Notizie

20 agosto 2018

San Bernardo, abate e dottore della Chiesa
HomeNotizieRom e Sinti insieme dal Papa

Rom e Sinti
insieme dal Papa

rom2
L’11 e il 12 giugno, a 150 anni dalla nascita del Beato Zeffirino (Ceferino) Gimenez  Malla (1861-1936), il primo zingaro elevato agli onori degli altari, una rappresentanza di Rom italiani ed europei sarà in visita a Roma, organizzati dalla Fondazione Migrantes in collaborazione con il Pontificio Consiglio per i Migranti e gli Itineranti. Sabato 11 giugno, alle 10, ci sarà il raduno in Piazza San Pietro e alle 12 Benedetto XVI, incontrerà una rappresentanza di Rom, Sinti e Camminanti (presenti in 170.000 in Italia e in 12 milioni in tutta Europa), che saranno accompagnati da Mons. Bruno Schettino, Arcivescovo di Capua e Presidente della Commissione Episcopale per le migrazioni.
Domenica 12 giugno, inoltre, presso il Santuario del Divino Amore a Roma (via del Santuario, 10) alle 11, mons. Pietro Santoro, Vescovo di Avezzano,  presiederà la S. Messa presso la “cappella a cielo aperto” dedicata al Beato Zeffirino il 4 maggio 1997. La celebrazione, cui parteciperà anche mons. Antonio M. Vegliò, Presidente del Pontificio Consiglio per i Migranti e gli Itineranti, sarà trasmessa in diretta televisiva da RaiUno.
Di seguito, la nota con cui mons. Giancarlo Perego, direttore generale di Migrantes, commenta l’evento.
 
L’udienza di Papa Benedetto a una rappresentanza di rom, sinti, camminanti e altre minoranze e tradizioni di questo 28° popolo europeo di 12-15 milioni di persone è un segno importante per la Chiesa. L’incontro prepara la Pentecoste, la solennità in cui la Chiesa si ripensa universale, cattolica, dove tutti si debbono sentire a casa. Una consapevolezza presente nel Magistero da sempre. Pio XII ricordava che “a nessun membro del Corpo mistico di Cristo la Chiesa chiede quale sia il suo passaporto, prima di risolversi ad inserirlo nella vita della comunità e farli partecipi dei propri beni spirituali e del proprio affetto”. Paolo VI, che incontrò i rom a Pomezia nel settembre 1965, prima della chiusura del Concilio Vaticano II dove riprenderà l’icona del Buon Samaritano come sintesi della teologia e spiritualità conciliare, amava dire che“i migranti non dovranno sentirsi stranieri in nessun paese, in nessuna regione in cui c’è la Chiesa di Cristo, che vive ed opera, che celebra l’Eucaristia, mistero di carità e fonte d’unità: nell’Eucaristia tutti si sentono fratelli”. Giovanni Paolo II affermerà che nella Chiesa nessuno è straniero, e la Chiesa non è straniera a nessun uomo e in nessun luogo”. Benedetto XVI si pone in questa tradizione cattolica, universale, consapevole che la Chiesa è chiamata ancora a mettersi sulla strada, incontrare i popoli e le persone, relazionarsi con tutti, con una preferenza per i poveri e gli ultimi. Non è la sua politica. E’ la sua missione. L’evangelizzazione chiede ai cristiani oggi di andare da Nazareth a Gerusalemme e fermarsi a incontrare ‘gli altri’. E tra gli altri davanti ai quali non passare oltre oggi ci sono i rom. A questa parola, al ‘mondo di mondi’ che essa richiama, spesso sono legate diffidenze, pregiudizi, violenze. Soprattutto non si conosce questo popolo. L’incontro del Papa con i rom ci ricorda che non si può costruire Chiesa, città senza di loro. La Chiesa sarebbe più povera senza la passione che fin dal ‘400 ha mosso questo popolo a diventare pellegrino a Roma, per incontrare il Papa. La Chiesa sarebbe più povera senza una fede semplice, fortemente mariana che ha sempre caratterizzato questo popolo. Il beato Zeffirino, il rom che nel 1936, durante la guerra civile spagnola, sarà fucilato e gettato in una fossa comune per difendere un prete offeso e il suo rosario, è il segno più bello nella Chiesa di questa fede e religiosità popolare. Anche la Città sarebbe più povera senza chi ci ricorda continuamente, ad alcuni angoli e nelle piazze, anche con insistenza, la necessità di condivisione. La Città sarebbe più povera senza un popolo che per metà è formato da bambini, e che ricorda come le chiusura, l’individualismo invecchia la nostra società e non offre un futuro.
Chiesa e Città ritrovano in questo incontro di Benedetto XVI un segno da leggere come un dono dello Spirito, perché i rom siano riconosciuti come fratelli, come cittadini.
08 giugno 2011

Agenda »

Lunedì 20 Agosto 2018
LUN 20
MAR 21
MER 22
GIO 23
VEN 24
SAB 25
DOM 26
LUN 27
MAR 28
MER 29
GIO 30
VEN 31
SAB 01
DOM 02
LUN 03
MAR 04
MER 05
GIO 06
VEN 07
SAB 08
DOM 09
LUN 10
MAR 11
MER 12
GIO 13
VEN 14
SAB 15
DOM 16
LUN 17
MAR 18
Nessun Evento