Messaggio in occasione della Giornata Nazionale delle migrazioni

Messaggio in occasione della Giornata Nazionale delle migrazioni

size=”2″>Se è vero che il bene maggiore è sempre la persona che si mette fraternamente al servizio – e c'è ancora grande bisogno di sacerdoti zelanti e intelligenti per questa cura pastorale – non è men vero che le molteplici iniziative concrete dipendono dal sostegno anche materiale dei fedeli italiani.

La Madonna che trepidò per la sorte del Suo Figlio e che con il Suo sposo Giuseppe conobbe la dura sorte dell'esilio protegga le nostre famiglie ed in particolare quelle dei migranti e dei profughi e dia a tutti noi di impegnarci con sincerità e generosità di opere per formare la grande famiglia dei figli di Dio.
 
Roma, 30 settembre 1987
 
UGO Card. POLETTI
Presidente
LA FAMIGLIA DEI MIGRANTI E IL NOSTRO IMPEGNO PASTORALE
 
La « Giornata nazionale delle migrazioni » di quest’anno veste una particolare importanza per il tema – « la famiglia, anima nelle migrazioni » – e per il momento in cui si svolge, dopo cioè il Sinodo dei Vescovi che ha trattato dei laici nella loro vocazione cristiana e missione nel mondo e quando la Chiesa che è in Italia ha apportato nel settore delle migrazioni rilevanti adeguamenti strutturali.
Infatti, dopo la decisione per una « commissione ecclesiale » più snella, operativa e partecipata (Assemblea C.E.I. del 1985) ora è stata anche eretta una Fondazione (Consiglio Episcopale Permanente, 1987), la « Migrantes », che abbraccia, come già la Commissione, tutti i settori della mobilità umana per ragioni di lavoro, migranti-marittimi-nomadi. Questi adeguamenti strutturali mirano, tra l'altro, ad un maggiore coinvolgimento ecclesiale e ad una più robusta incisività di interventi.
Per la pastorale dei migranti non c'è forse ambito più importante, comune ed attuale che quello della famiglia, « cellula fondamentale della società » (rapporto del Consiglio d'Europa) « chiesa domestica » (Vaticano II). Di fatti il S. Padre scrive che « la Famiglia del migrante costituisce un singolare fenomeno che interessa la Chiesa a causa della cura pastorale che essa deve offrire a tutti i membri, specialmente a quelli che si trovano in situazioni più gravi, tanto più che la condizione delle famiglie dei migranti si riflette profondamente sia nelle comunità ecclesiali di partenza del migrante, sia – e forse ancor più – nella comunità di arrivo, di insediamento e di accoglienza » (Messaggio per la Giornata Mondiale del migrante 1986-87).
Il nostro Paese è da tempo fortemente confrontato con i problemi della famiglia dei suoi emigrati e recentemente anche degli immigrati esteri nonché con quella dei nomadi e dei marittimi.
Chiedo pertanto a tutti di intensificare i propri sforzi e di impegnarsi perché si raggiungano efficaci frutti con questa « Giornata delle migrazioni » (domenica 15 novembre) e con la novità organizzativa di una « settimana dei migranti » che la precede onde permettere alle comunità ecclesiali ed ai gruppi e movimenti di trattare le problematiche e di progettare interventi.
Mi riferisco soprattutto alla conoscenza ed ai rapporti tra persone, alla solidarietà nelle tante necessità concrete, alla difesa della unità della famiglia e della sua « missione di trasmettere i valori della vita » (Giovanni Paolo II), alla netta opposizione ad ogni atteggiamento di rifiuto, emarginazione, xenofobia, alla cura della formazione delle giovani famiglie e dei matrimoni misti.
Ma l'occasione è opportuna anche per prendere impegni precisi di tutela legale delle famiglie degli immigrati, e soprattutto dei profughi, di promozione scolastica e culturale dei ragazzi e dei giovani, di difesa della salute fisica, mentale e morale, di accettazione delle famiglie dei nomadi senza pregiudizi emotivi, alla comprensione verso le famiglie dei marittimi tanto provate da prolungata e forzata divisione dei coniugi: in poche parole di « farsi prossimo » a questi ultimi.
Dobbiamo avere lucidità di giudizio e sguardo di fede per riconoscere nei migranti le ricchezze morali ed i valori di cui sono portatori e per vedere in questa mobilita umana una occasione di approfondire e verificare la nostra « cattolicità » ed « umanità ».
Confido, infine, che le nostre comunità saranno generose a sostenere anche materialmente la presenza ed attività della Chiesa italiana a favore degli emigrati italiani e degli immigrati esteri, dei nomadi e dei marittimi.
30 Settembre 1987

Agenda »

Martedì 15 Giugno 2021
LUN 14
MAR 15
MER 16
GIO 17
VEN 18
SAB 19
DOM 20
LUN 21
MAR 22
MER 23
GIO 24
VEN 25
SAB 26
DOM 27
LUN 28
MAR 29
MER 30
GIO 01
VEN 02
SAB 03
DOM 04
LUN 05
MAR 06
MER 07
GIO 08
VEN 09
SAB 10
DOM 11
LUN 12
MAR 13
Ufficio Nazionale per la pastorale della famiglia Tavolo di lavoro progetto Carità è Famiglia: consultorio Atene
Incontro online con l'equipe di coordinamento del progetto CArità è Famiglia: Consultorio familiare di Atene, martedì 15 giugno 2021 ore 09,30
Ufficio Nazionale per la pastorale delle vocazioni Commissione ‘Tematica e Convegno‘
Si riunisce online la Commissione ´Tematica e Convegno´ per una prima elaborazione della Tematica del prossimo anno pastorale 2021/2022.Vai a:Ufficio nazionale per la pastorale delle vocazioni – Ufficio della Conferenza Episcopale Italiana (chiesacattolica.it)