HomeLiturgia delle Ore
sabato 28 Marzo 2020

Ora Media

SABATO - IV SETTIMANA DI QUARESIMA - IV SETTIMANA DEL SALTERIO
Grandezza Testo A A A

Ora terza

V.
O Dio, vieni a salvarmi

R.
Signore, vieni presto in mio aiuto.
Gloria al Padre e al Figlio
   e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre
   nei secoli dei secoli. Amen.
INNO
O Spirito Paraclito,
uno col Padre e il Figlio,
discendi a noi benigno
nell'intimo dei cuori.
Voce e mente si accordino
nel ritmo della lode,
il tuo fuoco ci unisca
in un'anima sola.
O luce di sapienza,
rivelaci il mistero
del Dio trino e unico,
fonte di eterno Amore. Amen.
Ant.
Ecco i giorni della penitenza,
        tempo di perdono e di salvezza.
SALMO 118, 169-176    XXII (Tau)
Giunga il mio grido fino a te, Signore, *
   fammi comprendere secondo la tua parola.
Venga al tuo volto la mia supplica, *
   salvami secondo la tua promessa.
Scaturisca dalle mie labbra la tua lode, *
   poiché mi insegni i tuoi voleri.
La mia lingua canti le tue parole, *
   perché sono giusti tutti i tuoi comandamenti.
Mi venga in aiuto la tua mano, *
   poiché ho scelto i tuoi precetti.
Desidero la tua salvezza, Signore, *
   e la tua legge è tutta la mia gioia.
Possa io vivere e darti lode, *
   mi aiutino i tuoi giudizi.
Come pecora smarrita vado errando, †
   cerca il tuo servo, *
   perché non ho dimenticato i tuoi comandamenti.
SALMO 44, 2-10 (I)   Le nozze del Re
A mezzanotte si levò un grido: Ecco lo Sposo: andategli
incontro
(Mt 25, 6).
 
Effonde il mio cuore liete parole, †
   io canto al re il mio poema. *
   La mia lingua è stilo di scriba veloce.
Tu sei il più bello tra i figli dell’uomo, †
   sulle tue labbra è diffusa la grazia, *
   ti ha benedetto Dio per sempre.
Cingi, prode, la spada al tuo fianco, †
   nello splendore della tua maestà ti arrida la sorte, *
   avanza per la verità, la mitezza e la giustizia.
La tua destra ti mostri prodigi: †
   le tue frecce acute
     colpiscono al cuore i tuoi nemici; *
   sotto di te cadono i popoli.
Il tuo trono, Dio, dura per sempre; *
   è scettro giusto lo scettro del tuo regno.
Ami la giustizia e l’empietà detesti: †
   Dio, il tuo Dio ti ha consacrato *
   con olio di letizia, a preferenza dei tuoi eguali.
Le tue vesti sono tutte mirra, aloè e cassia, *
   dai palazzi d’avorio ti allietano le cetre.
Figlie di re stanno tra le tue predilette; *
   alla tua destra la regina in ori di Ofir.

II    (11-18)
Ascolta, figlia, guarda, porgi l’orecchio, *
    dimentica il tuo popolo e la casa di tuo padre;
al re piacerà la tua bellezza. *
   Egli è il tuo Signore: pròstrati a lui.
Da Tiro vengono portando doni, *
   i più ricchi del popolo cercano il tuo volto.
La figlia del re è tutta splendore, *
    gemme e tessuto d’oro è il suo vestito.
È presentata al re in preziosi ricami; *
    con lei le vergini compagne a te sono condotte;
guidate in gioia ed esultanza, *
    entrano insieme nel palazzo regale.
Ai tuoi padri succederanno i tuoi figli; *
    li farai capi di tutta la terra.
Farò ricordare il tuo nome
       per tutte le generazioni, *
    e i popoli ti loderanno
       in eterno, per sempre.
Ant.
Ecco i giorni della penitenza,
        tempo di perdono e di salvezza.
LETTURA BREVE
Ap 3, 19-20
   Io tutti quelli che amo li rimprovero e li castigo. Mostrati dunque zelante e ravvediti. Ecco, sto alla porta e busso. Se qualcuno ascolta la mia voce e mi apre la porta, io verrò da lui, cenerò con lui ed egli con me.
V.
Un cuore puro crea in me, o Signore,

R.
rinnova in me uno spirito saldo.
ORAZIONE
   Signore onnipotente e misericordioso, attira verso di te i nostri cuori, poiché senza di te non possiamo piacere a te, sommo bene. Per Cristo nostro Signore.
       Benediciamo il Signore.

       R.
Rendiamo grazie a Dio.

Ora sesta

V.
O Dio, vieni a salvarmi

R.
Signore, vieni presto in mio aiuto.
Gloria al Padre e al Figlio
   e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre
   nei secoli dei secoli. Amen.
INNO
Glorioso e potente Signore,
che alterni i ritmi del tempo,
irradi di luce il mattino
e accendi di fuochi il meriggio,
tu placa le tristi contese,
estingui la fiamma dell’ira,
infondi vigore alle membra,
ai cuori concedi la pace.
Sia gloria al Padre ed al Figlio,
sia onore al Santo Spirito,
all'unico e trino Signore
sia lode nei secoli eterni. Amen.
Ant.
Io sono il Vivente, dice il Signore:
        non voglio la morte del peccatore,
        ma che si converta e viva.
SALMO 118, 169-176    XXII (Tau)
Giunga il mio grido fino a te, Signore, *
   fammi comprendere secondo la tua parola.
Venga al tuo volto la mia supplica, *
   salvami secondo la tua promessa.
Scaturisca dalle mie labbra la tua lode, *
   poiché mi insegni i tuoi voleri.
La mia lingua canti le tue parole, *
   perché sono giusti tutti i tuoi comandamenti.
Mi venga in aiuto la tua mano, *
   poiché ho scelto i tuoi precetti.
Desidero la tua salvezza, Signore, *
   e la tua legge è tutta la mia gioia.
Possa io vivere e darti lode, *
   mi aiutino i tuoi giudizi.
Come pecora smarrita vado errando, †
   cerca il tuo servo, *
   perché non ho dimenticato i tuoi comandamenti.
SALMO 44, 2-10 (I)   Le nozze del Re
A mezzanotte si levò un grido: Ecco lo Sposo: andategli
incontro
(Mt 25, 6).
 
Effonde il mio cuore liete parole, †
   io canto al re il mio poema. *
   La mia lingua è stilo di scriba veloce.
Tu sei il più bello tra i figli dell’uomo, †
   sulle tue labbra è diffusa la grazia, *
   ti ha benedetto Dio per sempre.
Cingi, prode, la spada al tuo fianco, †
   nello splendore della tua maestà ti arrida la sorte, *
   avanza per la verità, la mitezza e la giustizia.
La tua destra ti mostri prodigi: †
   le tue frecce acute
     colpiscono al cuore i tuoi nemici; *
   sotto di te cadono i popoli.
Il tuo trono, Dio, dura per sempre; *
   è scettro giusto lo scettro del tuo regno.
Ami la giustizia e l’empietà detesti: †
   Dio, il tuo Dio ti ha consacrato *
   con olio di letizia, a preferenza dei tuoi eguali.
Le tue vesti sono tutte mirra, aloè e cassia, *
   dai palazzi d’avorio ti allietano le cetre.
Figlie di re stanno tra le tue predilette; *
   alla tua destra la regina in ori di Ofir.

II    (11-18)
Ascolta, figlia, guarda, porgi l’orecchio, *
    dimentica il tuo popolo e la casa di tuo padre;
al re piacerà la tua bellezza. *
   Egli è il tuo Signore: pròstrati a lui.
Da Tiro vengono portando doni, *
   i più ricchi del popolo cercano il tuo volto.
La figlia del re è tutta splendore, *
    gemme e tessuto d’oro è il suo vestito.
È presentata al re in preziosi ricami; *
    con lei le vergini compagne a te sono condotte;
guidate in gioia ed esultanza, *
    entrano insieme nel palazzo regale.
Ai tuoi padri succederanno i tuoi figli; *
    li farai capi di tutta la terra.
Farò ricordare il tuo nome
       per tutte le generazioni, *
    e i popoli ti loderanno
       in eterno, per sempre.
Ant.
Io sono il Vivente, dice il Signore:
        non voglio la morte del peccatore,
        ma che si converta e viva.
LETTURA BREVE
Cfr. Is 44, 21-22
   Ricorda che tu sei mio servo. Io ti ho formato, mio servo sei tu; Israele, non sarai dimenticato da me. Ho dissipato come nube le tue iniquità e i tuoi peccati come una nuvola. Ritorna a me, poiché io ti ho redento.
V.
Dai miei peccati distogli lo sguardo,

R.
cancella tutte le mie colpe.
ORAZIONE
   Signore onnipotente e misericordioso, attira verso di te i nostri cuori, poiché senza di te non possiamo piacere a te, sommo bene. Per Cristo nostro Signore.
       Benediciamo il Signore.

       R.
Rendiamo grazie a Dio.

Ora nona

V.
O Dio, vieni a salvarmi

R.
Signore, vieni presto in mio aiuto.
Gloria al Padre e al Figlio
   e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre
   nei secoli dei secoli. Amen.
INNO
Signore, forza degli esseri,
Dio immutabile, eterno,
tu segni i ritmi del mondo:
i giorni, i secoli, il tempo.
Irradia di luce la sera,
fa’ sorgere oltre la morte,
nello splendore dei cieli,
il giorno senza tramonto.
Sia lode al Padre altissimo,
al Figlio e al Santo Spirito,
com’era nel principio,
ora e nei secoli eterni. Amen.
Ant.
Siamo saldi nella prova:
        nostra forza è la giustizia di Dio.
SALMO 118, 169-176    XXII (Tau)
Giunga il mio grido fino a te, Signore, *
   fammi comprendere secondo la tua parola.
Venga al tuo volto la mia supplica, *
   salvami secondo la tua promessa.
Scaturisca dalle mie labbra la tua lode, *
   poiché mi insegni i tuoi voleri.
La mia lingua canti le tue parole, *
   perché sono giusti tutti i tuoi comandamenti.
Mi venga in aiuto la tua mano, *
   poiché ho scelto i tuoi precetti.
Desidero la tua salvezza, Signore, *
   e la tua legge è tutta la mia gioia.
Possa io vivere e darti lode, *
   mi aiutino i tuoi giudizi.
Come pecora smarrita vado errando, †
   cerca il tuo servo, *
   perché non ho dimenticato i tuoi comandamenti.
SALMO 44, 2-10 (I)   Le nozze del Re
A mezzanotte si levò un grido: Ecco lo Sposo: andategli
incontro
(Mt 25, 6).
 
Effonde il mio cuore liete parole, †
   io canto al re il mio poema. *
   La mia lingua è stilo di scriba veloce.
Tu sei il più bello tra i figli dell’uomo, †
   sulle tue labbra è diffusa la grazia, *
   ti ha benedetto Dio per sempre.
Cingi, prode, la spada al tuo fianco, †
   nello splendore della tua maestà ti arrida la sorte, *
   avanza per la verità, la mitezza e la giustizia.
La tua destra ti mostri prodigi: †
   le tue frecce acute
     colpiscono al cuore i tuoi nemici; *
   sotto di te cadono i popoli.
Il tuo trono, Dio, dura per sempre; *
   è scettro giusto lo scettro del tuo regno.
Ami la giustizia e l’empietà detesti: †
   Dio, il tuo Dio ti ha consacrato *
   con olio di letizia, a preferenza dei tuoi eguali.
Le tue vesti sono tutte mirra, aloè e cassia, *
   dai palazzi d’avorio ti allietano le cetre.
Figlie di re stanno tra le tue predilette; *
   alla tua destra la regina in ori di Ofir.

II    (11-18)
Ascolta, figlia, guarda, porgi l’orecchio, *
    dimentica il tuo popolo e la casa di tuo padre;
al re piacerà la tua bellezza. *
   Egli è il tuo Signore: pròstrati a lui.
Da Tiro vengono portando doni, *
   i più ricchi del popolo cercano il tuo volto.
La figlia del re è tutta splendore, *
    gemme e tessuto d’oro è il suo vestito.
È presentata al re in preziosi ricami; *
    con lei le vergini compagne a te sono condotte;
guidate in gioia ed esultanza, *
    entrano insieme nel palazzo regale.
Ai tuoi padri succederanno i tuoi figli; *
    li farai capi di tutta la terra.
Farò ricordare il tuo nome
       per tutte le generazioni, *
    e i popoli ti loderanno
       in eterno, per sempre.
Ant.
Siamo saldi nella prova:
        nostra forza è la giustizia di Dio.
LETTURA BREVE
Gal 6, 7b-8
   Non ci si può prendere gioco di Dio. Ciascuno raccoglierà quello che avrà seminato. Chi semina nella sua carne, dalla carne raccoglierà corruzione; chi semina nello Spirito, dallo Spirito raccoglierà vita eterna.
V.
Un animo pentito tu gradisci, o Dio,

R.
non disprezzi un cuore affranto e umiliato.
ORAZIONE
   Signore onnipotente e misericordioso, attira verso di te i nostri cuori, poiché senza di te non possiamo piacere a te, sommo bene. Per Cristo nostro Signore.
       Benediciamo il Signore.

       R.
Rendiamo grazie a Dio.