Diritto , Società

Approvazione definitiva delle convenzioni per il servizio pastorale in Italia dei presbiteri provenienti dai territori di missione e della convenzione per il servizio in missione dei fedeli laici

Approvazione definitiva delle convenzioni per il servizio pastorale in Italia dei presbiteri provenienti dai territori di missione e della convenzione per il servizio in missione dei fedeli laici
Il Consiglio Episcopale Permanente, nella sessione del 20–22 marzo 2006, ha approvato in forma definitiva gli schemi di convenzione relativi al servizio pastorale dei presbiteri provenienti dai territori di missione e lo schema di convenzione per il servizio in missione dei fedeli laici.

I primi due schemi, denominati rispettivamente Convenzione per il servizio pastorale in Italia dei presbiteri diocesani provenienti dai territori di missione e Atto di accoglienza dei presbiteri diocesani provenienti dai territori di missione costretti a lasciare il proprio paese per gravi motivi e incaricati per servizi pastorali in Italia, erano stati approvati ad experimentum per un triennio dal Consiglio Episcopale Permanente nella sessione del 20–23 gennaio 2003 (cfr «Notiziario della Conferenza Episcopale Italiana» 2003, pp. 234–238; 239–242). Atteso il buon esito della loro applicazione nella fase sperimentale, sono stati ora approvati senza variazioni in maniera definitiva.

Il terzo e il quarto schema, intitolati rispettivamente Convenzione per il servizio pastorale in Italia dei presbiteri diocesani provenienti dai territori di missione per motivi di studio e Convenzione per il servizio pastorale in Italia dei presbiteri diocesani in stato di necessità provenienti da territori non di missione per motivi di studio erano stati a loro volta approvati ad experimentum per un triennio dal Consiglio Episcopale Permanente nella sessione del 22–25 settembre 2003 (cfr «Notiziario della Conferenza Episcopale Italiana» 2003, pp. 226–229; 230–233), adempiendo quanto stabilito nella determinazione approvata dalla 51a Assemblea Generale (Roma, 19–23 maggio 2003) in ordine alla convenienza di assegnare un contributo alle diocesi italiane che accolgono in regime di convenzione i presbiteri studenti stranieri – provenienti da territori di missione o che si trovano in stato di necessità – che svolgono un servizio pastorale a tempo parziale in favore delle medesime (cfr «Notiziario della Conferenza Episcopale Italiana» 2003, pp. 224–225). Avvalendosi della facoltà concessa dalla predetta determinazione, il Consiglio Episcopale Permanente ha deciso che la misura del contributo finanziario sia incrementato annualmente tenendo conto dell’aumento del costo della vita rilevato dall’indice Istat nel mese di dicembre dell’anno precedente (cfr art. 3, § 3). Tale aggiornamento si applica a partire dal 1° gennaio 2007.

Il quinto schema, denominato Convenzione per il servizio in missione dei fedeli laici, era stato approvato ad experimentum per un triennio dal Consiglio Episcopale Permanente nella sessione del 16–19 settembre 2002 (cfr «Notiziario della Conferenza Episcopale Italiana» 2002, pp. 257–264). Anche in questo caso, nel procedere all’approvazione del testo in forma definitiva è parso conveniente inserire all’art. 5, § 1, un meccanismo di adeguamento automatico annuale del contributo finanziario riconosciuto ai missionari laici, tenendo conto dell’aumento del costo della vita rilevato dall’indice Istat nel mese di dicembre dell’anno precedente.

Tale aggiornamento si applica a partire dal 1° gennaio 2007.

 
 
 
22 Marzo 2006

Agenda »

Venerdì 30 Settembre 2022
LUN 26
MAR 27
MER 28
GIO 29
VEN 30
SAB 01
DOM 02
LUN 03
MAR 04
MER 05
GIO 06
VEN 07
SAB 08
DOM 09
LUN 10
MAR 11
MER 12
GIO 13
VEN 14
SAB 15
DOM 16
LUN 17
MAR 18
MER 19
GIO 20
VEN 21
SAB 22
DOM 23
LUN 24
MAR 25
Servizio Nazionale per la pastorale delle persone con disabilita‘ Summit Internazionale “Sport per tutti. Coeso, accessibile, e a misura di ogni persona"
Organizzato dall’Ufficio Chiesa e Sport del Dicastero per i Laici, la Famiglia e la Vita, in collaborazione con il Dicastero per la Cultura e l’Educazione e la Fondazione Giovanni Paolo II.