HomeNotizieDi lavoro ancora si muore

Di lavoro
ancora si muore

crollo
“Posso assicurarLe la piena condivisione delle Sue considerazioni sulla necessità di un’opera educativa orientata a trasmettere valori positivi in ordine all’annoso problema della sicurezza e alla salvaguardia della vita umana con ogni mezzo e in ogni situazione nella quale essa possa essere messa in pericolo”, scrive – “a nome del Presidente della Conferenza Episcopale Italiana, il Signor Cardinale Angelo Bagnasco” – mons. Mariano Crociata in un messaggio al Presidente dell’ANMIL (Associazione Nazionale fra lavoratori mutilati e invalidi del lavoro), Franco Bettoni.
Tale condivisione ecclesiale si è manifestata anche in occasione della tragedia avvenuta lo scorso 3 ottobre a Barletta, dove cinque – sfruttate sul lavoro – sono rimaste vittime del crollo di una palazzina (nella foto).
“Del resto, come Ella sa – prosegue il Segretario Generale della CEI – l’impegno per la tutela della vita è tra le priorità dell’azione pastorale e del magistero della Chiesa, come attestato significativamente dalla celebrazione annuale, nella prima domenica di febbraio, della Giornata per la vita”.
“Anche la preghiera per i caduti sul lavoro e per le vittime degli incidenti – conclude – è una costante della liturgia cristiana. Essa trova spazio soprattutto nella celebrazione dell’Eucaristia, ma anche nella Liturgia delle Ore, come pure in alcuni giorni particolari dell’anno liturgico (2 novembre: Commemorazione di tutti i fedeli defunti) e in numerose altre circostanze, come ad esempio in occasione delle celebrazioni esequiali”.
07 ottobre 2011

Agenda »

Sabato 23 Marzo 2019
LUN 18
MAR 19
MER 20
GIO 21
VEN 22
SAB 23
DOM 24
LUN 25
MAR 26
MER 27
GIO 28
VEN 29
SAB 30
DOM 31
LUN 01
MAR 02
MER 03
GIO 04
VEN 05
SAB 06
DOM 07
LUN 08
MAR 09
MER 10
GIO 11
VEN 12
SAB 13
DOM 14
LUN 15
MAR 16
Servizio Nazionale per l‘insegnamento della religione cattolica Seminario di studio su "Be stories"