HomeNotizie

“Giovani,
cercate la bellezza”

semaforo
 
Quale è oggi il martirio? Non usa mezzi termini mons. Simone Giusti, vescovo di Livorno, nell’indicare ai giovani il sentiero della testimonianza: “Rimanere se stessi di fronte ad un potere imperiale così fortemente omologante non solo nel pensiero unico, materialista, ma anche nei comportamenti; avere il Signore Gesù come unico Dio, come unico criterio di scelta per la propria vita; vivere la fedeltà all’eucarestia domenicale, specie in estate; non immolare figli all’idolo del proprio egoismo; vivere la purezza prima e dopo il matrimonio; reggere alla tentazione a non essere come gli altri che sono pagani”. “È duro”, ha ammesso il Catechista: siamo di fronte ad “un martirio etico, dettato dal ‘Nuovo Impero’ il quale, come sempre, vuole che tutti abbiano gli stessi comportamenti e come tanti ‘balilla’ sottostare tutti le stesse parole d’ordine”.
Secondo mons. Giusti, “la razionalità occidentale ha estremo bisogno di essere illuminata tramite l’esperienza mistica anche e soprattutto quella dei ragazzi”. Servono “giovani tesi alla ricerca e al possesso del bello” perché “solo persone che hanno fatto esperienza della bellezza di Dio potranno orientarsi nel mondo e riconoscere il Signore fra mille volti e mille voci e radicarsi nella fede”.
Ai ragazzi che lo ascoltavano il Vescovo ha rilanciato l’interrogativo di Dostoevskij: “è la bellezza che salverà il mondo?”. E ha aggiunto: “occorre educare a riconoscere il bello, e l’educazione della sensibilità religiosa, alla bellezza è uno dei compiti più importanti della formazione cristiana” soprattutto in “anni in cui si palesa il rischio di un ritorno all’imbarbarimento dei cuori (infanticidio, visione economicista e efficientista dell’uomo, abdicazione ai diritti dell’uomo, soppressione dell’handicappato e dell’anziano ammalato)”. La catechesi di mons. Giusti è dunque un accorato appello a “testimoniare la bellezza dell’Amore”. “Solo giovani che hanno iniziato a gustare quanto è buono il Signore – ha sottolineato – saranno suoi instancabili e fedeli ricercatori; solo gente che ha visto anche solo per un attimo la Bellezza, porterà nel cuore il desiderio di rincontrarla ed avrà dentro di se la pietra focale per valutare tutte le esperienze che vive”.
19 Agosto 2011

Agenda »

Giovedì 01 Dicembre 2022
LUN 28
MAR 29
MER 30
GIO 01
VEN 02
SAB 03
DOM 04
LUN 05
MAR 06
MER 07
GIO 08
VEN 09
SAB 10
DOM 11
LUN 12
MAR 13
MER 14
GIO 15
VEN 16
SAB 17
DOM 18
LUN 19
MAR 20
MER 21
GIO 22
VEN 23
SAB 24
DOM 25
LUN 26
MAR 27
Il corso di formazione per animatori musicali delle celebrazioni liturgiche giunge alla sua 16° edizione. Lo svolgimento è interamente in modalità e-learning ed è rivolta agli animatori liturgico-musicali delle parrocchie e delle comunità religiose.
Con un saluto di mons. Pierpaolo Felicolo, direttore generale della Fondazione Migrantes si aprirà, il prossimo 29 novembre, a Roma il Corso di formazione “Linee di pastorale migratoria” 2022. All’incontro partecipano persone provenienti dalle diverse diocesi italiane e dalle Missioni cattoliche Italiane in Europa. Il Corso di formazione si rivolge anzitutto ai nuovi direttori Migrantes regionali e diocesani e ai loro collaboratori, ai cappellani etnici che svolgono il ministero nelle diocesi italiane e ai missionari per gli italiani all’estero, di nuova nomina. La partecipazione è obbligatoria per la validità della nomina stessa e al termine sarà rilasciato un attestato.Tra gli appuntamenti una celebrazione, il 30 novembre, presieduta dal segretario generale della Cei, mons. Giuseppe Baturi. I lavori si concluderanno il 2 dicembre con gli interventi del presidente della Migrantes, l’arcivescovo mons. Gian Carlo Perego e del direttore generale. Durante il corso diversi interventi e testimonianze sulla pastorale della mobilità umana. 
Ufficio Nazionale per i problemi sociali e il lavoro 42° corso di Formazione nazionale Progetto Policoro
Quarto e ultimo webinar di formazione su "Riconciliazione, perdono e conforto dell´anima, della psiche e delle relazioni", dal titolo: La riconciliazione con Dio apre alla riconciliazione con gli altri. Il Corso sarà tenuto online, giovedì 1 dicembre dalle ore 15,00 alle ore 16,30.I destinatari sono cappellani e assistenti spirituali, operatori pastorali della salute, ministri straordinari della Comunione, operatori sanitari, responsabili e collaboratori degli Uffici e delle Consulte diocesane di pastorale della salute e per i problemi sociali e il lavoro, e quanti sono interessati.La partecipazione al Corso è gratuita ma è necessario iscriversi online. L´iscrizione viene fatta per l´intero Corso scelto e non per ogni singolo appuntamento.Il giorno della lezione verrà inviato via mail il link per accedere al  canale YouTube.Per informazioni contattare la Segreteria dell´Ufficio allo 06.66398.477 oppure salute@chiesacattolica.itRelatore del corso: Morena Baldacci, Docente di liturgia, direttrice della sezione pastorale della Commissione Liturgica regionale del PiemonteModeratore: Gianni CervelleraIscrizione onlineProgramma completo del Corso