HomeNotizieImu e immobili non commerciali

Imu e immobili
non commerciali

IMU
Con questo pronunciamento, emanato il 4 marzo scorso e sul quale si era molto dibattuto a livello politico dopo il varo della tassazione IMU, si fa chiarezza sull’ambito di esenzione e su chi possa legittimamente invocarla. La circolare, che porta la firma del direttore generale delle finanze, Fabrizia Lapecorella, richiama l’ampia e diversificata giurisprudenza precedente, confermando anzitutto che l’esenzione si applica a enti non commerciali che utilizzano direttamente spazi per le suddette “attività meritevoli”, oppure che concedono in comodato ad altro ente non commerciale che attua analogo utilizzo.
Le preoccupazioni emerse nei mesi scorsi negli ambienti del non-profit, dell’associazionismo, dell’assistenza e della stessa Chiesa, per i numerosi casi di enti non commerciali che si trovavano nella condizione di concedere ad altri enti non commerciali spazi per dette attività, per lo più di tipo sociale o assistenziale, erano state condivise anche a livello di realtà dell’associazionismo non cattolico. Ora si è fatta chiarezza. Infatti non era del tutto chiaro se il fatto di concedere spazi a titolo gratuito fosse ritenuto dal legislatore sufficiente per ottenere l’esenzione IMU. Del resto, l’applicazione di questa imposta sarebbe risultata estremamente penalizzante per enti che non solo sono senza fini di lucro, ma che spesso debbono fare ricorso alle offerte e al volontariato per poter prestare i loro servizi di assistenza. Così la notizia del pronunciamento ministeriale mette fine a queste preoccupazioni. Tutti gli enti interessati, ecclesiastici o meno, dovranno ad ogni modo dimostrare le finalità non commerciali riscontrabili anche dai propri statuti. (SIR).
08 marzo 2013

Agenda »

Domenica 18 Novembre 2018
LUN 12
MAR 13
MER 14
GIO 15
VEN 16
SAB 17
DOM 18
LUN 19
MAR 20
MER 21
GIO 22
VEN 23
SAB 24
DOM 25
LUN 26
MAR 27
MER 28
GIO 29
VEN 30
SAB 01
DOM 02
LUN 03
MAR 04
MER 05
GIO 06
VEN 07
SAB 08
DOM 09
LUN 10
MAR 11
La Pastorale della salute si muove dentro un contesto culturale che nel corso del tempo ha cercato di trovare possibili risposte al problema della sofferenza e in modo particolare alla sofferenza innocente. Oggi come non mai questo problema sfida la ragione moderna e se spesso si preferisce spostare il problema o cercare di relativizzarlo rimane sempre una domanda aperta davanti ai grandi dramma della storia umana.Rispondendo a un´esigenza manifestata da più parti di approfondire una tematica che sta particolarmente a cuore ai diaconi permanenti, si terrà ad Assisi, dal 17 al 18 novembre 2018, il Seminario di approfondimento sui temi del diaconato nel mondo della salute.Scarica il programmaIscrizioni online
Segreteria Generale 2a Giornata dei Poveri
Il corso, che si terrà ad Assisi dal 18 al 23 novembre 2018, vuole offrire a cappellani e operatori pastorali che iniziano questo ministero o che sentono l’esigenza di un’ulteriore preparazione, alcuni elementi fondamentali di pastorale della salute.Essere accanto al malato, come «presenza e azione della Chiesa per recare la luce e la grazia del Signore a coloro che soffrono e a quanti se ne prendono cura» (cfr La pastorale della salute nella Chiesa italiana n. 19) è un compito prezioso e delicato che necessita passione e formazione.ProgrammaInformazioni logistiche