímitur,
reddúntur vitæ prǽmia!
Consúrgit Christus túmulo,
victor redit de bárathro,
tyránnum trudens vínculo
et paradísum réserans.
Esto perénne méntibus
paschále, Iesu, gáudium
et nos renátos grátiæ
tuis triúmphis ággrega.
Iesu, tibi sit glória,
qui morte victa prǽnites,
cum Patre et almo Spíritu,
in sempitérna sǽcula. Amen.
1 ant.
Maria Maddalena e l’altra Maria
         vanno alla tomba,
         per onorare il corpo sepolto,
         ma non trovano il Signore, alleluia.
SALMO 109, 1-5. 7
Oracolo del Signore al mio Signore: *
    «Siedi alla mia destra,
finché io ponga i tuoi nemici *
    a sgabello dei tuoi piedi».
Lo scettro del tuo potere stende il Signore da Sion: *
    «Domina in mezzo ai tuoi nemici.
A te il principato nel giorno della tua potenza *
    tra santi splendori;
dal seno dell’aurora, *
    come rugiada, io ti ho generato ».
Il Signore ha giurato e non si pente: *
    «Tu sei sacerdote per sempre
       al modo di Melchisedek».
Il Signore è alla tua destra, *
    annienterà i re nel giorno della sua ira.
Lungo il cammino si disseta al torrente *
    e solleva alta la testa.
1 ant.
Maria Maddalena e l’altra Maria
         vanno alla tomba,
         per onorare il corpo sepolto,
         ma non trovano il Signore, alleluia.
2 ant.
Venite, vedete
          dove era deposto il Signore, alleluia.
SALMO 113 A
Quando Israele uscì dall’Egitto, *
   la casa di Giacobbe da un popolo barbaro
Giuda divenne il suo santuario, *
   Israele il suo dominio.
Il mare vide e si ritrasse, *
   il Giordano si volse indietro,
i monti saltellarono come arieti, *
   le colline come agnelli di un gregge.
Che hai tu, mare, per fuggire, *
   e tu, Giordano, perché torni indietro?
Perché voi monti saltellate come arieti *
   e voi colline come agnelli di un gregge?
Trema, o terra, davanti al Signore, *
   davanti al Dio di Giacobbe,
che muta la rupe in un lago, *
   la roccia in sorgenti d’acqua.
2 ant.
Venite, vedete
          dove era deposto il Signore, alleluia.
3 ant.
Dice il Signore: Non temete;
          annunziate ai miei fratelli
          di tornare in Galilea:
          là mi vedranno, alleluia.
Quando il seguente cantico si canta, l’Alleluia si può ripetere anche più volte ogni due o quattro stichi.
CANTICO   Cfr. Ap 19, 1-7   Le nozze dell'Agnello
Alleluia.
Salvezza, gloria e potenza sono del nostro Dio; *
   veri e giusti sono i suoi giudizi.
Alleluia.
Lodate il nostro Dio, voi tutti, suoi servi, *
   voi che lo temete, piccoli e grandi.
Alleluia.
Ha preso possesso del suo regno il Signore, *
   il nostro Dio, l'Onnipotente.
Alleluia.
Rallegriamoci ed esultiamo, *
   rendiamo a lui gloria.
Alleluia.
Sono giunte le nozze dell'Agnello; *
   la sua sposa è pronta.
3 ant.
Dice il Signore: Non temete;
          annunziate ai miei fratelli
          di tornare in Galilea:
          là mi vedranno, alleluia.
LETTURA BREVE
Rm 5, 10-11
     Se quand’eravamo nemici, siamo stati riconciliati con Dio per mezzo della morte del Figlio suo, molto più ora che siamo riconciliati, saremo salvati mediante la sua vita. Non solo, ma ci gloriamo pure in Dio, per mezzo del Signore nostro Gesù Cristo, dal quale ora abbiamo ottenuto la riconciliazione.
 
Invece del responsorio breve si dice:
Ant.
Questo è il giorno, che ha fatto il Signore,
       alleluia:
       rallegriamoci ed esultiamo,
       alleluia.
Ant. al Magn.
L’ottavo giorno, a porte chiuse,
Gesù entrò e disse: Pace a voi, alleluia.
CANTICO DELLA BEATA VERGINE                         Lc 1, 46-55
Esultanza dell’anima nel Signore
L’anima mia magnifica il Signore *
   e il mio spirito esulta in Dio, mio salvatore,
perché ha guardato l’umiltà della sua serva. *
   D’ora in poi tutte le generazioni
     mi chiameranno beata.
Grandi cose ha fatto in me l’Onnipotente *
   e Santo è il suo nome:
di generazione in generazione la sua misericordia *
   si stende su quelli che lo temono.
Ha spiegato la potenza del suo braccio, *
   ha disperso i superbi nei pensieri del loro cuore;
ha rovesciato i potenti dai troni, *
   ha innalzato gli umili;
ha ricolmato di beni gli affamati, *
   ha rimandato i ricchi a mani vuote.
Ha soccorso Israele, suo servo, *
   ricordandosi della sua misericordia,
come aveva promesso ai nostri padri, *
   ad Abramo e alla sua discendenza, per sempre.
Gloria al Padre e al Figlio *
   e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre *
   nei secoli dei secoli. Amen.
Ant. al Magn.
L’ottavo giorno, a porte chiuse,
Gesù entrò e disse: Pace a voi, alleluia.
INTERCESSIONI

Preghiamo con fede il Cristo che ha distrutto la morte
   e ha rinnovato la vita:
   Cristo, che vivi in eterno, ascolta la nostra
   preghiera.
Tu che sei la pietra scartata dai costruttori e scelta
     dal Padre come pietra angolare,

 fa’ di tutti noi le pietre vive per edificare la tua Chiesa.
Tu che sei il testimone fedele e verace,

 fa’ che la tua Chiesa testimoni sempre con le parole
      e le opere la tua risurrezione.
O unico Sposo della Chiesa, nata dal tuo cuore squarciato,

 rendici annunziatori del tuo sacramento sponsale
      con la tua Chiesa.
Tu che eri morto e ora vivi per sempre,

 fa’ che manteniamo le nostre promesse battesimali per
      meritare la corona della vita.
O luce gloriosa della santa città di Dio,

 risplendi ai nostri morti nei secoli dei secoli.
 
Padre nostro.
ORAZIONE
       ​Dio di eterna misericordia, che nella ricorrenza pasquale ravvivi la fede del tuo popolo, accresci in noi la grazia che ci hai dato, perché tutti comprendiamo l’inestimabile ricchezza del battesimo che ci ha purificati, dello Spirito che ci ha rigenerati, del sangue che ci ha redenti. Per il nostro Signore Gesù Cristo.
​    
Nel congedare l’assemblea si dice:
Andate in pace, alleluia, alleluia.

R.
Rendiamo grazie a Dio, alleluia, alleluia.

Liturgia della Parola in LIS

Vai al canale YouTube