Home
domenica 20 Giugno 2021

Lodi mattutine

XII DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO - IV SETTIMANA DEL SALTERIO
Grandezza Testo A A A
V.
O Dio, vieni a salvarmi

R.
Signore, vieni presto in mio aiuto.
Gloria al Padre e al Figlio
   e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre
   nei secoli dei secoli. Amen. Alleluia.
Questa introduzione si omette quando si comincia l'Ufficio con l'Invitatorio.
INNO
O giorno primo ed ultimo,
giorno radioso e splendido
del trionfo di Cristo!
Il Signore risorto
promulga per i secoli
l’editto della pace.
Pace fra cielo e terra,
pace fra tutti i popoli,
pace nei nostri cuori.
L’alleluia pasquale
risuoni nella Chiesa
pellegrina nel mondo;
e si unisca alla lode,
armoniosa e perenne,
dell’assemblea dei santi.
A te la gloria, o Cristo,
la potenza e l’onore,
nei secoli dei secoli. Amen.
1 ant.
Rendete grazie al Signore:
          eterna è la sua misericordia, alleluia.
SALMO 117    Canto di gioia e di vittoria

Gesù è la pietra che, scartata da voi costruttori, è diventata
testata d’angolo
(At 4, 11).
Celebrate il Signore, perché è buono; *
    eterna è la sua misericordia.
Dica Israele che egli è buono: *
    eterna è la sua misericordia.
Lo dica la casa di Aronne: *
    eterna è la sua misericordia.
Lo dica chi teme Dio: *
    eterna è la sua misericordia.
Nell’angoscia ho gridato al Signore, *
    mi ha risposto, il Signore, e mi ha tratto in salvo.
Il Signore è con me, non ho timore; *
    che cosa può farmi l’uomo?
Il Signore è con me, è mio aiuto, *
    sfiderò i miei nemici.
È meglio rifugiarsi nel Signore *
    che confidare nell’uomo.
È meglio rifugiarsi nel Signore *
    che confidare nei potenti.
Tutti i popoli mi hanno circondato, *
    ma nel nome del Signore li ho sconfitti.
Mi hanno circondato, mi hanno accerchiato, *
    ma nel nome del Signore li ho sconfitti.
Mi hanno circondato come api, †
    come fuoco che divampa tra le spine, *
    ma nel nome del Signore li ho sconfitti.
Mi avevano spinto con forza per farmi cadere, *
    ma il Signore è stato mio aiuto.
Mia forza e mio canto è il Signore, *
    egli è stato la mia salvezza.
Grida di giubilo e di vittoria, *
    nelle tende dei giusti:
la destra del Signore ha fatto meraviglie, †
    la destra del Signore si è alzata, *
    la destra del Signore ha fatto meraviglie.
Non morirò, resterò in vita *
    e annunzierò le opere del Signore.
Il Signore mi ha provato duramente, *
    ma non mi ha consegnato alla morte.
Apritemi le porte della giustizia: *
    entrerò a rendere grazie al Signore.
È questa la porta del Signore, *
    per essa entrano i giusti.
Ti rendo grazie, perché mi hai esaudito, *
    perché sei stato la mia salvezza.
La pietra scartata dai costruttori *
    è divenuta testata d’angolo;
ecco l’opera del Signore: *
    una meraviglia ai nostri occhi.
Questo è il giorno fatto dal Signore: *
    rallegriamoci ed esultiamo in esso.
Dona, Signore, la tua salvezza, *
    dona, Signore, la tua vittoria!
Benedetto colui che viene nel nome del Signore. *
    Vi benediciamo dalla casa del Signore;
Dio, il Signore, è nostra luce. †
    Ordinate il corteo con rami frondosi *
    fino ai lati dell’altare.
Sei tu il mio Dio e ti rendo grazie, *
    sei il mio Dio e ti esalto.
Celebrate il Signore, perché è buono: *
    eterna è la sua misericordia.
1 ant.
Rendete grazie al Signore:
          eterna è la sua misericordia, alleluia.
2 ant.
Alleluia, opere del Signore,
          benedite il Signore, alleluia.
CANTICO    Dn 3, 52-57    Ogni creatura lodi il Signore

Il Creatore... è benedetto nei secoli
(Rm 1, 25).
Benedetto sei tu, Signore, Dio dei padri nostri, *
   degno di lode e di gloria nei secoli.
Benedetto il tuo nome glorioso e santo, *
   degno di lode e di gloria nei secoli.
​Benedetto sei tu nel tuo tempio santo glorioso, *
   degno di lode e di gloria nei secoli.
​Benedetto sei tu sul trono del tuo regno, *
   degno di lode e di gloria nei secoli.
Benedetto sei tu che penetri con lo sguardo gli abissi †
   e siedi sui cherubini, *
   degno di lode e di gloria nei secoli.
Benedetto sei tu nel firmamento del cielo, *
   degno di lode e di gloria nei secoli.
​Benedite, opere tutte del Signore, il Signore, *
   lodatelo ed esaltatelo nei secoli.
2 ant.
Alleluia, opere del Signore,
          benedite il Signore, alleluia.
3 ant.
Ogni vivente
          dia lode al Signore, alleluia.
SALMO 150    Ogni vivente dia lode al Signore
A Dio la gloria, nella Chiesa e in Cristo Gesù
(cfr. Ef 3, 21).

Lodate il Signore nel suo santuario, *
   lodatelo nel firmamento della sua potenza.
Lodatelo per i suoi prodigi, *
   lodatelo per la sua immensa grandezza.
Lodatelo con squilli di tromba, *
   lodatelo con arpa e cetra;
lodatelo con timpani e danze, *
   lodatelo sulle corde e sui flauti.
Lodatelo con cembali sonori, †
   lodatelo con cembali squillanti; *
   ogni vivente
      dia lode al Signore.
3 ant.
Ogni vivente
          dia lode al Signore, alleluia.
LETTURA BREVE                                          
2 Tm 2, 8. 11-13
   Ricòrdati che Gesù Cristo, della stirpe di Davide, è risuscitato dai morti. Certa è questa parola: Se moriamo con lui, vivremo anche con lui; se con lui perseveriamo, con lui anche regneremo; se lo rinneghiamo, anch’egli ci rinnegherà; se noi manchiamo di fede, egli però rimane fedele, perché non può rinnegare se stesso.
 
RESPONSORIO BREVE
R.
Ti rendiamo grazie, Signore,
*
invochiamo il tuo
nome.
Ti rendiamo grazie, Signore, invochiamo il tuo nome.

V.
Raccontiamo i tuoi prodigi,
invochiamo il tuo nome.
    Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo.
Ti rendiamo grazie, Signore, invochiamo il tuo nome.
Ant. al Ben.
Si destò il Signore,
sgridò il vento e parlò al mare:
e vi fu grande bonaccia.
CANTICO DI ZACCARIA
Lc 1, 68-79
Il Messia e il suo Precursore
Benedetto il Signore Dio d’Israele, *
   perché ha visitato e redento il suo popolo,
e ha suscitato per noi una salvezza potente *
   nella casa di Davide, suo servo,
come aveva promesso *
   per bocca dei suoi santi profeti d’un tempo:
salvezza dai nostri nemici, *
   e dalle mani di quanti ci odiano.
Così egli ha concesso misericordia ai nostri padri *
   e si è ricordato della sua santa alleanza,
del giuramento fatto ad Abramo, nostro padre, *
   di concederci, liberàti dalle mani dei nemici,
di servirlo senza timore, in santità e giustizia *
   al suo cospetto, per tutti i nostri giorni.
E tu, bambino, sarai chiamato profeta dell’Altissimo *
   perché andrai innanzi al Signore
      a preparargli le strade,
per dare al suo popolo la conoscenza della salvezza *
   nella remissione dei suoi peccati,
grazie alla bontà misericordiosa del nostro Dio, *
   per cui verrà a visitarci dall’alto un sole che sorge,
per rischiarare quelli che stanno nelle tenebre *
   e nell’ombra della morte
e dirigere i nostri passi *
   sulla via della pace.
Gloria al Padre e al Figlio *
   e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre *
   nei secoli dei secoli. Amen.
Ant. al Ben.
Si destò il Signore,
sgridò il vento e parlò al mare:
e vi fu grande bonaccia.
INVOCAZIONI
Apriamo con fiducia il nostro cuore al Dio della potenza
    e della misericordia, che ci ama e conosce
    le nostre necessità. A lui rivolgiamo la nostra lode
    e la nostra preghiera:
    Noi ti glorifichiamo, Signore, e confidiamo in te.
Benedetto sii tu, Re dell’universo, che ci hai tratto
     dalle tenebre dell’errore e del peccato alla splendida
     luce del tuo regno,

e ci hai chiamati a servirti nella santa Chiesa.
Tu che ci hai aperto le braccia della tua misericordia,

non permettere che deviamo mai dal sentiero della
     vita.
Concedici di trascorrere in letizia questo giorno,

in cui celebriamo la risurrezione del tuo Figlio.
Dona ai tuoi fedeli lo spirito di orazione e di lode,

perché tutta la nostra vita sia un rendimento di
     grazie a te.
 
Padre nostro.
ORAZIONE
   Dona al tuo popolo, o Padre, di vivere sempre nella venerazione e nell’amore per il tuo santo nome, poiché tu non privi mai della tua guida coloro che hai stabilito sulla salda roccia del tuo amore. Per il nostro Signore.
Il Signore ci benedica, ci preservi da ogni male e ci conduca alla vita eterna.

R.
Amen.