HomeNotizie“Ogni terra è patria, ogni patria è straniera”

“Ogni terra è patria,
ogni patria è straniera”

raga15
 
“Da dove proviene ai credenti la forza di porsi in alternativa al modo comune di vivere del mondo?” si chiede mons. Giuseppe Betori, commentando la lettera A Diogneto: “La forza si identifica nella prossimità alla persona di Gesù, accolto come presenza vivificante della nostra vita”.
L’Arcivescovo di Firenze ha spiegato ai giovani che “accogliere la chiamata a farci discepoli di Gesù non ci separa dal mondo: la sequela di Cristo si attua nel mondo e non separatamente da esso, lontano da ogni rifiuto della condizione storica dell’uomo e dell’ordine della creazione che ne è il fondamento”.
Infatti, è “la potenza della vita di Cristo in noi permette di vincere il male e di offrire al mondo una testimonianza di vita buona, non come qualcosa che viene da noi, come un dono di Dio in noi e attraverso di noi”
Di conseguenza, “la presenza del cristiano nel mondo non si configura come un adeguamento ad esso, senza una prospettiva critica: proprio la fede costituisce un principio irrinunciabile di discernimento in ordine al vero, al bene, al giusto e al bello”.
Una fede – ha lasciato intendere mons. Betori – che per essere tale deve ritrovare anche “la dimensione escatologica nella spiritualità personale, nella vita pastorale delle comunità e nell’impegno storico dei cristiani”.
20 agosto 2011

Agenda »

Domenica 26 Maggio 2019
LUN 20
MAR 21
MER 22
GIO 23
VEN 24
SAB 25
DOM 26
LUN 27
MAR 28
MER 29
GIO 30
VEN 31
SAB 01
DOM 02
LUN 03
MAR 04
MER 05
GIO 06
VEN 07
SAB 08
DOM 09
LUN 10
MAR 11
MER 12
GIO 13
VEN 14
SAB 15
DOM 16
LUN 17
MAR 18