HomeNotizieIl sacramento del fratello

Il sacramento
del fratello

raga9
“Giovani, non mettere a frutto le risorse e le potenzialità della vostra età diventa presto un peccato dinanzi a Dio e un delitto nei confronti della società intera”. Mons. Mariano Crociata i “fattori degenerativi del nostro tempo” e rilancia un’esperienza di Chiesa che vive di condivisione missionaria.

Dal riconoscersi in una fraternità nella quale circola la fede – “Ogni credente è come un anello nella grande catena dei credenti. Io non posso credere senza essere sorretto dalla fede degli altri, e, con la mia fede, contribuisco a sostenere la fede degli altri”, ha detto, citando il Catechismo degli adulti – ne consegue che “se sono cristiano non posso fare a meno di preoccuparmi della fede e della salvezza degli altri: non è un dovere estrinseco, che si aggiunge ad una fede privata o ad una vita cristiana compiaciuta di se stessa, ma è una esigenza profonda che abita ogni autentica esperienza di fede in Cristo”.
Il vero problema sta nella difficoltà oggi a “sentire con Gesù e con i fratelli”. Mons. Crociata ha infatti evidenziato che “l’individualismo esasperato che fa rinchiudere a riccio ciascuno in se stesso, nei propri interessi e piaceri, inquina anche la coscienza e la vita di tanti cristiani; se a ciò si aggiunge la fuga da ogni sguardo sul passato e sul futuro che fa ripiegare sull’attimo presente nell’oblio di ogni difficile domanda e nella rimozione di ogni problema, che riguardi sé o altri non importa, il quadro che si delinea è desolante, poiché rivela un drammatico impoverimento del senso della fede e una conseguente perdita di ogni senso di solidarietà”.
Proprio i giovani restano la “frontiera nevralgica”, dove la fede – lungi dal “ridursi a qualche preghierina e a qualche canzonetta in bella compagnia” – viene a “sfidare la vita e a chiedere di diventare scelta operosa e impegno concreto”.
Il Segretario Generale non ha minimizzato: “Abbiamo bisogno di rompere il paradigma in cui ci stiamo lasciando imprigionare; quello secondo cui la vita è fatta solo per essere consumata e goduta, possibilmente senza costi. La missione – ha concluso – deve cominciare da questo nuovo approccio cristiano alla vita personale e sociale. Un approccio che non disdegna la fatica e il sacrificio per realizzare qualcosa di buono, un approccio che ha fiducia e, anzi, sperimenta che nel dono di sé c’è la fonte della gioia”.
20 agosto 2011

Agenda »

Domenica 21 Ottobre 2018
LUN 15
MAR 16
MER 17
GIO 18
VEN 19
SAB 20
DOM 21
LUN 22
MAR 23
MER 24
GIO 25
VEN 26
SAB 27
DOM 28
LUN 29
MAR 30
MER 31
GIO 01
VEN 02
SAB 03
DOM 04
LUN 05
MAR 06
MER 07
GIO 08
VEN 09
SAB 10
DOM 11
LUN 12
MAR 13
Ufficio Nazionale per la cooperazione missionaria tra le Chiese 92a Giornata Missionaria Mondiale