HomeNotizieLa paura non spegne la corsa dei volontari

La paura non spegne
la corsa dei volontari

nucleare
Caritas Giappone e la Chiesa, attraverso le 4 diocesi, le numerose parrocchie, i volontari e lo staff stanno contribuendo in maniera coordinata allo sforzo che a livello nazionale si sta facendo per fornire gli aiuti alla popolazione. Confortante è la disponibilità di moltissimi volontari, soprattutto giovani, che da tutte le diocesi chiedono di poter andare nelle zone più colpite per rendersi utili. Lì il problema principale è la mancanza di cibo e di carburante. Chi riesce ad allontanarsi si sposta principalmente verso sud. Caritas Giappone ha messo a disposizione le proprie strutture e si sta coordinando col governo per assistere i casi più bisognosi, in particolare le persone anziane, disabili e le famiglie con bambini piccoli.
Mercoledì 16 marzo a Sendai si è svolto un incontro di tutti i Vescovi, con la partecipazione dunque del presidente di Caritas Giappone S.E. Mons. Isao Kikuchi e di padre Narui, per condividere un piano globale di aiuti come Chiesa cattolica.
Caritas Italiana ha immediatamente espresso vicinanza e solidarietà a Caritas Giappone e alla popolazione giapponese, mettendo a disposizione un primo contributo di centomila euro. Si tiene in costante collegamento con Caritas Giappone e con la rete internazionale attraverso aggiornamenti e teleconferenze per coordinare gli interventi, analizzare i bisogni di tutta l’area colpita dal terremoto e dallo tsunami, cercare di raggiungere anche le zone più lontane e inaccessibili.
Innumerevoli i messaggi di vicinanza e gli aiuti offerti dalle Caritas di tutto il mondo. In particolare va segnalata la mobilitazione delle Caritas dei Paesi asiatici colpiti dallo tsunami del 2004 o da successive emergenze che hanno sempre ricevuto anche il sostegno di Caritas Giappone. Ad esempio la Caritas del Myanmar, colpita anche dal ciclone Nargis nel 2008, ha indetto per domenica 20 marzo una giornata di solidarietà in tutte le parrocchie.
In costante coordinamento con le altre realtà presenti sul terreno, Caritas Giappone ha confermato che pur essendo già attiva in questa fase di emergenza, si concentrerà in particolare nelle fasi di riabilitazione e sviluppo, nel medio e lungo periodo, con grande attenzione anche al sostegno psicologico.
Offerte
Per sostenere gli interventi in corso si possono inviare offerte a Caritas Italiana tramite:
C/C POSTALE N. 347013 specificando nella causale: “Emergenza Giappone 2011”.
Offerte sono possibili anche tramite altri canali, tra cui:
– UniCredit, via Taranto 49, Roma – Iban: IT 88 U 02008 05206 000011063119
– Intesa Sanpaolo, via Aurelia 396/A, Roma – Iban: IT 95 M 03069 05098 100000005384
– Banca Popolare Etica, via Parigi 17, Roma – Iban: IT 29 U 05018 03200 000000011113
– CartaSi e Diners telefonando a Caritas Italiana tel. 06 66177001 begin_of_the_skype_highlighting(orario d’ufficio).
16 marzo 2011

Agenda »

Sabato 22 Settembre 2018
LUN 17
MAR 18
MER 19
GIO 20
VEN 21
SAB 22
DOM 23
LUN 24
MAR 25
MER 26
GIO 27
VEN 28
SAB 29
DOM 30
LUN 01
MAR 02
MER 03
GIO 04
VEN 05
SAB 06
DOM 07
LUN 08
MAR 09
MER 10
GIO 11
VEN 12
SAB 13
DOM 14
LUN 15
MAR 16
Nei giorni 21-23 settembre 2018, a Tangeri (Marocco), una delegazione di Vescovi della Commissione Episcopale per le Migrazioni (CEMi) incontrerà i rappresentanti della Conferenza Episcopale del Nord Africa (CERNA) per partecipare alla solenne liturgia inaugurale dell´Assemblea Generale, visitare la Diocesi di Tangeri e il campo profughi della città.Rappresentanti della CEMi il Presidente S.E. Mons. Guerino Di Tora, Vescovo ausiliare di Roma, S.E. Mons. Massimo Camisasca, Vescovo di Reggio Emilia-Guastalla, e S.E. Mons. Domenico Cornacchia, Vescovo di Molfetta-Ruvo-Giovinazzo-Terlizzi.Arriveranno inoltre dall´Italia il Cardinal Francesco Montenegro, Arcivescovo di Agrigento e Presidente di Caritas Italiana, S.E. Mons. Domenico Mogavero, Vescovo di Mazara del Vallo, e don Giovanni De Robertis, direttore generale Migrantes.