HomeNotizieCatechesi, Card. Bagnasco: “Testimoni senza se e senza ma

Catechesi, Card. Bagnasco: “Testimoni senza se e senza ma

Testimoni senza ‘se’ e senza ‘ma’. E’ stato un monito forte quello che il card. Angelo Bagnasco ha rivolto oggi ai giovani nel corso dell’ultima giornata di catechesi alla Gmg di Sydney, incentrata sul tema “Inviati nel mondo: lo Spirito Santo protagonista della missione”.

 
Testimoni così convinti da avere “l’ingenua libertà di gridare ‘il re è nudo’,smascherando così “il vuoto dei miti dominanti, delle mode, dei luoghi comuni,che troppo spesso invadono i media e che condizionano i modi di pensare e di vivere; che creano aspirazioni e illusioni nei giovani, e che causano delusioni a volte drammatiche”. “Il vuoto – ha sottolineato il cardinale – occupa troppo spazio nell’anima e nella mente.
Sapendo di essere tutti esposti a questa aria sottile ma pesante, dobbiamo con la testimonianza della nostra vita e poi con la dolcezza della parola indicare il vuoto che crea fantasmi, preoccupazioni, immagini di facile successo; che coltiva la vanità della vita”.  “La missione – ha puntualizzato il card. Bagnasco – non è frutto di metodi particolari o strategie sofisticate, ma dello Spirito Santo alla cui azione dobbiamo essere docili”. Solo se si è rinnovati interiormente dallo Spirito Santo, ha spiegato il cardinale, si ottiene “l’audacia” nell’annunciare al punto di dire “io non posso tacere. Non si può tacere la gioia, non si può trattenere la speranza. Dobbiamo smettere di pensare che l’annuncio di Cristo è compito degli addetti ai lavori: siamo tutti ingaggiati dall’unico Signore, ci ha chiamati sulla stessa barca, la Chiesa”. “Siamo invitati ad annunciare Cristo ovunque, a non selezionare né persone né ambienti di vita perché tutto è campo di Dio – ha ribadito il presidente della Cei – la missione è un tempo quotidiano, ogni giorno è missionario, in famiglia, a scuola, all’università, al lavoro, nel tempo libero… Le persone passano accanto a te forse con un desiderio non detto, in attesa che qualcosa di nuovo accada nel senso di un bagliore che illumini il grigio”.
Missionari ma con l’umiltà del coraggio: “senza umiltà non c’è il coraggio della missione. Si tratta dell’umiltà di accettare il sorriso ironico o di sufficienza dell’altro, di incassare il suo rifiuto, di ascoltare la scusa banale, di essere giudicati retrogradi o illusi”. Per poter rispondere “a chi ci interroga e per crescere noi stessi”, ha concluso, “è necessario imparare le ragioni della propria fede, con semplicità e serietà, si tratta di pensare di più senza diventare complicati. Gli altri hanno diritto a delle risposte sensate e ragionevoli”.
 
18 luglio 2008

Agenda »

Domenica 18 Novembre 2018
LUN 12
MAR 13
MER 14
GIO 15
VEN 16
SAB 17
DOM 18
LUN 19
MAR 20
MER 21
GIO 22
VEN 23
SAB 24
DOM 25
LUN 26
MAR 27
MER 28
GIO 29
VEN 30
SAB 01
DOM 02
LUN 03
MAR 04
MER 05
GIO 06
VEN 07
SAB 08
DOM 09
LUN 10
MAR 11
La Pastorale della salute si muove dentro un contesto culturale che nel corso del tempo ha cercato di trovare possibili risposte al problema della sofferenza e in modo particolare alla sofferenza innocente. Oggi come non mai questo problema sfida la ragione moderna e se spesso si preferisce spostare il problema o cercare di relativizzarlo rimane sempre una domanda aperta davanti ai grandi dramma della storia umana.Rispondendo a un´esigenza manifestata da più parti di approfondire una tematica che sta particolarmente a cuore ai diaconi permanenti, si terrà ad Assisi, dal 17 al 18 novembre 2018, il Seminario di approfondimento sui temi del diaconato nel mondo della salute.Scarica il programmaIscrizioni online
Segreteria Generale 2a Giornata dei Poveri
Il corso, che si terrà ad Assisi dal 18 al 23 novembre 2018, vuole offrire a cappellani e operatori pastorali che iniziano questo ministero o che sentono l’esigenza di un’ulteriore preparazione, alcuni elementi fondamentali di pastorale della salute.Essere accanto al malato, come «presenza e azione della Chiesa per recare la luce e la grazia del Signore a coloro che soffrono e a quanti se ne prendono cura» (cfr La pastorale della salute nella Chiesa italiana n. 19) è un compito prezioso e delicato che necessita passione e formazione.ProgrammaInformazioni logistiche