Notizie

18 giugno 2018

Santi Marco e Marcelliano
HomeNotizieAmore della verità e verità dell'amore

Amore della verità
e verità dell'amore

famiglia3
La misura di ogni pastorale ecclesiale rimane il cuore di Cristo, secondo l’icona evangelica del buon Samaritano; da qui, l’attenzione che la Chiesa è chiamata ad avere nei confronti sia di quanti hanno visto fallire il loro matrimonio e sono separati o divorziati, sia di quanti, dopo essersi separati o aver divorziato, si sono risposati o convivono.
Partendo da questo orizzonte mercoledì 22 giugno mons. Carlo Rocchetta – teologo, direttore del centro familiare “Casa della tenerezza” di Perugia – ha sviluppato il suo intervento, La Chiesa Madre e Maestra per i coniugi in difficoltà. Dalla luce teologica alle scelte pastorali.
Il primo contributo offerto dal relatore è stato quello della chiarezza: “Le situazioni sono oggettivamente diverse tra loro” ha spiegato, distinguendo:  “Nel caso di chi è separato o divorziato, ma non ha contratto una nuova unione, non esiste un problema di partecipazione ai sacramenti della riconciliazione e dell’eucaristia”; mentre, invece, nel caso di chi, separato o divorziato, ha dato vita ad una nuova unione, “non c’è la possibilità di accedere ai sacramenti”, anche se questo non significa essere esclusi dalla vita della Chiesa.
Mons. Rocchetta ha invitato a valutare le singole situazioni, evitando di “trasformare tutti i separati in una massa indistinta”, e “unendo sempre amore della verità e verità dell’amore, e mai l’una senza l’altra”.
Ha quindi spiegato, sotto il profilo teologico, le ragioni della posizione della Chiesa sulla problematica della separazione e del divorzio, riconducendole all’identità specifica del sacramento delle nozze ed esortando, nel contempo, a evitare sia “la chiusura totale verso ogni separato”, sia “la superficialità etica, in base alla quale tutto è permesso”.
“Quando due battezzati si sposano – ha aggiunto – non pongono in essere un gesto che appartiene solo a loro”, ma diventano “segno dell’alleanza definitiva, irrevocabile e indistruttibile di Dio verso l’umanità e di Cristo verso la Chiesa”. Per questo, il sacramento del matrimonio “non rappresenta solo un impegno scritto sulla carta, ma un accadimento cristico-ecclesiale dispiegato nel cuore stesso degli sposi”, che “diventano ciò che celebrano”. Il legame del vincolo sacramentale ha perciò “natura permanente”.
Tutto questo non significa che, quando un’unione dovesse spezzarsi, il battezzato si trova fuori della Chiesa: anzi, quest’ultima – ha sottolineato il relatore – ha “l’obbligo morale di farsi vicina a questi fratelli e sorelle, mettendosi in cammino con loro, aiutandoli a ritrovare un senso alla propria vita e aprendoli alla speranza che nasce dalla fede in Dio”.
In particolare, la condizione di separati che si sono risposati civilmente o che comunque si sono ri-accompagnati, è quella che la Chiesa definisce come “irregolare”. Anche a tale riguardo, mons. Rocchetta ha invitato a comprendere il significato di questa parola, che “non intende esprimere un giudizio sulle persone e sulla loro coscienza, ma indicare uno stato di vita, oggettivamente in contrasto con il vincolo permanente del sacramento delle nozze”; condizione che, ancora, “non indica una sorta di esclusione totale dal vissuto della comunità cristiana e richiede, anzi, forme particolari di attenzione e di vicinanza pastorale”.
Rimane decisivo – ha lasciato intendere – superare la contrapposizione “sacramenti sì” o “sacramenti no”, che in fondo rivela “l’idea che tutta la vita cristiana si riduca ai sacramenti”. In realtà, tale contrapposizione “è sterile, perché non porta da nessuna parte e preclude ogni possibilità di compiere passi in avanti, almeno sotto i profilo ecclesiologico-pastorale”; inoltre, “non permette ai separati risposati o riaccompagnati di sentirsi Chiesa, per la loro parte, e viverne i momenti fondamentali”. Tra questi, la riscoperta del dono della Parola di Dio, della preghiera come dialogo con il Signore, della fraternità e della carità.
Anche i fedeli separati risposati o comunque conviventi occupano dunque un posto nella Chiesa: “Sono un segno e una provocazione vivente per la comunità cristiana, nella misura stessa in cui la impegnano ad uscire fuori da ogni sorta di sedentarietà o di immobilismo e a farsi umile compagna di viaggio dell’umanità”. Nel concreto, verso i separati risposati la Chiesa è chiamata a “farli sentire parte del popolo di Dio”, ad “astenersi dal giudicare l’intimo della loro coscienza” e ad “amarli con cui il cuore di Dio”.
22 giugno 2011

Agenda »

Lunedì 18 Giugno 2018
LUN 18
MAR 19
MER 20
GIO 21
VEN 22
SAB 23
DOM 24
LUN 25
MAR 26
MER 27
GIO 28
VEN 29
SAB 30
DOM 01
LUN 02
MAR 03
MER 04
GIO 05
VEN 06
SAB 07
DOM 08
LUN 09
MAR 10
MER 11
GIO 12
VEN 13
SAB 14
DOM 15
LUN 16
MAR 17
Ufficio Nazionale per la pastorale del tempo libero, turismo e sport Progetto Jubimed 2025: riunione tecnica di lavoro(Roma-CEI, 18 giugno 2018, ore 10-13)
Questo ufficio nazionale convoca il secondo incontro per il Progetto Jubimed 2025 per il giorno lunedì 18 giugno 2018, dalle ore 10 alle ore 13 (seguirà il solito catering offerto per chi lo desidera).