HomeNotizieSettimana residenziale per seminaristi a Vallombrosa

Settimana residenziale per seminaristi a Vallombrosa

“Come potranno sentirne parlare senza che qualcuno lo annunzi?” (Rm 10,14) è il titolo della settimana residenziale per seminaristi e teologi che si terrà dal 28 giugno al 3 luglio a Vallombrosa (FI) presso l’albergo La Foresta (via S. Giovanni Gualberto, 2). E’ promosso dall’Ufficio nazionale per le comunicazioni sociali, dal Servizio nazionale per il progetto culturale e dal Servizio informatico della CEI e dal Centro Interdisciplinare Lateranense Aprirà i lavori, lunedì 29 giugno, la relazione di Mons. Dario Edoardo Viganò, docente di comunicazione e preside del Pontificio Istituto Redemptor Hominis della Pontificia Università Lateranense, su “La Chiesa nel tempo dei media”.

 
Il 30 giugno toccherà a Michele Sorice, docente alla Pontificia Università Gregoriana, con una relazione sul tema “Social network” mentre Ernesto Diaco, vice responsabile del Servizio nazionale per il progetto culturale della Cei, interverrà su “L’esperienza del progetto culturale a dieci anni dalla nascita”. Il giorno seguente sarà la volta di Massimiliano Padula, docente alla Pontificia Università Lateranense, con una relazione su “Nuove relazioni e nuovi modelli educativi”, poi di Vincenzo Grienti, giornalista dell’Ufficio nazionale per le comunicazioni sociali, che terrà un intervento su “La galassia dei media CEI”. Questa edizione della Settimana residenziale si inserisce nell’ambito dell’Anno Paolino.
Il corso ha l’intento di riflettere sulle questioni antropologiche che emergono dalla presenza e diffusione delle nuove tecnologie, a partire dai social network, per offrire a dei giovani che si preparano ad accogliere il dono del ministero ordinato le coordinate per un rinnovato stile di leadership nelle comunità a cui saranno inviati. La proposta, nello scenario della grande tradizione di preghiera dei benedettini Vallombrosani, alterna momenti di riflessione teorica a laboratori e alla condivisione di esperienze. Il 2 luglio, infatti, saranno l’Arcidiocesi di Milano e poi quella di Siracusa a testimoniare le proprie rispettive esperienze, particolarmente significative: prima don Davide Milani, portavoce di S.Em.za il card. Dionigi Tettamanzi, e poi don Santino Fortunato, Direttore dell’Ufficio diocesano per le comunicazioni sociali di Siracusa e incaricato regionale per le comunicazioni sociali.
Nel pomeriggio invece Paolo Mascarino, Responsabile del Servizio per la promozione del sostegno economico alla Chiesa Cattolica, fornirà alcune informazioni sull’8 per mille, mentre il 3 luglio sarà Mons. Domenico Pompili, Sottosegretario e Portavoce della CEI, a intervenire con una relazione sul ” mons. Paul Tighe, Segretario del Pontificio Consiglio delle comunicazioni sociali. Ulteriori informazioni sono disponibili nel sito www.chiesacattolica.it/comunicazione
 
19 giugno 2009

Agenda »

Venerdì 14 Dicembre 2018
LUN 10
MAR 11
MER 12
GIO 13
VEN 14
SAB 15
DOM 16
LUN 17
MAR 18
MER 19
GIO 20
VEN 21
SAB 22
DOM 23
LUN 24
MAR 25
MER 26
GIO 27
VEN 28
SAB 29
DOM 30
LUN 31
MAR 01
MER 02
GIO 03
VEN 04
SAB 05
DOM 06
LUN 07
MAR 08
Il nuovo organismo dell´UCN è affidato al coordinamento di don Salvatore Soreca e don Giorgio Bezze. e ha come membri  il Prof. Michele Aglieri, Sr. Giancarla Barbon, Dott.ssa Katia Bolelli, Dott.ssa Anna Teresa Borrelli, don Andrea Cavallini, don Luigi Donati Fogliazza, don Maurizio Mirai, Prof. Don Ubaldo Montisci, P. Rinaldo Paganelli e Dott.ssa Avv. Angela Pesce.Fra i suoi obiettivi:a) proseguire il monitoraggio delle principali iniziative italiane in campo formativo, anche mediante l’utilizzo e l’arricchimento del portale www.formazionecatechisti.it;b) sostenere le realtà diocesane e associative con la stesura e la pubblicazione di un Vademecum per la formazione che recepisca gli studi più aggiornati in materia, nonché la disponibilità a interventi sul territorio per rileggere l’impostazione delle prassi formative;c) proporre nell’autunno 2019 una sessione di formazione rivolta ai direttori UCD e ai referenti formativi delle diocesi, delle regioni e delle realtà associative, con particolare attenzione a quegli ambiti in cui non è già attiva un’esperienza analoga (p. es.: i rapporti tra catechesi e altre azioni ecclesiali, la costruzione di un itinerario; le resistenze consce o inconsce alla formazione; i nuovi scenari della formazione degli adulti);d) formulare proposte circa la costituzione di un Settore UCN stabile dedicato alla formazione.