HomeNotizieCaritas Italiana, memoria di futuro

Caritas Italiana,
memoria di futuro

logo2
Far memoria per guardare avanti. Questo l’intendimento con cui Caritas Italiana dà avvio ad una serie di incontri, che – a partire dal 1 luglio – culmineranno a novembre con il Convegno nazionale delle Caritas diocesane e l’Udienza del Santo Padre.
“I temi di questi dieci avvenimenti – spiega il direttore, mons. Vittorio Nozza – li abbiamo tratti dallo Statuto: facciamo così emergere la natura della Caritas, la sua azione pedagogica ed educativa, attraverso studio, ricerca, interventi e cura. Ai compagni di viaggio che abbiamo chiamato a intervenire, chiediamo di «leggerci» e di darci qualche indicazione di prospettiva”.
In questi 40 anni la Caritas ha conosciuto essenzialmente tre fasi: una prima – che Nozza riconduce ad un “volto profetico” – nella quale il ruolo determinante è stato giocato da Caritas Italiana; una seconda, dove “la profezia si fa azione di accompagnamento”, che vede Caritas Italiana camminare insieme alle Caritas diocesane in chiave di sviluppo sul territorio; infine, la fase attuale – “la profezia si fa ordinarietà” – che vede un forte radicamento e protagonismo delle Caritas diocesane, dentro un ruolo di ordinamento di Caritas Italiana.
“Oggi è essenzialmente il territorio a prendere la parola – conclude il direttore – e il nostro è diventato un ruolo di sintesi, di amalgama e di sostegno alle realtà più fragili, perché maturino un’appartenenza ecclesiale profonda. Non siamo scomparsi come Caritas Italiana, ma la nostra visibilità è fatta dai tanti volti delle Caritas diocesane che innervano il territorio”.
Venerdì 1 luglio, alle 11, presso la sede (Roma, via Aurelia 796), mons. Nozza illustra le tappe di “Un percorso tra memoria, fedeltà e profezia” con cui Caritas Italiana scandirà in questi mesi il proprio 40°: dieci momenti di confronto su comunicazione, funzione pedagogica, poveri e opere, politiche sociali, studi e ricerche, immigrati e Chiesa.
La tavola rotonda che seguirà – “40 anni di Caritas Italiana e immagine di Chiesa” – vede gli interventi di mons. Domenico Pompili (Sottosegretario della Conferenza episcopale italiana e direttore dell’Ufficio Nazionale per le comunicazioni sociali), della prof.ssa Chiara Giaccardi (docente di Sociologia e antropologia dei media, Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano) e del dott. Stefano Trasatti (direttore di Redattore Sociale).
30 giugno 2011

Agenda »

Venerdì 18 Gennaio 2019
LUN 14
MAR 15
MER 16
GIO 17
VEN 18
SAB 19
DOM 20
LUN 21
MAR 22
MER 23
GIO 24
VEN 25
SAB 26
DOM 27
LUN 28
MAR 29
MER 30
GIO 31
VEN 01
SAB 02
DOM 03
LUN 04
MAR 05
MER 06
GIO 07
VEN 08
SAB 09
DOM 10
LUN 11
MAR 12
Ufficio Nazionale per la pastorale del tempo libero, turismo e sport Simposio "Euro Mediterraneo sul Turismo Religioso" (Assisi, 18-19 gennaio 2019)
Questo Ufficio Nazionale promuove il simposio sul Turismo religioso Euro-Mediterraneo in tre sessioni che si terranno nel corso del 2019 per riflettere, confrontarsi ed elaborare progetti operativi sul tema “Verso un’identità del Turismo religioso”.Tale metodologia di lavoro è stata pensata nell’ambito dell’Osserva-Laboratorio per il Turismo Religioso-culturale Euro-Mediterraneo (OLTREM), che nasce allo scopo di coordinare e supportare azioni nel campo del Turismo religioso.Il primo degli incontri, declinato sui concetti di Bellezza e Stupore e strutturato secondo la metodologia del simposio, si terrà ad Assisi il 18 e 19 gennaio 2019.La partecipazione è su invito personaleIn allegato il Programma con le Note logistiche per la partecipazione