Notizie

23 aprile 2018

San Giorgio
HomeNotizieVeglia di Pentecoste nel segno dei martiri
Presidenza

Veglia di Pentecoste nel segno dei martiri

preghiera

La Presidenza della CEI ha deciso di proporre a tutte le comunità – non solo italiane – di dedicare la prossima Veglia di Pentecoste (23 maggio 2015), ai martiri contemporanei, alla tragedia di tanti cristiani e di tante persone i cui diritti fondamentali alla vita e alla libertà religiosa vengono sistematicamente violati: “ Questa situazione ci interroga profondamente e deve spingerci ad unirci in un grande gesto di preghiera a Dio e di vicinanza con questi fratelli”.

Ecco il testo del comunicato:

«Esiste un legame forte che già ci unisce, al di là di ogni divisione: è la testimonianza dei cristiani, appartenenti a Chiese e tradizioni diverse, vittime di persecuzioni e violenze solo a causa della fede che professano».  Con queste parole il Santo Padre ha ricevuto i membri della Commissione internazionale anglicana-cattolica (30 aprile 2015). Si tratta solo dell’ultimo intervento del Papa in ordine alla tragedia di tanti cristiani e di tante persone i cui diritti fondamentali alla vita e alla libertà religiosa vengono sistematicamente violati.
Questa situazione ci interroga profondamente e deve spingerci ad unirci, in Italia e nel mondo, in un grande gesto di preghiera a Dio e di vicinanza con questi nostri fratelli e sorelle. Imploriamo il Signore, inchiniamoci davanti al martirio di persone innocenti, rompiamo il muro dell’indifferenza e del cinismo, lontano da ogni strumentalizzazione ideologica o confessionale.
Da qui la proposta di dedicare, in Italia e in tutte le comunità del mondo che vorranno aderire, la prossima Veglia di Pentecoste, sabato 23 maggio 2015, ai martiri nostri contemporanei.
A questo scopo si sta inoltre lavorando ad un progetto di diffusione – attraverso i social media – di testimonianze e storie, dai diversi paesi: racconti di fede e di amore estremo, eventi di condivisione, fatti di carità. Sono moltissimi i cristiani e gli uomini di ogni confessione capaci di testimoniare l’amore a prezzo della vita. Tale testimonianza non può passare sotto silenzio perché costituisce per tutti una ragione di incoraggiamento al bene e di resistenza al male.

La Presidenza della CEI

07 maggio 2015

Agenda »

Lunedì 23 Aprile 2018
LUN 23
MAR 24
MER 25
GIO 26
VEN 27
SAB 28
DOM 29
LUN 30
MAR 01
MER 02
GIO 03
VEN 04
SAB 05
DOM 06
LUN 07
MAR 08
MER 09
GIO 10
VEN 11
SAB 12
DOM 13
LUN 14
MAR 15
MER 16
GIO 17
VEN 18
SAB 19
DOM 20
LUN 21
MAR 22
Ufficio Nazionale per i problemi sociali e il lavoro 3° Corso Campi Aperti - Giovani e impegno sociale
INNOVARE IL LAVORO a partire dalle buone praticheTorino, 20 - 24 aprile 2018 - Arsenale della Pace - SermigDestinatari:Tutto il mondo giovanile - seminaristi e giovani impegnati nel sociale - che hanno a cuore il bene comune e vogliono approfondire aspetti attualissimi dell’umana convivenza, in dialogo con donne e uomini che possono dare un notevole contributo di riflessione.Obiettivo:Condividere e approfondire con i giovani i risultati dell´importante appuntamento ecclesiale della 48ª Settimana Sociale dei Cattolici svoltasi a Cagliari che ha fatto del tema LAVORO l´oggetto del confronto: «Il lavoro che vogliamo: "Libero, creativo, partecipativo e solidale"».È necessario che questi incontri possano irradiare la loro positività nei territori e in particolare nei giovani che vivono la sfida del lavoro e del precariato. "In molti, davanti alla precarietà del lavoro, subentra la paura di non riuscire a trovare una soddisfacente affermazione professionale, di non veder realizzati i propri sogni. Sono timori oggi molto presenti in molti giovani, sia credenti che non credenti".  (MESSAGGIO DEL SANTO PADRE FRANCESCO PER LA XXXIII GIORNATA MONDIALE DELLA GIOVENTÙ 2018) Per info: 06 66398218 unpsl@chiesacattolica.it
Ufficio Nazionale per la cooperazione missionaria tra le Chiese Incontro missionari italiani in Tanzania