HomeNotizieVerso l’Assemblea
Consiglio Permanente

Verso l’Assemblea

Assemblea

Sarà Papa Francesco a concludere la prossima Assemblea Generale, offrendo il dono della sua parola e della sua disponibilità ai membri della Conferenza Episcopale Italiana. La notizia è stata comunicata dal Cardinale Presidente al Consiglio Permanente – riunito a Roma da lunedì 23 a mercoledì 25 marzo per la sessione di primavera – i cui lavori per molti aspetti sono stati orientati proprio alla preparazione dell’Assemblea.
Nella prolusione il Card. Angelo Bagnasco ha valorizzato l’iniziativa dell’Anno Santo della Misericordia, leggendola sullo sfondo dell’Esortazione apostolica Evangelii gaudium e del Convegno Ecclesiale Nazionale di Firenze.
I membri del Consiglio Permanente hanno ripreso gli appelli del Presidente della CEI sia sul dramma della disoccupazione che sta provando il Paese, sia sulla tragedia della persecuzione che colpisce soprattutto i cristiani. L’attenzione e la convinta adesione dei Vescovi sono andate anche all’educazione, con l’avvertenza a contrastare l’ideologia del gender.
Nel corso dei lavori i Vescovi sono tornati sul tema della vita e della formazione permanente dei presbiteri, approvando la proposta di una griglia di lavoro finalizzata ad avviare processi virtuosi. È stata, inoltre, presentata loro una sintesi dei contributi pervenuti dalle diocesi alla Segreteria Generale sui Lineamenta della prossima  Assemblea Generale Ordinaria del Sinodo dei Vescovi. Il Consiglio Permanente ha deciso anche la predisposizione di una lettera pastorale che impegni la prossimità della Chiesa nel momento della sofferenza e del lutto, quale presenza che condivide, consola e illumina in senso cristiano il mistero della morte.
Fra gli adempimenti amministrativi, è stata approvata la proposta di ripartizione – tra carità, sostentamento del clero ed esigenze di culto e pastorale – da parte della prossima Assemblea Generale dei fondi dell’otto per mille che perverranno nel 2015;  si è stabilita la misura del contributo annuale per il funzionamento dei Tribunali ecclesiastici regionali. Si è anche deciso di avviare a livello di Conferenze Regionali una valutazione sulla situazione e sulle prospettive degli Istituti diocesani di sostentamento del clero. Si è proceduto all’esame e all’approvazione di alcune modifiche del Regolamento del Comitato per gli interventi caritativi a favore dei Paesi del Terzo Mondo.
Con l’approvazione delle relazioni finali, hanno concluso l’attività le Commissioni Episcopali del quinquennio 2010-2015. Infine, sono stati presi in esami una serie di adempimenti in vista della prossima Assemblea Generale ed è stato approvato il calendario delle attività della Conferenza Episcopale Italiana per il prossimo anno pastorale.
In allegato, il testo del Comunicato finale presentato in conferenza stampa venerdì 27 marzo dal Segretario generale, Mons. Nunzio Galantino.

27 marzo 2015

Agenda »

Venerdì 14 Dicembre 2018
LUN 10
MAR 11
MER 12
GIO 13
VEN 14
SAB 15
DOM 16
LUN 17
MAR 18
MER 19
GIO 20
VEN 21
SAB 22
DOM 23
LUN 24
MAR 25
MER 26
GIO 27
VEN 28
SAB 29
DOM 30
LUN 31
MAR 01
MER 02
GIO 03
VEN 04
SAB 05
DOM 06
LUN 07
MAR 08
Il nuovo organismo dell´UCN è affidato al coordinamento di don Salvatore Soreca e don Giorgio Bezze. e ha come membri  il Prof. Michele Aglieri, Sr. Giancarla Barbon, Dott.ssa Katia Bolelli, Dott.ssa Anna Teresa Borrelli, don Andrea Cavallini, don Luigi Donati Fogliazza, don Maurizio Mirai, Prof. Don Ubaldo Montisci, P. Rinaldo Paganelli e Dott.ssa Avv. Angela Pesce.Fra i suoi obiettivi:a) proseguire il monitoraggio delle principali iniziative italiane in campo formativo, anche mediante l’utilizzo e l’arricchimento del portale www.formazionecatechisti.it;b) sostenere le realtà diocesane e associative con la stesura e la pubblicazione di un Vademecum per la formazione che recepisca gli studi più aggiornati in materia, nonché la disponibilità a interventi sul territorio per rileggere l’impostazione delle prassi formative;c) proporre nell’autunno 2019 una sessione di formazione rivolta ai direttori UCD e ai referenti formativi delle diocesi, delle regioni e delle realtà associative, con particolare attenzione a quegli ambiti in cui non è già attiva un’esperienza analoga (p. es.: i rapporti tra catechesi e altre azioni ecclesiali, la costruzione di un itinerario; le resistenze consce o inconsce alla formazione; i nuovi scenari della formazione degli adulti);d) formulare proposte circa la costituzione di un Settore UCN stabile dedicato alla formazione.