HomeNotizie
Beni culturali

Dal 15 al 22 maggio le Giornate di valorizzazione

1651498532864_M5_width (1)

Una settimana di eventi, online e in presenza, per far conoscere il patrimonio culturale ecclesiastico dei diversi territori italiani: si terranno dal 15 al 22 maggio le Giornate di valorizzazione 2022 #visionidicomunità, promosse dall’Ufficio Nazionale per i beni culturali ecclesiastici e l’edilizia di culto della CEI insieme all’Associazione dei musei ecclesiastici italiani (AMEI), all’Associazione degli archivisti ecclesiastici (AAE) e all’Associazione dei bibliotecari ecclesiastici italiani (ABEI), con il patrocinio di ICOM Italia, Associazione Nazionale Archivistica Italiana e Associazione Italiana Biblioteche.
Sono più di 150 le realtà – musei, archivi, biblioteche, chiese e diocesi – che, anche in collaborazione con associazioni di volontariato, attori pubblici, privati e altri enti, organizzeranno visite guidate, mostre, percorsi culturali, incontri e conferenze alla scoperta dell’arte, della storia e della fede. “È un’occasione per mostrare la ricchezza di ciò che abbiamo e di ciò che mettiamo a disposizione della comunità civile ed ecclesiale. Le iniziative sono numerose e varie, ma tutte concorrono a creare quell’unione che vogliamo manifestare”, sottolinea don Luca Franceschini, direttore dell’Ufficio Nazionale per i beni culturali ecclesiastici e l’edilizia di culto.
A dare ufficialmente il via alle Giornate di valorizzazione sarà il Convegno “Il futuro della memoria. Archivi ecclesiastici tra storico e corrente”, in programma il 13 e 14 maggio a Verona, presso il Palazzo della Gran Guardia. “Si tratta di un appuntamento importante – rileva don Franceschini – perché per la prima volta si affronta il tema della gestione degli archivi correnti, mettendo in relazione ciò che è antico, cioè gli archivi, con ciò che stiamo producendo oggi, in quantitativi maggiori e in diversi formati: non solo cartaceo, ma anche informatico. L’obiettivo è quello di fornire strumenti e linee guida per organizzare gli archivi del presente, per non disperdere la memoria e continuare a tramandarla in futuro”.
Rivolto agli incaricati regionali e diocesani, ai cancellieri, agli archivisti e ai responsabili di archivio delle diocesi o degli istituti religiosi e promosso insieme alla diocesi di Verona con il patrocinio del Ministero della Cultura e delle associazioni professionali di settore, il Convegno prevede, il 13 maggio, una sessione sugli archivi correnti con docenti, referenti istituzionali e archivisti che condivideranno esperienze, orientamenti e prospettive. Il giorno successivo il focus sarà sulle opportunità aperte da una buona descrizione dei beni per una valorizzazione che guardi alle comunità e al territorio. “Dopo la pandemia, torniamo ad incontrarci ‘in presenza’: il convenire in un luogo di tante persone provenienti da differenti diocesi è certamente un valore aggiunto perché aiuta la condivisione e la conoscenza reciproca”, osserva il direttore dell’Ufficio CEI.
Una sessione specifica del Convegno sarà dedicata alla presentazione di sei iniziative scelte tra quelle inserite su BeWeB nella pagina #visionidicomunità che hanno ottenuto il favore della giuria e raccolto il numero maggiore di “like” sulle pagine Facebook BEWEBOFFICIAL e Beweb Beni ecclesiastici e sulla pagina Instagram BEWEBOFFICIAL.

03 Maggio 2022

Agenda »

Domenica 14 Aprile 2024
LUN 08
MAR 09
MER 10
GIO 11
VEN 12
SAB 13
DOM 14
LUN 15
MAR 16
MER 17
GIO 18
VEN 19
SAB 20
DOM 21
LUN 22
MAR 23
MER 24
GIO 25
VEN 26
SAB 27
DOM 28
LUN 29
MAR 30
MER 01
GIO 02
VEN 03
SAB 04
DOM 05
LUN 06
MAR 07
Comitato scientifico-organizzatore delle settimane sociali dei cattolici italiani Al cuore della Democrazia. Partecipare tra storia e futuro Young
AL CUORE DELLA DEMOCRAZIA YOUNG è il tema  e il titolo dell’evento che si terrà a Roma il 13-14 aprile rivolto ai giovani delegati delle Diocesi italiane per le prossime Settimane Sociali dei Cattolici d’Italia, gli animatori di comunità del Progetto Policoro, giovani professionisti di Economy of Francesco ed i giovani delle diocesi interessati al tema.Ripercorrendo il percorso tracciato sulla via di Trieste, obiettivo dell’evento è porre i giovani in ascolto dei mondi sociali e conoscere l’impegno che tante realtà associative e del mondo della cooperazione pongono in essere.Si tratta di un evento esperienziale, cui intento primario è stimolare la riflessione, in chiave propositiva e positiva, su argomenti di interesse primario del mondo giovanile: violenza di genere, diritto di voto ai fuori sede, emergenza abitativa, riqualificazione urbana, turismo inclusivo.Risultato auspicato, dunque, concerne la conoscenza di “milioni di piccole e grandi azioni concatenate in modo creativo”, da intendersi quali espressioni declinate del concetto di democrazia generalmente inteso.