Liturgia

HomeLiturgia delle Ore
sabato 29 Gennaio 2022

Lodi mattutine

SABATO - III SETTIMANA DEL TEMPO ORDINARIO - III SETTIMANA DEL SALTERIO
Grandezza Testo A A A
V.
O Dio, vieni a salvarmi

R.
Signore, vieni presto in mio aiuto.
Gloria al Padre e al Figlio
   e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre
   nei secoli dei secoli. Amen. Alleluia.
Questa introduzione si omette quando si comincia l'Ufficio con l'Invitatorio.
INNO
L’aurora inonda il cielo
di una festa di luce,
e riveste la terra
di meraviglia nuova.
Fugge l’ansia dai cuori,
s’accende la speranza:
emerge sopra il caos
un’iride di pace.
Così nel giorno ultimo
l’umanità in attesa
alzi il capo e contempli
l’avvento del Signore.
Sia gloria al Padre altissimo
e a Cristo l’unigenito,
sia lode al Santo Spirito
nei secoli dei secoli. Amen.
1 ant.
Vicino sei tu, Signore,
          e vere tutte le tue vie.
SALMO 118, 145-152   XIX (Cof)
Promessa di osservare la legge di Dio
In questo consiste l’amore di Dio, nell’osservare i suoi
comandamenti
(1 Gv 5, 3).
T'invoco con tutto il cuore, Signore, rispondimi; *
   custodirò i tuoi precetti.
Io ti chiamo, salvami, *
   e seguirò i tuoi insegnamenti.
Precedo l'aurora e grido aiuto, *
   spero sulla tua parola.
I miei occhi prevengono le veglie della notte *
   per meditare sulle tue promesse.
Ascolta la mia voce, secondo la tua grazia; *
   Signore, fammi vivere secondo il tuo giudizio.
A tradimento mi assediano i miei persecutori, *
   sono lontani dalla tua legge.
Ma tu, Signore, sei vicino, *
   tutti i tuoi precetti sono veri.
Da tempo conosco le tue testimonianze *
   che hai stabilite per sempre.
1 ant.
Vicino sei tu, Signore,
          e vere tutte le tue vie.
2 ant.
Mi assista, Signore, la tua sapienza:
          sia con me nella fatica.
CANTICO    Sap 9, 1-6. 9-11    Signore, dammi la sapienza

Io vi darò lingua e sapienza a cui tutti i vostri avversari
non potranno resistere
(Lc 21, 15).

Dio dei padri e Signore di misericordia, *
   che tutto hai creato con la tua parola,
che con la tua sapienza hai formato l’uomo, *
   perché domini sulle creature che tu hai fatto,
e governi il mondo con santità e giustizia *
   e pronunzi giudizi con animo retto,
dammi la sapienza, che siede accanto a te in trono *
   e non mi escludere dal numero dei tuoi figli,
perché io sono tuo servo e figlio della tua ancella, †
   uomo debole e di vita breve, *
   incapace di comprendere la giustizia e le leggi.
Anche il più perfetto tra gli uomini, †
   privo della tua sapienza, *
   sarebbe stimato un nulla.
Con te è la sapienza che conosce le tue opere, *
   che era presente quando creavi il mondo;
essa conosce che cosa è gradito ai tuoi occhi *
   e ciò che è conforme ai tuoi decreti.
Mandala dai cieli santi, *
   dal tuo trono glorioso,
perché mi assista e mi affianchi nella mia fatica *
   e io sappia che cosa ti è gradito.
Essa tutto conosce e tutto comprende: †
   mi guiderà con prudenza nelle mie azioni *
   e mi proteggerà con la sua gloria.
2 ant.
Mi assista, Signore, la tua sapienza:
          sia con me nella fatica.
3 ant.
La fedeltà del Signore rimane per sempre.
SALMO 116    Invito a lodare Dio per il suo amore
Questo io dico: Le nazioni pagane glorificano Dio
per la sua misericordia
(cfr. Rm 15, 8. 9).
Lodate il Signore, popoli tutti, *
   voi tutte, nazioni, dategli gloria;
perché forte è il suo amore per noi *
   e la fedeltà del Signore dura in eterno.
3 ant.
La fedeltà del Signore rimane per sempre.
LETTURA BREVE                                                   
Fil 2, 14-15
   Fate tutto senza mormorazioni e senza critiche, perché siate irreprensibili e semplici, figli di Dio immacolati in mezzo a una generazione perversa e degenere, nella quale dovete splendere come astri nel mondo.
 
RESPONSORIO BREVE
R.
Io grido al Signore:
*
Sei tu il mio rifugio.
Io grido al Signore: Sei tu il mio rifugio.

V.
Mio bene nella terra dei vivi,
sei tu il mio rifugio.
   Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo.
Io grido al Signore: Sei tu il mio rifugio.
Ant. al Ben.
Illumina, Signore,
chi sta nelle tenebre
e nell’ombra di morte.
CANTICO DI ZACCARIA
Lc 1, 68-79
Il Messia e il suo Precursore
Benedetto il Signore Dio d’Israele, *
   perché ha visitato e redento il suo popolo,
e ha suscitato per noi una salvezza potente *
   nella casa di Davide, suo servo,
come aveva promesso *
   per bocca dei suoi santi profeti d’un tempo:
salvezza dai nostri nemici, *
   e dalle mani di quanti ci odiano.
Così egli ha concesso misericordia ai nostri padri *
   e si è ricordato della sua santa alleanza,
del giuramento fatto ad Abramo, nostro padre, *
   di concederci, liberàti dalle mani dei nemici,
di servirlo senza timore, in santità e giustizia *
   al suo cospetto, per tutti i nostri giorni.
E tu, bambino, sarai chiamato profeta dell’Altissimo *
   perché andrai innanzi al Signore
      a preparargli le strade,
per dare al suo popolo la conoscenza della salvezza *
   nella remissione dei suoi peccati,
grazie alla bontà misericordiosa del nostro Dio, *
   per cui verrà a visitarci dall’alto un sole che sorge,
per rischiarare quelli che stanno nelle tenebre *
   e nell’ombra della morte
e dirigere i nostri passi *
   sulla via della pace.
Gloria al Padre e al Figlio *
   e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre *
   nei secoli dei secoli. Amen.
Ant. al Ben.
Illumina, Signore,
chi sta nelle tenebre
e nell’ombra di morte.
INVOCAZIONI
Dio Padre ha voluto innalzare Maria, Madre di
    Cristo, al di sopra di tutte le creature angeliche e
    terrestri. Fiduciosi nella sua intercessione,
    preghiamo:
    Guarda la Madre del tuo Figlio e ascoltaci.
Ti rendiamo grazie, Padre immensamente buono,
    che ci hai dato Maria come madre e modello di
    vita cristiana,

per sua intercessione guidaci sulla via della santità.
Tu che hai reso Maria attenta alla tua parola e l’hai
    fatta tua fedele ancella,

per sua intercessione rendici discepoli e servitori
    del Figlio tuo.
Tu che hai dato a Maria il privilegio di essere madre
    per opera dello Spirito Santo,

per sua intercessione concedi a noi i frutti del tuo
    Spirito.
Tu che hai reso intrepida la Vergine Maria presso la
    croce del tuo Figlio e l’hai rallegrata con l’immensa
    gioia della risurrezione,

per sua intercessione consola le nostre pene e
    ravviva la nostra speranza.
 
Padre nostro.
ORAZIONE
   O Dio nostro, principio e sorgente della salvezza, fa’ che tutta la nostra vita sia una testimonianza del tuo amore, perché possiamo un giorno cantare la tua lode nell’assemblea festosa dei santi. Per il nostro Signore.
Il Signore ci benedica, ci preservi da ogni male e ci conduca alla vita eterna.

R.
Amen.