HomeNotizieCEI, a Roma il Consiglio Episcopale Permanente

CEI, a Roma il Consiglio Episcopale Permanente

cei_new_rid1
Il Consiglio Episcopale Permanente si riunirà a Roma dal 22 al 25 marzo 2010. Si aprirà nel pomeriggio del 22 marzo alle ore 17.00 con l’adorazione eucaristica presso la Cappella della CEI e la prolusione del Cardinale Presidente Sua Em.za Angelo Bagnasco. Nei giorni successivi i Vescovi procederanno all’approvazione dell’ordine del giorno dell’Assemblea Generale di maggio. Poi si passerà all’esame della bozza degli Orientamenti pastorali per il decennio 2010-2020, all’approvazione della lettera della Commissione Episcopale per la dottrina della fede, l’annuncio e la catechesi a quarant’anni dalla pubblicazione del Documento base Il rinnovamento della catechesi; all’autorizzazione all’invio ai vescovi dei testi della seconda parte della terza edizione italiana del Messale Romano e alla presentazione della bozza del Documento preparatorio della 46a Settimana Sociale dei cattolici italiani. Nel corso dei lavori i vescovi del Consiglio permanente rifletteranno sullo stato della presenza di sacerdoti stranieri in Italia e sulla revisione del regime convenzionale. I Vescovi riuniti in Consiglio determineranno inoltre il contributo da assegnare ai Tribunali Ecclesiastici Regionali per l’anno in corso e provvederanno all’adeguamento delle tariffe e dei compensi per l’attività dei Tribunali Ecclesiastici Regionali. Infine approveranno le relazioni quinquennali delle Commissioni Episcopali. Il Consiglio permanente si concluderà dopo la verifica del fondo di garanzia Prestito della speranza e l’approvazione degli statuti delle aggregazioni ecclesiali.
18 Marzo 2010

Agenda »

Sabato 29 Febbraio 2020
LUN 24
MAR 25
MER 26
GIO 27
VEN 28
SAB 29
DOM 01
LUN 02
MAR 03
MER 04
GIO 05
VEN 06
SAB 07
DOM 08
LUN 09
MAR 10
MER 11
GIO 12
VEN 13
SAB 14
DOM 15
LUN 16
MAR 17
MER 18
GIO 19
VEN 20
SAB 21
DOM 22
LUN 23
MAR 24
Centro Studi per la scuola cattolica Seminario di Studio:Come stanno cambiando i bambini
Il seminario intende analizzare l´identità dei bambini nella fascia di età copresa tra i 3 e i 10 anni, a trent´anni dalla dichiarazione dei diritti del fanciullo 1989. Si vuole offrie l´occasione per analizzare  se e come stiano cambiando le generazioni dei giovanissimi dal punto di vista cognitivo, emotivo, comunicativo, relazionale, per verificare quanto il cambiamento sia un fatto effettivamente nuovo e il segnale di una nuova epoca.