HomeNotizieIl sorriso di Dio sulle ferite della vita
Salute

Il sorriso di Dio sulle ferite della vita

ospedale

Aumentano gli anziani non autosufficienti (in Italia oltre 3 milioni, risiedono per lo più in casa), come anche le persone segnate da sofferenza psichica e i giovani feriti dalle ludopatie. La XXII Giornata Mondiale del Malato – che si celebra martedì 11 febbraio, memoria liturgica della Madonna di Lourdes – nelle parole del direttore dell’Ufficio Nazionale per la pastorale della salute diventa occasione per un ascolto attento del territorio e per una riflessione sulla cultura evangelica del dono, a partire dal Messaggio del Papa.
“Il Figlio di Dio fatto uomo non ha tolto dall’esperienza umana la malattia e la sofferenza – scrive Papa Francesco, approfondendo il tema della Giornata, Fede e carità. “Anche noi dobbiamo dare la vita per i fratelli” (1Gv 3,16) – ma, assumendole in sé, le ha trasformate e ridimensionate. Ridimensionate, perché non hanno più l’ultima parola, che invece è la vita nuova in pienezza; trasformate, perché in unione a Cristo da negative possono diventare positive”.
Proprio sulla proposta di fare della vita un dono per i fratelli, d. Carmine Arice, direttore dell’Ufficio Nazionale per la pastorale della salute della CEI, osserva: “Sono tanti i malati che in tal senso, offrono la loro testimonianza di fede pur nella fatica della quotidiana sofferenza. E non mancano neppure operatori sanitari che, come buoni samaritani del nostro tempo, danno la vita per i fratelli”.  E, citando il Messaggio del Papa, aggiunge: “Quando ci accostiamo con tenerezza a coloro che sono bisognosi di cure, portiamo la speranza e il sorriso di Dio nelle contraddizioni del mondo”.
Le iniziative che in questi giorni si svolgono nelle diocesi, spiega d. Arice, hanno “un duplice scopo: un’approfondita riflessione sul significato antropologico ed evangelico del dono – dimensione costitutiva dell’uomo maturo – e un ascolto attento del territorio per cogliere una domanda di cura talvolta inascoltata, la fatica a trovare le risorse per le spese sanitarie crescenti, il bisogno di essere accompagnati in percorsi molte volte segnati da solitudine e tristezza”.
Tale percorso di riflessione avrà un momento importante nel Convegno nazionale organizzato dall’Ufficio CEI, dal 9 all’11 giugno 2014 ad Abano Terme, sul tema: “La pastorale della salute nelle periferie esistenziali. Dalle crescenti disuguaglianze alla comunità che accoglie, che educa, che cura”.
Scarica i sussidi per la XXII Giornata Mondiale del Malato

08 febbraio 2014

Agenda »

Venerdì 18 Gennaio 2019
LUN 14
MAR 15
MER 16
GIO 17
VEN 18
SAB 19
DOM 20
LUN 21
MAR 22
MER 23
GIO 24
VEN 25
SAB 26
DOM 27
LUN 28
MAR 29
MER 30
GIO 31
VEN 01
SAB 02
DOM 03
LUN 04
MAR 05
MER 06
GIO 07
VEN 08
SAB 09
DOM 10
LUN 11
MAR 12
Ufficio Nazionale per la pastorale del tempo libero, turismo e sport Simposio "Euro Mediterraneo sul Turismo Religioso" (Assisi, 18-19 gennaio 2019)
Questo Ufficio Nazionale promuove il simposio sul Turismo religioso Euro-Mediterraneo in tre sessioni che si terranno nel corso del 2019 per riflettere, confrontarsi ed elaborare progetti operativi sul tema “Verso un’identità del Turismo religioso”.Tale metodologia di lavoro è stata pensata nell’ambito dell’Osserva-Laboratorio per il Turismo Religioso-culturale Euro-Mediterraneo (OLTREM), che nasce allo scopo di coordinare e supportare azioni nel campo del Turismo religioso.Il primo degli incontri, declinato sui concetti di Bellezza e Stupore e strutturato secondo la metodologia del simposio, si terrà ad Assisi il 18 e 19 gennaio 2019.La partecipazione è su invito personaleIn allegato il Programma con le Note logistiche per la partecipazione