HomeNotizieS. E. Mons. Mazzocato nuovo Arcivescovo di Udine

S. E. Mons. Mazzocato nuovo Arcivescovo di Udine

Duomo-Udine

Il Papa ha nominato Arcivescovo di Udine S.E. Mons. Andrea Bruno Mazzocato, trasferendolo dalla sede di Treviso.

S.E. Mons. Andrea Bruno Mazzocato è nato a San Trovaso di Preganziol (diocesi e provincia di Treviso) il 1° settembre 1948.
Per la preparazione al sacerdozio, ha frequentato gli studi nel Seminario vescovile di Treviso ed è stato ordinato sacerdote il 3 settembre 1972.
Dal 1972 al 1977 ha svolto il ministero sacerdotale come Cooperatore parrocchiale a San Martino di Lupari. Contemporaneamente ha conseguito la Licenza in Liturgia Pastorale presso l’Istituto di Liturgia Pastorale di Santa Giustina di Padova e successivamente la Licenza in Teologia Dogmatica presso la Facoltà Teologica dell’Italia Settentrionale di Milano.
Dal 1977 al 2001 è stato Docente di Teologia Dogmatica presso lo Studio Teologico del Seminario di Treviso, tenendo corsi anche presso lo Studio Teologico “San Massimo” dei Frati Conventuali di Padova e presso l’Istituto Superiore di Scienze Religiose. Dal 1977 al 1986 ha svolto l’incarico di Padre Spirituale nel Seminario maggiore diocesano. Dal 1987 al 1994 ha seguito la formazione del clero giovane come Delegato Vescovile. Nel 1990 è stato nominato Pro-Rettore del Seminario minore di Treviso e poi, nel 1994, Rettore del Seminario maggiore e minore.
Nominato Vescovo della diocesi di Adria-Rovigo l’11 ottobre 2000, ha ricevuto la consacrazione episcopale il 9 dicembre dello stesso anno.
Il 3 dicembre 2003 è stato trasferito alla sede di Treviso.

20 Agosto 2009

Agenda »

Sabato 29 Febbraio 2020
LUN 24
MAR 25
MER 26
GIO 27
VEN 28
SAB 29
DOM 01
LUN 02
MAR 03
MER 04
GIO 05
VEN 06
SAB 07
DOM 08
LUN 09
MAR 10
MER 11
GIO 12
VEN 13
SAB 14
DOM 15
LUN 16
MAR 17
MER 18
GIO 19
VEN 20
SAB 21
DOM 22
LUN 23
MAR 24
Centro Studi per la scuola cattolica Seminario di Studio:Come stanno cambiando i bambini
Il seminario intende analizzare l´identità dei bambini nella fascia di età copresa tra i 3 e i 10 anni, a trent´anni dalla dichiarazione dei diritti del fanciullo 1989. Si vuole offrie l´occasione per analizzare  se e come stiano cambiando le generazioni dei giovanissimi dal punto di vista cognitivo, emotivo, comunicativo, relazionale, per verificare quanto il cambiamento sia un fatto effettivamente nuovo e il segnale di una nuova epoca.