HomeNotizieSul suo sepolcro l'erba non è cresciuta

Sul suo sepolcro
l'erba non è cresciuta

Xto
La fede in Gesù di Nazaret è una scelta plausibile e ragionevole; non un salto nel vuoto ma un atto di libertà. Presentando alla stampa il convegno internazionale “Gesù, nostro contemporaneo”, in programma dal 9 all’11 febbraio a Roma, il cardinale Camillo Ruini, presidente del Comitato per il progetto culturale della Conferenza Episcopale Italiana, mette l’accento sulla caratteristica principale dell’evento ormai alle porte: portare il dibattito attorno alla persona di Gesù su “un piano culturalmente motivato” e “criticamente consapevole”, in cui anche la sua risurrezione appaia non priva di un robusto aggancio nella storia.
La scelta del Comitato per il progetto culturale ha le radici in un approccio di fede, ma chi seguirà i lavori troverà “una proposta audace, fatta in maniera rispettosa anche a coloro che credono diversamente”, tanto che alle voci cattoliche si aggiungeranno quelle di altre confessioni cristiane e tradizioni religiose, con un ampio spazio dedicato anche a rappresentanti del mondo laico. Un messaggio forte alla società e alla cultura contemporanea, dunque, quasi una sveglia che intende scuotere dai diffusi riduzionismi e da quell’atmosfera di scontatezza di cui la figura di Gesù viene talvolta circondata. “Se Gesù è importante per tanta gente – ha sottolineato il card. Ruini – è perché la gente è convinta che abbia un rapporto speciale, unico con Dio. Gesù e Dio sono inseparabili, non solo per la fede ma anche per la cultura”.
A una settimana dall’apertura dei lavori, sono già oltre mille i partecipanti confermati, provenienti da tutta Italia. Il primo a prendere la parola sarà il cardinale Angelo Bagnasco, presidente della CEI. Dopo di lui, i cardinali Scola e Ravasi, i vescovi Sanna e Fisichella, studiosi quali Berger e Marion, Sequeri e Lutz. In programma ci sono anche alcune testimonianze, a partire da quella del cardinale Joseph Zen, vescovo emerito di Hong Kong.
All’iniziativa è collegata anche una mostra fotografica di Monika Bulaj (Auditorium della Conciliazione, dal 7 all’11 febbraio, ore 10-19), la presentazione di un cortometraggio inedito di Liliana Cavani e un dibattito sulla fede e l’arte contemporanea, a partire da un’opera dell’artista italo-argentino Raul Gabriel. Gesù e le donne; Gesù e i poveri; i giovani e Gesù sono invece i titoli di alcune delle tavole rotonde, animate da figure di spicco del mondo della cultura e della comunicazione.
Per prendere parte alle diverse sessioni dell’evento, ricco di dibattiti pubblici e momenti in contemporanea, ci si può iscrivere sul sito www.progettoculturale.it, da cui sarà possibile seguire in diretta il convegno in streaming, così come sul sito www.tv2000.it
07 Febbraio 2012

Agenda »

Domenica 27 Settembre 2020
LUN 21
MAR 22
MER 23
GIO 24
VEN 25
SAB 26
DOM 27
LUN 28
MAR 29
MER 30
GIO 01
VEN 02
SAB 03
DOM 04
LUN 05
MAR 06
MER 07
GIO 08
VEN 09
SAB 10
DOM 11
LUN 12
MAR 13
MER 14
GIO 15
VEN 16
SAB 17
DOM 18
LUN 19
MAR 20