HomeDocumenti SegreteriaUmiltà, disinteresse, beatitudine. Il cristianesimo come stile per un nuovo..

Umiltà, disinteresse, beatitudine. Il cristianesimo come stile per un nuovo umanesimo.

Saluto del Card. Bassetti alla Facoltà Teologica dell’Italia Centrale di Firenze

Care amiche e cari amici,
vi ringrazio di cuore di avermi invitato a questo importante appuntamento delle Chiese della Toscana per fare il punto sul percorso di rinnovamento missionario inaugurato dal Convegno Ecclesiale di Firenze. Un momento importante e solenne della vita della Chiesa italiana suggellato dall’intervento del santo padre Francesco, con un discorso che costituisce quasi una “piccola enciclica” per la Chiesa italiana, la Chiesa del vescovo di Roma.
Occorre riflettere su quanto vissuto e fatto nella direzione della conversione pastorale e missionaria della Chiesa, per discernere come andare avanti. Vi ringrazio perché se certamente lo scopo del vostro incontro è mettere a fuoco la vita e la missione delle Chiese toscane, questo appuntamento è un segnale importante per tutte la Chiesa italiana.  Mi spiace sinceramene non poter essere presente che con queste poche parole registrate.
La conversione pastorale e missionaria non è semplicemente un progetto pastorale ma la condizione per cui le nostre chiese non si condannino alla irrilevanza e all’autoreferenzialità.
Quando si dice che siamo di fronte a un cambiamento d’epoca, infatti, non proclamiamo uno slogan vuoto ma registriamo un dato di realtà: sono il pluralismo culturale e religioso del mondo globalizzato e i processi di secolarizzazione o post-secolarizzazione estremamente avanzati nelle aree di antica cristianità a imporre la conversione missionaria e pastorale. Siamo in ritardo: la Chiesa non è più, da tempo, la fontana antica al centro del villaggio degli uomini, occorre allora uscire incontro agli uomini; non basta più indicare i nostri valori, occorre accompagnare cammini di speranza! Le nostre stesse strutture necessitano di essere sottoposte al discernimento per essere a servizio di ciò che è essenziale per l’annuncio del Vangelo, attraverso la scelta preferenziale della “povera gente” e il dialogo-profetico in vista della custodia della pace, della giustizia e della salvaguardia del creato. 
Eppure, cari amici e care amiche, che bella sfida! che grazia vivere questo momento di Chiesa per il quale il Concilio Vaticano II ci ha dato, per così dire, tutta la “cassetta degli attrezzi”. Non ci manca nulla: ci basta il Vangelo e la grazia di Gesù!
È una preziosa opportunità essere introdotti ai lavori di oggi dalla relazione del professor Théobald: la sua teologia ci aiuta a cogliere il cuore e la giusta prospettiva della conversione pastorale e missionaria della Chiesa che non è primariamente una riforma delle strutture e neanche una rivisitazione dei nostri linguaggi e dei mezzi a disposizione dell'evangelizzazione, ma è prioritariamente ricezione ecclesiale della Parola di Dio, dinamica teologale della vita di tutta la Chiesa nella povertà e ricchezza dei linguaggi (che sono tanti) degli uomini: luce per discernere la storia della salvezza che si attua oggi e per discernere anche i segni contrari, la presenza di ciò che si oppone al Regno di Dio e che contrasta con l’azione del suo amore per tutte le creature. 
Non essere potenti o non essere presenti nell’agenda dei potenti di turno non ci deve preoccupare, dobbiamo invece preoccuparci se non abbiamo il coraggio di seguire e servire il Cristo povero e umiliato nella vita di quelli che san Giovanni Paolo II ha definito gli sconfitti della vita e che papa Francesco ci invita a riconoscere come gli scarti generati dall’indifferenza che diventa regola di vita in un sistema che idolatra il profitto e i consumi. Siamo chiamati ad essere chiesa nel mondo, nello stile delle beatitudini e nella consapevolezza grave dell’orizzonte descritto da Gesù nel capitolo 25 del Vangelo di Matteo, senza questo, il resto – anche se bello, importante, utile – sarebbe comunque inadeguato.
Grazie, buon lavoro

 

23 Novembre 2019

Agenda »

Sabato 25 Gennaio 2020
LUN 20
MAR 21
MER 22
GIO 23
VEN 24
SAB 25
DOM 26
LUN 27
MAR 28
MER 29
GIO 30
VEN 31
SAB 01
DOM 02
LUN 03
MAR 04
MER 05
GIO 06
VEN 07
SAB 08
DOM 09
LUN 10
MAR 11
MER 12
GIO 13
VEN 14
SAB 15
DOM 16
LUN 17
MAR 18
Ufficio Nazionale per la pastorale della salute Corso di formazione per diaconi permanenti in pastorale della salute
Questa formazione si fonderà su una chiara posizione teologica rispetto al sacramento dell’ordine nel grado del diaconato permanente, sull’acquisizione di una sensibilità specifica al dolore innocente e la maturazione di una risposta matura di servizio di fronte ad ogni sofferenza. Altra necessità sarà la disponibilità a riconoscere i temi attuali di bioetica che si incontrano nel ministero.Le due giornate di Assisi 2020 fanno seguito alla prima giornata sul diaconato permanente in pastorale della salute realizzata nel 2018 e ai laboratori dedicati al tema realizzati negli ultimi due Convegni nazionali di Pastorale della Salute.L’intenzione è di salire un ulteriore gradino verso la definizione di un percorso completo di formazione e inquadramento, sia iniziali che continuativi, del diaconato permanente dedicato alla pastorale della salute; ministero che è chiamato a contribuire in modo determinante -quale ministero soglia- alla Chiesa in uscita, a patto di raggiungere maggior chiarezza identitaria, prima ancora che operativa e di impegno.Programma 
Ufficio Nazionale per la pastorale del tempo libero, turismo e sport Seminario Nazionale sull‘Ospitalità Religiosa (Assisi-Domus Pacis, 24-25 gennaio 2020)
Seminario Nazionale sull´Ospitalità Religiosa (Assisi-Domus Pacis, 24-25 gennaio 2020) dal titolo: "Verso uno stile condiviso di ospitalità conviviale", organizzato da questo Ufficio Nazionale.In allegato la bozza del programma con le note logistiche e la lettera di invito