Direttore: Pompili Mons. Domenico
Vice Direttore: Maffeis Don Ivan
Circonvallazione Aurelia, 50 00165 Roma
06 66398209
06 66398239
Cerca
in evidenza
  • Venerdì 19 Dicembre 2014

    Di chi è internet?

    Internet, da tempo, non è più il regno di tutti, ma un territorio estremamente proficuo controllato da pochi. Vi riproponiamo l'interessante riflessione vergata per Avvenire del 19 dicembre da Gigio Rancilio, in seguito alla recente chiusura, in Spagna, di "Google News"...
19/12/2014
Palermo
I 10 anni del direttorio sulle Comunicazioni Sociali, la Caritas vicina ai poveri e non solo a Natale, lunedì pranzo per 270 poveri, Papa Francesco benedice i Bambinelli e fa distribuire un libretto di preghiere. Sono alcuni dei servizi proposti nel Tgweb settimanale dell’Arcidiocesi di Palermo, il magazine, ideato e realizzato dall’Ufficio per le Comunicazioni Sociali con la collaborazione dei Servizi informatici che viene postato il sabato sul sito dell’Arcidiocesi.
16/12/2014
Monreale
Otto ragazzi di Savona in Sicilia, per la nona tappa del gemellaggio che lega due omonimi giornali parrocchiali che dal 2009 percorrono insieme un cammino di amicizia e fede condivisa. "Il Melograno" della Parrocchia Ecce Homo di Cinisi nell'Arcidiocesi di Monreale e "Il Melograno" della Parrocchia Santo Spirito e Concezione di Savona, nella diocesi di Savona dal 2 al 6 Gennaio prossimi, si ritroveranno nuovamente insieme per condividere una nuova esperienza di fraternità e di impegno sul tema "Comunicazione e Missione".
16/12/2014
Perugia - Citta' della Pieve
«Le comunicazioni sociali sono una dimensione essenziale per la missione della Chiesa. Quindi non si tratta di considerarle un ambito, quanto piuttosto un comune denominatore che tocca ogni aspetto della vita ecclesiale», spiega l’arcivescovo di Perugia-Città della Pieve, il cardinale Gualtiero Bassetti. Nel suo ministero episcopale ha avuto sempre un’attenzione specifica alla cultura massmediale. Ed è stato uno dei primi vescovi a tradurre nel quotidiano il Direttorio Comunicazione e missione.
16/12/2014
Noto
Era domenica 16 marzo 2003 quando, dopo mesi di preparazione, in 14 parrocchie della diocesi siciliana di Noto partiva l’avventura del Portaparola. «Grazie all’intuizione dell’allora vescovo Giuseppe Malandrino, siamo stati la prima Chiesa del sud a sperimentare l’iniziativa proposta da Avvenire, rilanciando così il nostro impegno» ricorda don Ottavio Ruta, da sempre animatore instancabile dei media cattolici e del periodico La vita diocesana di Noto.
16/12/2014
Pesaro
«Quando penso al progetto Portaparola, i ricordi tornano vivi al 2002 e si fanno carichi di emozione». A parlare è don Giampiero Cernuschi, già direttore dell’Ufficio per le comunicazioni sociali dell’arcidiocesi di Pesaro. «La nostra diocesi – prosegue don Giampiero – non solo fu tra le prime 19 ad avviare il progetto con Avvenire ma l’allora arcivescovo Bagnasco decise di consegnare un vero e proprio mandato agli animatori, primo in Italia».
16/12/2014
Lecce
Riparte dai temi al centro del Convegno ecclesiale di Firenze 2015 l’anno accademico dell’Istituto superiore di scienze religiose di Lecce. Lunedì 15 dicembre nel pomeriggio l’inaugurazione, con la prolusione di Chiara Giaccardi, studiosa dei media all’Università Cattolica di Milano, sul tema «Per un nuovo umanesimo nell’era digitale».
archivio
News
A dieci anni anni dalla pubblicazione del Direttorio sulle comunicazioni sociali, il Direttore dell'Ufficio Nazionale, Mons, Pompili, ha tracciato alcune prospettive per il cammino futuro, a cominciare dalla centralità del "fattore umano".
Per la Chiesa in Italia la comunicazione è determinante. Parola di monsignor Nunzio Galantino. «Se non investiamo seriamente sulla comunicazione – ha detto il segretario generale della Cei – rischiamo l’irrilevanza e la marginalità». 
Nel decennale del Direttorio i responsabili dei media promossi dalla Cei e il presidente della federazione settimanali cattolici hanno concordato sulla necessità di una comunicazione polifonica e sulla capacità di fare rete. Per una comunicazione senza complessi di inferiorità.
Lunedì 15 dicembre Papa Francesco ha ricevuto, nell'aula Nervi, i responsabili e i lavoratori dell'emittente cattolica con i loro famigliari. Tre i peccati dei media, ha detto: disinformazione, calunnia e diffamazione. Bisogna evitare le scorciatoie - ha aggiunto - e percorrere la via lunga della comprensione. 
Galleria videoGalleria foto
48ma giornata mondiale delle comunicazioni sociali
vai al sito anicec
Seguici su Twitter
segnalazioni stampa CCI