HomeNotizieA Rio, per la gioia di essere Chiesa

A Rio, per la gioia
di essere Chiesa

gmg
“Tra un anno, proprio in questo periodo, si terrà la 28a Giornata Mondiale della Gioventù a Rio de Janeiro, in Brasile. Si tratta di una preziosa occasione per tanti giovani di sperimentare la gioia e la bellezza di appartenere alla Chiesa e di vivere la fede”.
Così si espresso domenica 29 luglio Benedetto XVI durante la preghiera dell’Angelus.
Il Papa guarda “con speranza a questo evento” e desidera “incoraggiare e ringraziare gli organizzatori, specialmente l’Arcidiocesi di Rio de Janeiro, impegnati a preparare con solerzia l’accoglienza ai giovani che da tutto il mondo prenderanno parte a questo importante incontro ecclesiale”.
Dal canto suo, il Servizio Nazionale per la pastorale giovanile, consapevole delle difficoltà anche economiche che possono frenare un’ampia partecipazione, auspica il coinvolgimento di una rappresentanza da ogni diocesi italiana: “Sarebbe importante – spiega il direttore, mons. Nicolò Anselmi – che da ogni nostra Chiesa potesse partire un piccolo gruppo, così da raccogliere l’invito del Santo Padre, condividere con lui questa esperienza e tornare con la disponibilità a raccontarla”.
Nel contempo, mons. Anselmi spiega che il Servizio Nazionale sta lavorando per offrire un’alternativa a chi non potrà prendervi parte direttamente: “Cercheremo di favorire a livello diocesano la possibilità di vivere una sorta di Gmg parallela, perché i contenuti di questo appuntamento possano essere assunti anche da chi si vedrà impossibilitato a partire”.
Le iscrizioni per Rio si apriranno durante il mese di settembre.
29 Luglio 2012

Agenda »

Sabato 29 Febbraio 2020
LUN 24
MAR 25
MER 26
GIO 27
VEN 28
SAB 29
DOM 01
LUN 02
MAR 03
MER 04
GIO 05
VEN 06
SAB 07
DOM 08
LUN 09
MAR 10
MER 11
GIO 12
VEN 13
SAB 14
DOM 15
LUN 16
MAR 17
MER 18
GIO 19
VEN 20
SAB 21
DOM 22
LUN 23
MAR 24
Centro Studi per la scuola cattolica Seminario di Studio:Come stanno cambiando i bambini
Il seminario intende analizzare l´identità dei bambini nella fascia di età copresa tra i 3 e i 10 anni, a trent´anni dalla dichiarazione dei diritti del fanciullo 1989. Si vuole offrie l´occasione per analizzare  se e come stiano cambiando le generazioni dei giovanissimi dal punto di vista cognitivo, emotivo, comunicativo, relazionale, per verificare quanto il cambiamento sia un fatto effettivamente nuovo e il segnale di una nuova epoca.