HomeNotizieUna fragilità che coinvolge tutti

Una fragilità
che coinvolge tutti

gruppo

“Il tema che affrontiamo con questo Convegno – Luci di speranza per la famiglia ferita – pone il delicato problema del ‘fare’ e del ‘come’ fare famiglia; ci porta a confrontarci con le fragilità delle relazioni e ad avvertire quanto sia vero che la famiglia è ad un tempo forte e debole…”.
Non è stato un saluto di circostanza quello offerto da S. E. Mons. Enrico Solmi, Presidente della Commissione Episcopale per la Famiglia, in apertura del Convegno promosso a Salsomaggiore (22-26 giugno) dall’Ufficio Nazionale della CEI.

Il Vescovo, fin dalle prime battute, ha lasciato intuire come si tratti di frontiere che chiamano a raccolta tanto la Chiesa che la società civile, e che richiedono l’avvertenza che i soggetti coinvolti in situazioni di separazione, divorzi e a volte anche di nuove unioni, non devono mai essere accostate come fossero categorie a parte.

Sul fronte ecclesiale, dopo aver sottolineato che la preoccupazione per le persone e le famiglie ferite viene da lontano – e, in forme diverse, si è espressa nell’esperienza della pastorale familiare, dei consultori, dei tribunali ecclesiastici – mons. Solmi ha dato voce alla necessità di far diventare consueto questo sguardo per “fratelli e sorelle che sono Chiesa”: a tal punto, da non dover venire accostati semplicemente come destinatari di attenzione e cura, ma quali fedeli che, pur in situazioni matrimoniali irregolari o comunque difficili, possono a loro volta contribuire all’edificazione della comunità.
Questo tempo difficile, che fa toccare con mano fatiche e debolezze – ha aggiunto – non impedisce alla Chiesa di annunciare in parole e opere il Vangelo del matrimonio, nella pluralità dei suoi doni: “La verità dell’annuncio, infatti, non solo non deve significare chiusura o preclusione, ma al contrario è forza e speranza”.
Tale verità d’amore testimoniata dalla Chiesa – ha proseguito Solmi – è Cristo, verità che attrae, sostiene, cammina e fa camminare; quel Cristo che va a Cana di Galilea, che attende al pozzo la donna samaritana, che entra in casa di Pietro e ne guarisce la suocera… E’ una verità di grazia, ha aggiunto, che la Chiesa – quale Madre – porge a tutti, ammonendo “chi sta in piedi” a evitare la presunzione di non poter cadere…
Mons. Solmi, con affabile cordialità, ha incoraggiato a continuare “senza paura” un’opera di prossimità. Agli operatori della famiglia, primi destinatari del Convegno, il Vescovo ha additato l’obiettivo di una pastorale integrata, capace di far sinergia a beneficio di tutti.
22 Giugno 2011

Agenda »

Venerdì 05 Giugno 2020
LUN 01
MAR 02
MER 03
GIO 04
VEN 05
SAB 06
DOM 07
LUN 08
MAR 09
MER 10
GIO 11
VEN 12
SAB 13
DOM 14
LUN 15
MAR 16
MER 17
GIO 18
VEN 19
SAB 20
DOM 21
LUN 22
MAR 23
MER 24
GIO 25
VEN 26
SAB 27
DOM 28
LUN 29
MAR 30
Nessun Evento