HomeNotizieDalle radici la linfa dell'ora e del domani

Dalle radici la linfa
dell'ora e del domani

bagnasco2
“Quando il Santo Padre parla di dittatura del relativismo mette il dito sulla piaga… Il male vuole convincere l’uomo che tutto consegnato all’opinione di ciascuno. Ma se tutto è relativo, c’è qualcosa per cui vale la pena di vivere e di morire? Si può spendere la vita per un mistero, non per un punto interrogativo…”. Si è introdotto con queste parole il Card. Bagnasco, parlando a Madrid, giovedì 18, ai giovani italiani.

Il Presidente della Cei ha ricondotto a questo orizzonte chiuso anche quell’atteggiamento che porta a “vivere per sé”, nel proprio perimetro, in una sorta di linea di difesa che porta al torpore dell’anima, all’indifferenza spirituale e intellettuale, che “rende lenti e poco vigili”.
Per non rimanere prigionieri di tale povertà, il Cardinale ha esortato i giovani a “spingere lo sguardo direttamente su Gesù Cristo: Lui non è un idea, una filosofia. E’ molto di più. E’ più che un profeta, più che un maestro, più che un eroe, più che un martire, più che un liberatore… è il Figlio di Dio fatto uomo!”. La strada della vita, ha continuato Bagnasco, è quella della “comunione personale con Cristo, è il nostro vivere in Lui, è essere incorporati in Lui, così che l’agire di Gesù diventa nostro perché è Lui stesso che agisce in noi”.
La condizione perché tutto ciò si avveri in maniera continuativa nella vita, ha concluso il Cardinale, passa attraverso tre verbi: conoscere (per cui il richiamo alla formazione cristiana, in quel noi che è la Chiesa), stare (fatto di preghiera personale e partecipazione sacramentale all’Eucaristia e alla Confessione) e custodire (parola che rimanda a quella fedeltà che evita che il dono ricevuto venga deturpato).
18 agosto 2011

Agenda »

Lunedì 21 Gennaio 2019
LUN 21
MAR 22
MER 23
GIO 24
VEN 25
SAB 26
DOM 27
LUN 28
MAR 29
MER 30
GIO 31
VEN 01
SAB 02
DOM 03
LUN 04
MAR 05
MER 06
GIO 07
VEN 08
SAB 09
DOM 10
LUN 11
MAR 12
MER 13
GIO 14
VEN 15
SAB 16
DOM 17
LUN 18
MAR 19