HomeNotizie
Giovani

In 50mila a Roma per il pellegrinaggio degli adolescenti e l’incontro con Papa Francesco

seguimi

Sono oltre 50 mila gli iscritti al pellegrinaggio degli adolescenti che, il 18 aprile, incontreranno Papa Francesco in piazza San Pietro. Dalle Diocesi italiane ci si prepara a raggiungere Roma per vivere un’esperienza di comunione fraterna e di fede: ci saranno gruppi parrocchiali, associativi e dei movimenti, guidati dai loro Vescovi e accompagnati da educatori, sacerdoti, religiose e religiosi.
Sarà il primo incontro del Papa in Vaticano con i ragazzi italiani dopo la lunga sosta dovuta alla pandemia ed è significativo che si svolga il giorno dopo la Pasqua, la festa che dà origine alla fede, infonde speranza ed è simbolo di rinascita. “Con il pellegrinaggio degli adolescenti a Roma e il loro incontro con il Papa, desideriamo incoraggiare e dare segni di speranza a chi si spende per la crescita dei ragazzi e a chi guarda alla comunità cristiana come custode di un futuro di vita che nasce dalla fede in Gesù risorto”, afferma don Michele Falabretti, responsabile del Servizio Nazionale per la pastorale giovanile della CEI. “Mentre questo tempo continua a metterci alla prova – aggiunge – non vogliamo far cadere il senso di responsabilità rispetto alle attività educative che da sempre connotano la pastorale ordinaria delle nostre Diocesi”.
A fare da filo rosso al pomeriggio in piazza San Pietro saranno le parole del capitolo 21 del Vangelo di Giovanni e, in particolare, quell’invito rivolto da Gesù a Pietro: “Seguimi”. Invito che, non a caso, dà il titolo all’evento, preceduto dal segno grafico # che fa riferimento a quella ricerca personale che si rinnova nella comunione dei fratelli e delle sorelle con il Padre, nell’Amore del Figlio. Anche il logo – tanti cerchi azzurri di diverse dimensioni a comporre un pesce, con la croce al posto dell’occhio – è un richiamo all’unità e all’appartenenza a Cristo.
Il programma è semplice e, al contempo, molto denso: dopo la Recita del Regina Coeli con il Papa, i ragazzi inizieranno a confluire in piazza dalle 14.30 (per accedere è necessario essere iscritti ed in possesso dei biglietti, totalmente gratuiti).
Alle 17.30 accoglieranno Francesco che presiederà la Veglia di preghiera e offrirà alcuni spunti di riflessione a partire proprio dal brano evangelico di Giovanni. L’incontro si concluderà alle 19.30 con la Professione di fede.

L’iniziativa sarà presentata da don Michele Falabretti in un Briefing che si terrà martedì 12 aprile, alle ore 11.30, nella Sala Marconi di Palazzo Pio (Piazza Pia, 3).

I giornalisti e gli operatori media che desiderano partecipare devono inviare richiesta alla Sala Stampa della Santa Sede, esclusivamente attraverso il sistema di accreditamento online, all’indirizzo: press.vatican.va/accreditamenti. Tutte le richieste dovranno pervenire entro 24 ore dall’evento.
Al fine di rispettare le disposizioni anti-Covid sarà consentito l’ingresso ad un massimo di 35 persone. Per accedere alla sala sarà necessario sottoporsi alla misurazione della temperatura, compilare un breve questionario ed essere in possesso di Green Pass rafforzato in formato cartaceo o digitale.

 

 

07 Aprile 2022

Agenda »

Venerdì 27 Gennaio 2023
LUN 23
MAR 24
MER 25
GIO 26
VEN 27
SAB 28
DOM 29
LUN 30
MAR 31
MER 01
GIO 02
VEN 03
SAB 04
DOM 05
LUN 06
MAR 07
MER 08
GIO 09
VEN 10
SAB 11
DOM 12
LUN 13
MAR 14
MER 15
GIO 16
VEN 17
SAB 18
DOM 19
LUN 20
MAR 21
Consiglio nazionale della scuola cattolica Convocazione del Consiglio Nazionale della Scuola Cattolica
E' stato convocato per venrdì 27 gennaio 2023 il Consiglio Nazionale della Scuola Cattoolica.ODG  in elaborazione
Servizio Nazionale per la pastorale delle persone con disabilita‘ Lezione presso l‘Università di Macerata
Ufficio Nazionale per la pastorale della salute Corso FC19 - Diacono sentinella del suo tempo
L´Ufficio Nazionale per la pastorale della salute della CEI, organizza un Corso di formazione per diaconi permanenti nella pastorale della salute dal 27 al 29 gennaio 2023 presso il Centro di spiritualità "Il Carmelo" di Ciampino (RM).I diaconi permanenti vivono una felice stagione di ripresa della loro presenza nella pastorale della salute. Il loro percorso di formazione vede in questa occasione una tappa importante. Il titolo scelto per questo evento richiama la prospettiva di un approfondimento del proprio servizio nel senso di renderlo sempre più attuale e corrispondente alle esigenze dei sofferenti del nostro tempo. I diaconi per loro natura perseguono una direzione profetica: la loro attenzione per il mondo della salute è un richiamo per la Chiesa tutta a prestare attenzione a chi attraversa momenti di sofferenza o porta nella propria carne i segni della fragilità.Scarica il programmaIscriviti online