HomeLiturgia delle Ore
lunedì 01 Marzo 2021

Vespri

LUNEDI' - II SETTIMANA DI QUARESIMA - II SETTIMANA DEL SALTERIO
Grandezza Testo A A A
V.
O Dio, vieni a salvarmi

R.
Signore, vieni presto in mio aiuto.
Gloria al Padre e al Figlio
   e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre
   nei secoli dei secoli. Amen.
INNO
Accogli, o Dio pietoso,
le preghiere e le lacrime
che il tuo popolo effonde
in questo tempo santo.
​Tu che scruti e conosci
i segreti dei cuori,
concedi ai penitenti
la grazia del perdono.
​Grande è il nostro peccato,
ma più grande è il tuo amore:
cancella i nostri debiti
a gloria del tuo nome.
​Risplenda la tua lampada
sopra il nostro cammino,
la tua mano ci guidi
alla meta pasquale.
Ascolta, o Padre altissimo,
tu che regni nei secoli
con il Cristo tuo Figlio
e lo Spirito Santo. Amen.
Oppure:
Nell’Ufficio domenicale:
Audi, benígne Cónditor,
nostras preces cum flétibus,
sacráta in abstinéntia
fusas quadragenária.
​Scrutátor alme córdium,
infírma tu scis vírium;
ad te revérsis éxhibe
remissiónis grátiam.
​Multum quìdem peccávimus,
sed parce confiténtibus,
tuíque laude nóminis
confer medélam lánguidis.
Sic corpus extra cónteri
dona per abstinéntiam,
ieiúnet ut mens sóbria
a labe prorsus críminum.
Præsta, beáta Trínitas,
concéde, simplex Unitas,
ut fructuósa sint tuis
hæc parcitátis múnera. Amen.
Nell’Ufficio feriale:
Iesu, quadragenáriæ
dicátor abstinéntiæ,
qui obsalútem méntium
præcéperas ieiúnium,
​Adésto nunc Ecclésiæ,
adésto pæniténtiæ,
qua supplicámus cérnui
peccáta nostra dílui.
Tu retroácta crímina
tua remítte grátia
et a futúris ádhibe
custódiam mitíssime,
Ut, expiáti ánnuis
compunctiónis áctibus,
tendámus ad paschália
digne colénda gáudia.
Te rerum univérsitas,
clemens, adóret, Trínitas
et nos novi per véniam
novum canámus cánticum. Amen.
1 ant.
Tu sei il più bello tra i figli dell’uomo,
          sulle tue labbra è diffusa la grazia.
SALMO 44, 2-10 (I)   Le nozze del Re
A mezzanotte si levò un grido: Ecco lo Sposo: andategli
incontro
(Mt 25, 6).
 
Effonde il mio cuore liete parole, †
   io canto al re il mio poema. *
   La mia lingua è stilo di scriba veloce.
Tu sei il più bello tra i figli dell’uomo, †
   sulle tue labbra è diffusa la grazia, *
   ti ha benedetto Dio per sempre.
Cingi, prode, la spada al tuo fianco, †
   nello splendore della tua maestà ti arrida la sorte, *
   avanza per la verità, la mitezza e la giustizia.
La tua destra ti mostri prodigi: †
   le tue frecce acute
     colpiscono al cuore i tuoi nemici; *
   sotto di te cadono i popoli.
Il tuo trono, Dio, dura per sempre; *
   è scettro giusto lo scettro del tuo regno.
Ami la giustizia e l’empietà detesti: †
   Dio, il tuo Dio ti ha consacrato *
   con olio di letizia, a preferenza dei tuoi eguali.
Le tue vesti sono tutte mirra, aloè e cassia, *
   dai palazzi d’avorio ti allietano le cetre.
Figlie di re stanno tra le tue predilette; *
   alla tua destra la regina in ori di Ofir.
1 ant.
Tu sei il più bello tra i figli dell’uomo,
          sulle tue labbra è diffusa la grazia.
2 ant.
Ecco lo sposo che viene:
          andiamo incontro a Cristo Signore.
SALMO 44, 11-18 (II)    La Regina e la Sposa
 
Vidi la nuova Gerusalemme... pronta come una sposa
adorna per il suo sposo 
(Ap 21, 2).
Ascolta, figlia, guarda, porgi l’orecchio, *
   dimentica il tuo popolo e la casa di tuo padre;
al re piacerà la tua bellezza. *
   Egli è il tuo Signore: pròstrati a lui.
Da Tiro vengono portando doni, *
   i più ricchi del popolo cercano il tuo volto.
La figlia del re è tutta splendore, *
   gemme e tessuto d’oro è il suo vestito.
È presentata al re in preziosi ricami; *
   con lei le vergini compagne a te sono condotte;
guidate in gioia ed esultanza, *
   entrano insieme nel palazzo regale.
Ai tuoi padri succederanno i tuoi figli; *
   li farai capi di tutta la terra.
Farò ricordare il tuo nome
   per tutte le generazioni, *
e i popoli ti loderanno
   in eterno, per sempre.
2 ant.
Ecco lo sposo che viene:
          andiamo incontro a Cristo Signore.
3 ant.
Ora si compie il disegno del Padre:
          fare di Cristo il cuore del mondo.
CANTICO    Cfr. Ef 1, 3-10    Dio salvatore
Benedetto sia Dio,
         Padre del Signore nostro Gesù Cristo, *
   che ci ha benedetti
         con ogni benedizione spirituale nei cieli, in Cristo.
In lui ci ha scelti *
   prima della creazione del mondo,
per trovarci, al suo cospetto, *
   santi e immacolati nell’amore.
Ci ha predestinati *
   a essere suoi figli adottivi
per opera di Gesù Cristo, *
   secondo il beneplacito del suo volere,
a lode e gloria
     della sua grazia, *
   che ci ha dato
     nel suo Figlio diletto.
In lui abbiamo la redenzione
     mediante il suo sangue, *
   la remissione dei peccati
     secondo la ricchezza della sua grazia.
Dio l’ha abbondantemente riversata su di noi
     con ogni sapienza e intelligenza, *
   poiché egli ci ha fatto conoscere
     il mistero del suo volere,
il disegno di ricapitolare in Cristo
     tutte le cose, *
   quelle del cielo
     come quelle della terra.
Nella sua benevolenza
     lo aveva in lui prestabilito *
   per realizzarlo
     nella pienezza dei tempi.
3 ant.
Ora si compie il disegno del Padre:
          fare di Cristo il cuore del mondo.
LETTURA BREVE
Eb 3, 12-14
   Guardate, fratelli, che non si trovi in nessuno di voi un cuore perverso e senza fede che si allontani dal Dio vivente. Esortatevi piuttosto a vicenda ogni giorno, finché dura quest’oggi (Sal 94, 8), perché nessuno di voi si indurisca sedotto dal peccato. Siamo diventati infatti partecipi di Cristo, a condizione di mantenere salda sino alla fine la fiducia che abbiamo avuto da principio.
 
RESPONSORIO BREVE
R.
Ora è il momento favorevole,
*
ora è il giorno della
salvezza.
Ora è il momento favorevole, ora è il giorno della salvezza.

V.
Non vi sia data invano la grazia del Signore:
ora è il giorno della salvezza.
    Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo.
Ora è il momento favorevole, ora è il giorno della salvezza.
Ant. al Magn.
Non condannate,
e non sarete condannati, dice il Signore;
come giudicate, così sarete giudicati.
CANTICO DELLA BEATA VERGINE                         Lc 1, 46-55
Esultanza dell’anima nel Signore
L’anima mia magnifica il Signore *
   e il mio spirito esulta in Dio, mio salvatore,
perché ha guardato l’umiltà della sua serva. *
   D’ora in poi tutte le generazioni
     mi chiameranno beata.
Grandi cose ha fatto in me l’Onnipotente *
   e Santo è il suo nome:
di generazione in generazione la sua misericordia *
   si stende su quelli che lo temono.
Ha spiegato la potenza del suo braccio, *
   ha disperso i superbi nei pensieri del loro cuore;
ha rovesciato i potenti dai troni, *
   ha innalzato gli umili;
ha ricolmato di beni gli affamati, *
   ha rimandato i ricchi a mani vuote.
Ha soccorso Israele, suo servo, *
   ricordandosi della sua misericordia,
come aveva promesso ai nostri padri, *
   ad Abramo e alla sua discendenza, per sempre.
Gloria al Padre e al Figlio *
   e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre *
   nei secoli dei secoli. Amen.
Ant. al Magn.
Non condannate,
e non sarete condannati, dice il Signore;
come giudicate, così sarete giudicati.
INTERCESSIONI
Dio nostro Padre ha promesso per bocca del suo
    Figlio di donarci tutto ciò che gli chiediamo uniti
    nel suo nome. Confortati da questa parola,
    innalziamo a lui la nostra preghiera comunitaria:
    Ascolta la voce della tua Chiesa, Signore.
O Dio, che hai perfezionato per mezzo del tuo Cristo
    la legge data da Mosè sul monte Sinai,

fa’ che tutti riconoscano la legge che tu hai scritto
    nel loro cuore e la custodiscano come un patto di
    alleanza.
Ispira alle guide del tuo popolo una profonda
     sollecitudine pastorale,

crea in tutta la comunità un vero desiderio d’intesa
     e di collaborazione.
Ritempra la mente e il cuore dei missionari del vangelo,

suscita dovunque collaboratori e ausiliari della loro
     opera.
Fa’ che i fanciulli crescano in età, sapienza e grazia
     davanti a te e davanti agli uomini,

e i giovani scoprano la tua carità nella purezza
     del loro amore e nell’impegno al servizio del
     prossimo.
Ricordati dei nostri fratelli che si sono addormentati
     nella fede,

rendili partecipi dell’eredità eterna.
 
Padre nostro.
ORAZIONE

   O Dio, che hai ordinato la penitenza del corpo come medicina dell’anima, fa’ che ci asteniamo da ogni peccato per aver la forza di osservare i comandamenti del tuo amore. Per il nostro Signore.
Il Signore ci benedica, ci preservi da ogni male e ci conduca alla vita eterna.

R.
Amen.