Chiesa Cattolica Italiana - News e Mediacenter - News - 2014 - Novembre - Ecco il sussidio
per Avvento e Natale 
Condividi su
Facebook Twitter Technorati Delicious Yahoo Bookmark Google Bookmark Microsoft Live Ok Notizie
Venerdý 21 Novembre 2014
Curato dall'Ufficio Liturgico, Ŕ online
Ecco il sussidio
per Avvento e Natale   versione testuale

“Ancora una volta è la parola forte dell’Apostolo a indicare la via: «Vagliate ogni cosa e tenete ciò che è buono» (1Ts 5,21)”, scrive Mons. Nunzio Galantino nella presentazione del sussidio Avvento-Natale, curato dall’Ufficio Liturgico Nazionale e disponibile in Rete.
 
“Nella lettera ai Tessalonicesi l’invito è rivolto a una comunità che correva  il rischio di “spegnere lo Spirito” e “disprezzare le profezie” – spiega il Segretario Generale –: forse per paura della novità, forse anche per una ragionevole diffidenza verso eccessi già verificatisi. L’Apostolo invita a ritrovare fiducia e fermezza: il discernimento dei credenti, riuniti nel nome di Cristo, non ha barriere preventive; ogni elemento può essere valutato, nella convinzione che sia possibile discernere e mantenere solo ciò che è buono. In queste parole di Paolo troviamo un messaggio sintetico e pregnante, capace di accompagnare le nostre comunità verso un’azione pastorale coraggiosa, aperta all’incontro e al dialogo con ogni realtà, eppure consapevole della propria singolare identità, che porta ad astenersi «da ogni specie di male» (cf. 1Ts 5,19-22).
 
“Il sussidio  - aggiunge Mons. Galantino – offre un quadro di riferimento biblico-liturgico, quest’anno declinato in chiave antropologica, in sintonia con il prossimo convegno ecclesiale di Firenze; propone inoltre preziose indicazioni liturgico-pastorali per celebrare in nobile semplicità, secondo l’autentico spirito della liturgia e poter così riscoprirne la bellezza evangelizzante (cf. Evangelii Gaudium, 24).
 
E conclude: “Il sussidio presenta anche una serie di suggerimenti per l’evangelizzazione: per la catechesi, per la vita familiare, per vivere la carità. Il tutto è reso disponibile nella ormai consueta versione informatica: una Chiesa aperta e accogliente sa valorizzare le risorse tecnologiche del mondo attuale per metterle al servizio del Vangelo e della promozione autentica dell’umano”.