HomeNotizieI Vescovi liguri con gli alluvionati

I Vescovi liguri
con gli alluvionati

fiume
Porta la firma del Card. Angelo Bagnasco e, quindi, degli altri Vescovi della Conferenza Episcopale Ligure l’appello con il quale stabiliscono che “domenica 6 novembre si tenga una giornata di preghiera e di raccolta in denaro che verrà devoluta, tramite la Caritas, a beneficio delle comunità colpite dall’alluvione”.
“E’ sotto gli occhi di tutti – si legge nel testo – l’impressionante disastro ambientale verificatosi nei giorni scorsi nel levante della Liguria e nel limitrofo territorio toscano, a causa delle eccezionali precipitazioni atmosferiche. L’evento ha provocato lutti e distruzioni immani.
“Le Chiese liguri, che sempre si sono dimostrate attente e solidali nei confronti delle popolazioni colpite dalle calamità naturali ovunque siano avvenute – continuano i Vescovi – si sentono oggi particolarmente vicine a quelle comunità della nostra stessa regione che si trovano in una così drammatica emergenza.
Di qui l’appello: “I Vescovi della Conferenza Episcopale Ligure si uniscono nella preghiera per le vittime ed i loro familiari ed esprimono vicinanza fraterna alle popolazioni locali e alle comunità ecclesiali guidate da Mons. Francesco Moraglia, Vescovo di La Spezia-Sarzana-Brugnato. Invitano – specialmente i giovani – a gesti di solidarietà e di sostegno nelle modalità che eventualmente verranno sollecitate da chi coordina i soccorsi e le azioni di volontariato”.
Caritas Italiana, a sua volta, ha subito contattato le Caritas coinvolte e i delegati regionali delle Caritas della Liguria e della Toscana e segue l’evolversi della situazione, rendendosi disponibile ad intervenire per sostenere le azioni delle Chiese locali.
Per quanto riguarda la Toscana, Caritas in un comunito spiega che “la situazione drammatica dei comuni di Aulla e di Mulazzo si colloca in una situazione più ampia che coinvolge tutta la Lunigiana”.
Il Vescovo, Mons. Giovanni Santucci, ha visitato Aulla e alcune parrocchie vicine già il giorno successivo all’esondazione (26 ottobre), incontrando i parroci e alcune famiglie. La Caritas diocesana è a disposizione della Protezione Civile (con la quale ha stretti contatti) che già nei giorni precedenti l’alluvione ha preso in mano la situazione e continua a gestirla con impegno.
Con i sacerdoti e le comunità parrocchiali ci si sta organizzando per la seconda fase, quando dall’impegno per ripristinare le condizioni minimali della vita, si cercherà di mettere in condizione tutti di ritrovare la serenità, il minimo indispensabile per il quotidiano e le relazioni sociali.
28 ottobre 2011

Agenda »

Martedì 18 Giugno 2019
LUN 17
MAR 18
MER 19
GIO 20
VEN 21
SAB 22
DOM 23
LUN 24
MAR 25
MER 26
GIO 27
VEN 28
SAB 29
DOM 30
LUN 01
MAR 02
MER 03
GIO 04
VEN 05
SAB 06
DOM 07
LUN 08
MAR 09
MER 10
GIO 11
VEN 12
SAB 13
DOM 14
LUN 15
MAR 16
Ufficio Nazionale per i beni culturali ecclesiastici e l‘edilizia diculto Comunità e progettazione.Dai progetti pilota alla progettazione pastorale culturale