HomeNotizieAccanto a chi rischia l'emarginazione sociale

Accanto a chi rischia
l'emarginazione sociale

solitudine
L’ospedale “São Francisco de Assis na Providência de Deus” – con i suoi 600 posti letto, 22 reparti, 350 medici e 500 infermieri – sorge a Tijuca, nel popoloso quartiere di Rio de Janeiro. Mercoledì 24 luglio, quando in Italia sono le 23.30 (diretta televisiva su Tv2000 e streaming su questo sito),Papa Francesco vi inaugurerà una nuova sezione, un “Polo di Attenzione Integrale alla Salute Mentale”, destinato soprattutto alla cura e al recupero dei giovani tossicodipendenti.
A Rio, il problema si è amplificato sensibilmente con la diffusione, a partire dal 2000, del “crack”, una sostanza stupefacente altamente pericolosa per il grado di elevata dipendenza e di istinti violenti che induce, disinibendo i principali centri di controllo del sistema nervoso centrale. Di conseguenza, spesso porta all’alienazione sociale o comunque a forme di psicosi.
L’Associazione che dal 1985 sostiene l’ospedale – e di cui porta il nome – si è fatta promotrice del progetto, nella consapevolezza di dover affrontare il problema all’interno di una politica di salute pubblica: necessita del coinvolgimento di strutture e di professionisti che, lavorando in equipe, siano in grado di portare avanti un itinerario educativo, che abbracci dalla prevenzione al sostegno della famiglia, nonché tutte le fasi di trattamento con i pazienti.
Di qui l’esigenza di ristrutturare radicalmente un’ala dell’ospedale “São Francisco de Assis”, per destinarla a tale servizio. Alla realizzazione di quest’opera, dalla forte valenza sociale, si è giunti grazie al contributo economico della Conferenza Episcopale Italiana.
“Questa non è che una delle tante forme di sostegno che il Comitato per gli interventi caritativi a favore del Terzo Mondo – spiega il Responsabile del Servizio, mons. Giovanni Battista Gandolfo – porta avanti nei Paesi in via di sviluppo: un impegno caritativo che è il fiore all’occhiello della Chiesa italiana, con circa un migliaio di progetti approvati ogni anno. I finanziamenti? Derivano dai fondi dell’8 per mille, quindi sono frutto della fiducia che porta il cittadino italiano a firmare ogni anno la dichiarazione dei redditi per la Chiesa Cattolica”.
In cifre si tratta di oltre 80 milioni di euro, che costituiscono la possibilità di sostegno a innumerevoli iniziative.
“Sono essenzialmente tre gli ambiti della nostra presenza – spiega ancora mons. Gandolfo -: quello sanitario, all’interno del quale ricade il progetto dell’ospedale di Rio, e dove il nostro sostegno va a quanti si prendono a cuore la prevenzione, la cura e l’accompagnamento dei più bisognosi; quello della formazione, con particolare attenzione alla donna: qui accompagniamo progetti di inserimento scolastico, volti a favorire sia l’insegnamento basilare sia l’apprendimento di un mestiere; infine, il settore culturale, con il quale si cerca non solo di vincere l’analfabetismo, ma anche di favorire le condizioni per il conseguimento di un diploma o di una laurea, promuovendo quindi il sapere della persona”.
Sempre mercoledì 24 luglio, alle 15.30 (ora italiana), il Santo Padre celebra la S. Messa nella Basilica di Nostra Signora della Concezione di Aparecida, il più grande santuario dell’America Latina (diretta televisiva su Tv2000 e streaming su questo sito).
23 luglio 2013

Agenda »

Martedì 19 Marzo 2019
LUN 18
MAR 19
MER 20
GIO 21
VEN 22
SAB 23
DOM 24
LUN 25
MAR 26
MER 27
GIO 28
VEN 29
SAB 30
DOM 31
LUN 01
MAR 02
MER 03
GIO 04
VEN 05
SAB 06
DOM 07
LUN 08
MAR 09
MER 10
GIO 11
VEN 12
SAB 13
DOM 14
LUN 15
MAR 16
Ufficio Nazionale per i beni culturali ecclesiastici e l‘edilizia diculto Corso CEI-AR
Ufficio Nazionale per i beni culturali ecclesiastici e l‘edilizia diculto Corso di formazione sul programma CEI-Immobili
La gestione del patrimonio immobiliare nelle diocesi: gli strumenti informatici, è il titolo del corso di formazione rivolto agli incaricati diocesani che si occupano di gestione del patrimonio immobiliare nelle diocesi, organizzato dall’Ufficio Nazionale per i beni culturali e l’edilizia di culto, dall’Economato e Amministrazione e dal Servizio Informatico della Conferenza Episcopale Italiana, in programma a Roma nei giorni 19-20 marzo 2019, che ha per obiettivo proporre strumenti software comuni o fortemente integrati pur avendo punti di vista ed esigenze diverse.Dopo la presentazione dello scorso 19 aprile e un periodo di test in alcune diocesi, i nuovi software per la conoscenza e la manutenzione degli immobili vengono illustrati in modo dettagliato, anche con sessioni pratiche di esercitazione, per consentire alle diocesi una immediata operatività.Oltre alla convergenza tra gli strumenti, è necessario definire alcuni criteri omogenei per la descrizione degli immobili, pur con la necessaria adattabilità alle molteplici situazioni. Specifica attenzione viene quindi riservata a tale problematica ed esigenza.Si articolerà in momenti diversi: alcuni di illustrazione di criteri generali e linee guida (in sessione plenaria); altri di esercitazione pratica (in gruppi di lavoro).Il corso si svolgerà  il 19 e 20 marzo, a Roma presso Casa La Salle (via Aurelia 472). Per partecipare è necessaria l’iscrizione con la procedura online dai siti web servizioinformatico.chiesacattolica.it o bce.chiesacattolica.itPer consentire anche esercitazioni pratiche, è previsto un numero massimo di partecipanti, per cui si prega di iscriversi tempestivamente. In caso di esaurimento posti verranno immediatamente organizzati e comunicati nuovi corsi.L’iscrizione al corso è da intendersi accettata SOLO DOPO aver ricevuto esplicita email di conferma da parte della segreteria del corso.Per info: sicei@chiesacattolica.it, tel. 06 66398333 oppure 848 580167.