HomeNotizieLa famiglia nel trauma della migrazione
Migranti

La famiglia nel trauma della migrazione

Migranti

Non statistiche da analizzare, ma di vissuti da interpretare: questa la realtà dei migranti, troppe volte considerata a livello di individui, mentre coinvolge l’intera famiglia. Il Pontificio Consiglio della pastorale per i migranti e itineranti ha promosso il VII Congresso mondiale (Roma, 17-21 novembre) sul tema “Cooperazione e sviluppo nella pastorale delle migrazioni”. La tavola rotonda di martedì 18 si è interrogata sulla famiglia migrante nel contesto della diaspora: moderata da Mons. Domenico Pompili, ha visto gli interventi di Mons. John Wester, vescovo di Salt Lake City (USA),  Mons. Lucio Muandula, vescovo di Xai-Xai (Mozambico) e Mons. Mario Toso (Segretario Iustitia et Pax).
“Affrontiamo un argomento in cui non si tratta di statistiche da analizzare, ma di vissuti da interpretare – ha spiegato Mons. Pompili -: siamo qui per lasciarcene educare, ascoltando la testimonianza di tre pastori provenienti da latitudini diverse (America, Africa, Europa) ma dove il rapporto tra famiglia e migrazioni è un nodo irrisolto o, per meglio dire, un nervo scoperto.
“Cogliere il rapporto tra famiglia e diaspora – ha spiegato il Sottosegretario della Cei – significa cogliere più concretamente quello tra la cultura d’appartenenza e il trauma della migrazione”.
Mons. Pompili si è, quindi, soffermato su come le famiglie migranti presentino un quadro clinico preoccupante per l’impatto che si produce su ciascuno dei suoi membri a seguito di un ‘viaggio’ che sradica dal proprio habitat e trasferisce in contesti sconosciuti, spesso inospitali. I sintomi, ha spiegato, sono molteplici: i genitori sono depressi o sofferenti; i figli faticano ad imparare e ad adattarsi alla vita scolastica, sono inibiti e aggressivi verso i compagni; tutti avvertono un malessere legato al loro possibile o mancato ricongiungimento. Genitori e figli, in molti casi, vivono come ‘sospesi’ tra il mondo di origine e quello di arrivo.
“Il migrante – ha concluso, citando il Rapporto sulla Protezione internazionale, curato e presentato ieri da Caritas, Migrantes e altri soggetti nazionali ed internazionali – è vivo ma lontano da casa sua; lavora, ma non con i suoi; parla un’altra lingua che non sarà mai la sua; è in una nuova società ma ‘segregato’; è fra le due facce di una realtà che cerca di addomesticare”.

18 Novembre 2014

Agenda »

Venerdì 22 Novembre 2019
LUN 18
MAR 19
MER 20
GIO 21
VEN 22
SAB 23
DOM 24
LUN 25
MAR 26
MER 27
GIO 28
VEN 29
SAB 30
DOM 01
LUN 02
MAR 03
MER 04
GIO 05
VEN 06
SAB 07
DOM 08
LUN 09
MAR 10
MER 11
GIO 12
VEN 13
SAB 14
DOM 15
LUN 16
MAR 17
Essere accanto al malato, come «presenza e azione della Chiesa per recare la luce e la grazia del Signore a coloro che soffrono e a quanti se ne prendono cura» (cfr La pastorale della salute nella Chiesa italiana n. 19) è un compito prezioso e delicato che necessita passione e formazione.Il corso vuole offrire a cappellani e operatori pastorali che iniziano questo ministero o che sentono l’esigenza di un’ulteriore preparazione, alcuni elementi fondamentali di pastorale della salute.Vedi programma allegatoIscriviti onlinePer le iscrizioni si prega di contattare la segreteria al n. 06.66.398.477
Ufficio Nazionale per i problemi sociali e il lavoro Consulta Nazionale di pastorale sociale
La Consulta Nazionale di pastorale sociale è convocata il giorno venerdì 22 novembre 2019 dalle ore 9:30 alle ore 15:00 presso la sede Occidental Aurelia Hotel - Via di Torre Rossa, 80 - RomaAll´O.d.G.: