HomeNotizieDare pane alla speranza
Ambiente

Dare pane alla speranza

Expo

Martedì 13 aprile nell’Aula Giovanni Paolo II della Sala Stampa della Santa Sede si è tenuta la conferenza stampa di presentazione del padiglione della Santa Sede a Expo Milano 2015.
Il card. Gianfranco Ravasi, presidente del Pontificio Consiglio della Cultura e commissario generale del Padiglione della Santa Sede, ha ricordato come questa presenza ecclesiale all’Expo si inserisca nel solco di una lunga tradizione, risalente già a Pio IX. «Le manifestazioni internazionali – ha affermato – sono un’occasione propizia per proporre, anche attraverso il linguaggio estetico e le opere d’arte che la fede cristiana ha saputo generare nei secoli, in modo originale e creativo, il proprio messaggio culturale e spirituale».
Il messaggio che la Santa Sede proporrà ai milioni di visitatori, ha aggiunto, «costituisce un invito a riscoprire le dimensioni della solidarietà e della fratellanza per imparare insieme a custodire il pianeta e dare un futuro di speranza all’umanità».
Già in Italia, ha sottolineato  Mons. Domenico Pompili, sottosegretario della CEI, «oltre 4.000.000 di persone (di cui il 70% cittadini italiani) sono sotto la soglia della povertà alimentare e vengono sostenute nei loro bisogni primari da quasi 15.000 strutture caritative territoriali che attraverso i pacchi alimentari, le mense o altre forme di intervento più innovative offrono aiuto a chi ne ha bisogno».
In Italia – ha aggiunto Pompili – «non è in atto un’emergenza alimentare in senso stretto – imputabile ad una riduzione delle quantità di cibo disponibile – quanto un’emergenza economica che, a causa di una riduzione generale dei consumi, sta determinando significative conseguenze anche sul fronte alimentare». L’azione ecclesiale contro la fame (che negli ultimi 5 anni è pressoché raddoppiata) – ha concluso – «si esplica anche nell’ambito delle 1.148 iniziative anticrisi avviate nelle diocesi».
Mons. Luca Bressan, vicario per la Cultura dell’Arcidiocesi di Milano, ha infine evidenziato come la diocesi ambrosiana, custode del legame con il territorio che ospita e anima la manifestazione, si senta impegnata «a dare vita e forza al messaggio che la Chiesa intende portare ad EXPO (“Non di solo pane”) moltiplicandolo e distribuendolo per le vie della città, nelle sue piazze, dove la gente vive e lavora, in quegli spazi che i turisti e visitatori di EXPO attraverseranno».
Durante la conferenza stampa, è stato presentato lo spot realizzato per Expo 2015 dall’Università Cattolica. Tv 2000 ha reso inoltre disponibili le immagini esclusive della recente visita del cardinale Angelo Scola nel cantiere del padiglione della Santa Sede.

14 aprile 2015

Agenda »

Domenica 18 Novembre 2018
LUN 12
MAR 13
MER 14
GIO 15
VEN 16
SAB 17
DOM 18
LUN 19
MAR 20
MER 21
GIO 22
VEN 23
SAB 24
DOM 25
LUN 26
MAR 27
MER 28
GIO 29
VEN 30
SAB 01
DOM 02
LUN 03
MAR 04
MER 05
GIO 06
VEN 07
SAB 08
DOM 09
LUN 10
MAR 11
La Pastorale della salute si muove dentro un contesto culturale che nel corso del tempo ha cercato di trovare possibili risposte al problema della sofferenza e in modo particolare alla sofferenza innocente. Oggi come non mai questo problema sfida la ragione moderna e se spesso si preferisce spostare il problema o cercare di relativizzarlo rimane sempre una domanda aperta davanti ai grandi dramma della storia umana.Rispondendo a un´esigenza manifestata da più parti di approfondire una tematica che sta particolarmente a cuore ai diaconi permanenti, si terrà ad Assisi, dal 17 al 18 novembre 2018, il Seminario di approfondimento sui temi del diaconato nel mondo della salute.Scarica il programmaIscrizioni online
Segreteria Generale 2a Giornata dei Poveri
Il corso, che si terrà ad Assisi dal 18 al 23 novembre 2018, vuole offrire a cappellani e operatori pastorali che iniziano questo ministero o che sentono l’esigenza di un’ulteriore preparazione, alcuni elementi fondamentali di pastorale della salute.Essere accanto al malato, come «presenza e azione della Chiesa per recare la luce e la grazia del Signore a coloro che soffrono e a quanti se ne prendono cura» (cfr La pastorale della salute nella Chiesa italiana n. 19) è un compito prezioso e delicato che necessita passione e formazione.ProgrammaInformazioni logistiche