HomeNotizieQuando si calpesta la dignità del povero

Quando si calpesta
la dignità del povero

silenzio
La condanna dell’Italia, pronunciata giovedì 23 febbraio, da parte della Corte Europea dei Diritti umani per il respingimento in mare di cittadini eritrei e somali provenienti dalla Libia nel 2009 – considerato una triplice violazione (per trattamento inumano, per mancanza di accesso al ricorso, per espulsioni collettive) della Convenzione europea dei diritti umani in tema di protezione internazionale – è una conferma della legittimità delle richieste e delle proteste in quel tempo di diversi Enti e Organizzazioni, spiega una nota della Migrantes.
“La sentenza – aggiunge – pone sullo stesso piano le espulsioni di massa e i respingimenti di massa e condanna come colpevoli di non protezione internazionale gli Stati che respingono i profughi verso altri Stati – come nel 2009 la Libia – che non tutelano il diritto alla protezione internazionale. Purtroppo nei respingimenti che hanno interessato almeno 1000 persone, tra cui donne in gravidanza e bambini, molti hanno anche perso la vita: un dramma che purtroppo pesa sulla nostra coscienza e sulla coscienza europea. L’auspicio è che la sentenza aiuti a costruire un Mar Mediterraneo come un mare comune, ‘nostrum’, in cui al centro sia la tutela dei diritti prima che dei confini e che preveda canali umanitari per la tutela dei profughi”.
24 febbraio 2012

Agenda »

Mercoledì 24 Ottobre 2018
LUN 22
MAR 23
MER 24
GIO 25
VEN 26
SAB 27
DOM 28
LUN 29
MAR 30
MER 31
GIO 01
VEN 02
SAB 03
DOM 04
LUN 05
MAR 06
MER 07
GIO 08
VEN 09
SAB 10
DOM 11
LUN 12
MAR 13
MER 14
GIO 15
VEN 16
SAB 17
DOM 18
LUN 19
MAR 20
Ufficio Nazionale per la cooperazione missionaria tra le Chiese Consiglio Missionario Nazionale