HomeNotizieL'imbragatura per una salita sicura

L'imbragatura
per una salita sicura

claudio

“Amo la montagna e molto ho imparato scalando le montagne; mi piace affrontare salite impegnative lungo quelle vie che sono definite «ferrate». La fede può essere paragonata a questo tipo di percorso, perché vi sono due elementi indispensabili: uno oggettivo – la montagna – e uno soggettivo che include il mio desiderio di salire, un’adeguata attrezzatura, tra cui l’imbragatura che attraverso i moschettoni mi permette di essere ben ancorato alla corde fisse della ferrata”.

Mons. Claudio Giuliodori ha aperto il suo dialogo con i giovani con questa immagine efficace per presentare la fede come “l’essere in relazione con Dio, con un Dio che ci trascende e che sembra irraggiungibile: in realtà non è impossibile salire fino alla vetta di Dio, anche perché lui ci ha preparato la strada. Per affrontarla occorre mettersi in gioco con la propria libertà e il proprio impegno usando le capacità naturali e gli strumenti, proprio come avviene per l’imbragatura per la montagna”.

Anche nella fede, ha spiegato, c’è un dato oggettivo, un contenuto, e un dato soggettivo, ossia l’esperienza: “Nella relazione di fede, nessuno dei due elementi può prescindere dall’altro, ma si rafforza nel rapporto con l’altro fino a diventare un tutt’uno, quasi inseparabile”.
Da valida guida alpina, Giuliodori ha ricordato che “la fede che noi viviamo non è astratta e generica, ma è la fede che ci ha insegnato Gesù Cristo, manifestandoci tutta la fiducia di Dio nei nostri confronti e chiedendoci di fidarci di Lui e di seguirlo”.
La fede, ha proseguito, richiede allenamento continuo: essa è “un dono che dobbiamo saper coltivare e far crescere”. Questa, ha sottolineato il Vescovo, rimane “la sfida attuale”, rispetto ad un mondo che vuole “sminuire la figura di Gesù nella sua verità storica e nella sua identità di Dio fatto uomo: non è un caso che il Santo Padre Benedetto XVI abbia scritto due volumi sulla vita di Gesù di Nazareth affrontando le questioni fondamentali sia storiche che teologiche”.
Accanto a questa sfida, ha aggiunto, vi sono quelle che “nascono da rapporto tra fede e ragione o fede e scienza; sfide che toccano la vita umana dal concepimento al suo termine naturale, il significato della sessualità e dell’amore, la costruzione della civiltà dell’amore fondata sulla giustizia e sulla solidarietà. La dimenticanza di Dio è all’origine di tutti i problemi della società”.
Mons. Giuliodori ha concluso evidenziando come la fede non sia quindi un atteggiamento religioso del passato, legato a tradizioni da conservare o riti da ripetere, ma una relazione viva e palpitante con il Signore che ci chiama in gioco direttamente. Per essere tale, “deve essere invocata perché è un dono, ma deve essere anche educata e pertanto è necessaria la formazione – teologica, spirituale e morale -: per chi segue Gesù la formazione non un fatto intellettuale, ma si situa sempre dentro l’esperienza di vita della comunità ecclesiale che ci accompagna e ci sostiene, a partire da quel centro che è costituito dall’Eucaristia”.
17 agosto 2011

Agenda »

Domenica 21 Ottobre 2018
LUN 15
MAR 16
MER 17
GIO 18
VEN 19
SAB 20
DOM 21
LUN 22
MAR 23
MER 24
GIO 25
VEN 26
SAB 27
DOM 28
LUN 29
MAR 30
MER 31
GIO 01
VEN 02
SAB 03
DOM 04
LUN 05
MAR 06
MER 07
GIO 08
VEN 09
SAB 10
DOM 11
LUN 12
MAR 13
Ufficio Nazionale per la cooperazione missionaria tra le Chiese 92a Giornata Missionaria Mondiale