HomeLiturgia delle Ore
martedì 29 Settembre 2020

Ora Media

SANTI ARCANGELI MICHELE, GABRIELE E RAFFAELE - FESTA - LITURGIA PROPRIA
Grandezza Testo A A A

Ora terza

V.
O Dio, vieni a salvarmi

R.
Signore, vieni presto in mio aiuto.
Gloria al Padre e al Figlio
   e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre
   nei secoli dei secoli. Amen. Alleluia.
INNO
O Spirito Paraclito,
uno col Padre e il Figlio,
discendi a noi benigno
nell'intimo dei cuori.
Voce e mente si accordino
nel ritmo della lode,
il tuo fuoco ci unisca
in un'anima sola.
O luce di sapienza,
rivelaci il mistero
del Dio trino e unico,
fonte di eterno Amore. Amen.
Ant.
Michele, uno dei più vicini a Dio,
        mi è venuto in aiuto.
SALMO 118, 49-56    VII (Zain)
Ricorda la promessa fatta al tuo servo, *
    con la quale mi hai dato speranza.
Questo mi consola nella miseria: *
    la tua parola mi fa vivere.
I superbi mi insultano aspramente, *
    ma non devìo dalla tua legge.
Ricordo i tuoi giudizi di un tempo, Signore, *
    e ne sono consolato.
M'ha preso lo sdegno contro gli empi *
    che abbandonano la tua legge.
Sono canti per me i tuoi precetti, *
    nella terra del mio pellegrinaggio.
Ricordo il tuo nome lungo la notte *
    e osservo la tua legge, Signore.
Tutto questo mi accade *
    perchè ho custodito i tuoi precetti.
SALMO 52     Stoltezza degli empi

Tutti hanno peccato e sono privi della gloria di Dio,
ma sono giustificati gratuitamente per la sua grazia
(Rm 3, 23. 24).

Lo stolto pensa: «Dio non esiste». †
    Sono corrotti, fanno cose abominevoli, *
    nessuno fa il bene.
Dio dal cielo si china sui figli dell’uomo *
    per vedere se c’è un uomo saggio che cerca Dio.
Tutti hanno traviato, tutti sono corrotti; *
    nessuno fa il bene, neppure uno.
Non comprendono forse i malfattori †
    che divorano il mio popolo come il pane *
    e non invocano Dio?
Hanno tremato di spavento, *
    là dove non c’era da temere.
Dio ha disperso le ossa degli aggressori, *
    sono confusi perché Dio li ha respinti.
Chi manderà da Sion la salvezza di Israele? †
    Quando Dio farà tornare i deportati
      del suo popolo, *
    esulterà Giacobbe, gioirà Israele.
SALMO 53, 1-6. 8-9   Invocazione d’aiuto

L’anima mia è turbata, e che devo dire? Padre, salvami da
quest’ora? Ma per questo sono giunto a quest’ora! Padre,
glorifica il tuo nome!
(Gv 12, 27-28).

Dio, per il tuo nome, salvami, *
   per la tua potenza rendimi giustizia.
Dio, ascolta la mia preghiera, *
   porgi l’orecchio alle parole della mia bocca;
poiché sono insorti contro di me gli arroganti †
   e i prepotenti insidiano la mia vita, *
   davanti a sé non pongono Dio.
Ecco, Dio è il mio aiuto, *
   il Signore mi sostiene.
Di tutto cuore ti offrirò un sacrificio, *
   Signore, loderò il tuo nome perché è buono;
da ogni angoscia mi hai liberato *
   e il mio occhio ha sfidato i miei nemici.
Ant.
Michele, uno dei più vicini a Dio,
        mi è venuto in aiuto.
LETTURA BREVE 
Dn 12, 1 
                                                                        
   In quel giorno sorgerà Michele, il gran principe, che vigila sui figli del tuo popolo. Vi sarà un tempo di angoscia, come non c’era mai stato dal sorgere delle nazioni fino a quel tempo; in quel tempo sarà salvato il tuo popolo, chiunque si troverà scritto nel libro.
V.
Dio manderà i suoi angeli con una tromba dalla
voce potente:

R.
e dai quattro venti raduneranno tutti i suoi eletti.
ORAZIONE
   O Dio, che chiami gli angeli e gli uomini a cooperare al tuo disegno di salvezza, concedi a noi, pellegrini sulla terra, la protezione degli spiriti beati, che in cielo stanno davanti a te per servirti e contemplano la gloria del tuo volto. Per Cristo nostro Signore.
       Benediciamo il Signore.

       R.
Rendiamo grazie a Dio.

Ora sesta

V.
O Dio, vieni a salvarmi

R.
Signore, vieni presto in mio aiuto.
Gloria al Padre e al Figlio
   e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre
   nei secoli dei secoli. Amen. Alleluia.
INNO
Glorioso e potente Signore,
che alterni i ritmi del tempo,
irradi di luce il mattino
e accendi di fuochi il meriggio,
tu placa le tristi contese,
estingui la fiamma dell’ira,
infondi vigore alle membra,
ai cuori concedi la pace.
Sia gloria al Padre ed al Figlio,
sia onore al Santo Spirito,
all'unico e trino Signore
sia lode nei secoli eterni. Amen.
Ant.
L’angelo Gabriele
       venne a me, e mi istruiva.
SALMO 118, 49-56    VII (Zain)
Ricorda la promessa fatta al tuo servo, *
    con la quale mi hai dato speranza.
Questo mi consola nella miseria: *
    la tua parola mi fa vivere.
I superbi mi insultano aspramente, *
    ma non devìo dalla tua legge.
Ricordo i tuoi giudizi di un tempo, Signore, *
    e ne sono consolato.
M'ha preso lo sdegno contro gli empi *
    che abbandonano la tua legge.
Sono canti per me i tuoi precetti, *
    nella terra del mio pellegrinaggio.
Ricordo il tuo nome lungo la notte *
    e osservo la tua legge, Signore.
Tutto questo mi accade *
    perchè ho custodito i tuoi precetti.
SALMO 52     Stoltezza degli empi

Tutti hanno peccato e sono privi della gloria di Dio,
ma sono giustificati gratuitamente per la sua grazia
(Rm 3, 23. 24).

Lo stolto pensa: «Dio non esiste». †
    Sono corrotti, fanno cose abominevoli, *
    nessuno fa il bene.
Dio dal cielo si china sui figli dell’uomo *
    per vedere se c’è un uomo saggio che cerca Dio.
Tutti hanno traviato, tutti sono corrotti; *
    nessuno fa il bene, neppure uno.
Non comprendono forse i malfattori †
    che divorano il mio popolo come il pane *
    e non invocano Dio?
Hanno tremato di spavento, *
    là dove non c’era da temere.
Dio ha disperso le ossa degli aggressori, *
    sono confusi perché Dio li ha respinti.
Chi manderà da Sion la salvezza di Israele? †
    Quando Dio farà tornare i deportati
      del suo popolo, *
    esulterà Giacobbe, gioirà Israele.
SALMO 53, 1-6. 8-9   Invocazione d’aiuto

L’anima mia è turbata, e che devo dire? Padre, salvami da
quest’ora? Ma per questo sono giunto a quest’ora! Padre,
glorifica il tuo nome!
(Gv 12, 27-28).

Dio, per il tuo nome, salvami, *
   per la tua potenza rendimi giustizia.
Dio, ascolta la mia preghiera, *
   porgi l’orecchio alle parole della mia bocca;
poiché sono insorti contro di me gli arroganti †
   e i prepotenti insidiano la mia vita, *
   davanti a sé non pongono Dio.
Ecco, Dio è il mio aiuto, *
   il Signore mi sostiene.
Di tutto cuore ti offrirò un sacrificio, *
   Signore, loderò il tuo nome perché è buono;
da ogni angoscia mi hai liberato *
   e il mio occhio ha sfidato i miei nemici.
Ant.
L’angelo Gabriele
       venne a me, e mi istruiva.
LETTURA BREVE
Dn 9, 22-23
                                                                      
   L’angelo Gabriele mi rivolse questo discorso: «Daniele, sono venuto per istruirti e farti comprendere.
   Fin dall’inizio delle tue suppliche è uscita una parola e io sono venuto per annunziartela, poiché tu sei un uomo prediletto. Ora sta’ attento alla parola e comprendi la visione».
V.
Benedite il Signore, suoi angeli,

R.
pronti alla voce della sua parola.
ORAZIONE
   O Dio, che chiami gli angeli e gli uomini a cooperare al tuo disegno di salvezza, concedi a noi, pellegrini sulla terra, la protezione degli spiriti beati, che in cielo stanno davanti a te per servirti e contemplano la gloria del tuo volto. Per Cristo nostro Signore.
       Benediciamo il Signore.

       R.
Rendiamo grazie a Dio.

Ora nona

V.
O Dio, vieni a salvarmi

R.
Signore, vieni presto in mio aiuto.
Gloria al Padre e al Figlio
   e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre
   nei secoli dei secoli. Amen. Alleluia.
INNO
Signore, forza degli esseri,
Dio immutabile, eterno,
tu segni i ritmi del mondo:
i giorni, i secoli, il tempo.
Irradia di luce la sera,
fa’ sorgere oltre la morte,
nello splendore dei cieli,
il giorno senza tramonto.
Sia lode al Padre altissimo,
al Figlio e al Santo Spirito,
com’era nel principio,
ora e nei secoli eterni. Amen.
Ant.
L’angelo Raffaele fu inviato
        a Tobia e a Sara per guarirli.
SALMO 118, 49-56    VII (Zain)
Ricorda la promessa fatta al tuo servo, *
    con la quale mi hai dato speranza.
Questo mi consola nella miseria: *
    la tua parola mi fa vivere.
I superbi mi insultano aspramente, *
    ma non devìo dalla tua legge.
Ricordo i tuoi giudizi di un tempo, Signore, *
    e ne sono consolato.
M'ha preso lo sdegno contro gli empi *
    che abbandonano la tua legge.
Sono canti per me i tuoi precetti, *
    nella terra del mio pellegrinaggio.
Ricordo il tuo nome lungo la notte *
    e osservo la tua legge, Signore.
Tutto questo mi accade *
    perchè ho custodito i tuoi precetti.
SALMO 52     Stoltezza degli empi

Tutti hanno peccato e sono privi della gloria di Dio,
ma sono giustificati gratuitamente per la sua grazia
(Rm 3, 23. 24).

Lo stolto pensa: «Dio non esiste». †
    Sono corrotti, fanno cose abominevoli, *
    nessuno fa il bene.
Dio dal cielo si china sui figli dell’uomo *
    per vedere se c’è un uomo saggio che cerca Dio.
Tutti hanno traviato, tutti sono corrotti; *
    nessuno fa il bene, neppure uno.
Non comprendono forse i malfattori †
    che divorano il mio popolo come il pane *
    e non invocano Dio?
Hanno tremato di spavento, *
    là dove non c’era da temere.
Dio ha disperso le ossa degli aggressori, *
    sono confusi perché Dio li ha respinti.
Chi manderà da Sion la salvezza di Israele? †
    Quando Dio farà tornare i deportati
      del suo popolo, *
    esulterà Giacobbe, gioirà Israele.
SALMO 53, 1-6. 8-9   Invocazione d’aiuto

L’anima mia è turbata, e che devo dire? Padre, salvami da
quest’ora? Ma per questo sono giunto a quest’ora! Padre,
glorifica il tuo nome!
(Gv 12, 27-28).

Dio, per il tuo nome, salvami, *
   per la tua potenza rendimi giustizia.
Dio, ascolta la mia preghiera, *
   porgi l’orecchio alle parole della mia bocca;
poiché sono insorti contro di me gli arroganti †
   e i prepotenti insidiano la mia vita, *
   davanti a sé non pongono Dio.
Ecco, Dio è il mio aiuto, *
   il Signore mi sostiene.
Di tutto cuore ti offrirò un sacrificio, *
   Signore, loderò il tuo nome perché è buono;
da ogni angoscia mi hai liberato *
   e il mio occhio ha sfidato i miei nemici.
Ant.
L’angelo Raffaele fu inviato
        a Tobia e a Sara per guarirli.
LETTURA BREVE                                    
Tb 12, 15a. 18a. 20
   Io sono Raffaele, uno dei sette angeli che sono sempre pronti ad entrare alla presenza della maestà del Signore. Quando ero con voi, io non stavo con voi per mia iniziativa, ma per la volontà di Dio: lui dovete benedire sempre, a lui cantate inni.
   Voi benedite il Signore sulla terra e rendete grazie a Dio. Io ritorno a colui che mi ha mandato.
V.
Dio comanda ai suoi angeli

R.
di custodirti in ogni tua via.
ORAZIONE
   O Dio, che chiami gli angeli e gli uomini a cooperare al tuo disegno di salvezza, concedi a noi, pellegrini sulla terra, la protezione degli spiriti beati, che in cielo stanno davanti a te per servirti e contemplano la gloria del tuo volto. Per Cristo nostro Signore.
       Benediciamo il Signore.

       R.
Rendiamo grazie a Dio.