HomeNotizieRepubblica Centrafricana tra violenze e saccheggi

Repubblica Centrafricana tra violenze e saccheggi

fame
E’ emergenza umanitaria in Repubblica Centrafricana, dove la crescente crisi politica, iniziata da diversi mesi, è sfociata in colpo di stato. Il gruppo ribelle Seleka ha conquistanto con un’azione militare la capitale Bangui, lasciando sul campo già centinaia di vittime e mettendo a ferro e fuoco la città con razzie e violenze. Il presidente Francois Bozizé, al potere dal 2003 dopo contestatissime elezioni, ha abbandonato il paese rifugiandosi prima in Repubblica Democratica del Congo e poi in Camerun; il leader dei ribelli Micheò Djotodia si è autoproclamato nuovo presidente della Repubblica Centrafricana.
Immediata la condanna delle Nazioni Unite e dell’Unione africana, che ha sospeso il Paese e stabilito sanzioni contro i ribelli.
All’udienza generale di mercoledì 27 marzo Papa Francesco ha lanciato un appello, assicurando la sua «preghiera per tutti coloro che soffrono, in particolare per i parenti delle vittime, i feriti e le persone che hanno perso la propria casa e che sono state costrette a fuggire. Faccio appello perché cessino immediatamente le violenze e i saccheggi, e si trovi quanto prima una soluzione politica alla crisi che ridoni la pace e la concordia a quel caro Paese, da troppo tempo segnato da conflitti e divisioni». Caritas Italiana segue il susseguirsi degli avvenimenti ed è in costante contatto con la rete Caritas nel paese.
Tra i bisogni immediati, evidenziati dai Vescovi locali: sul piano sanitario molti medici e infermieri hanno abbandonato i centri danneggiati, dove i medicinali sono stati rubati e scarseggiano; la popolazione sfollata ha perso da mesi le proprie case e si trova presso famiglie vicine o di amici, ma la situazione alla lunga è difficilmente sostenibile; la maggior parte della popolazione del paese viene dai villaggi: è importante garantire sicurezza alimentare fornendo strumenti di lavoro che permettano di coltivare con maggiore sostenibilità nel medio termine rispetto alle distribuzioni alimentari; è decisivo anche ricreare piccoli luoghi dove insegnanti e studenti possano ritrovarsi per continuare nel percorso educativo.
Caritas Italiana ha stanziato un primo contributo a supporto dell’azione di assistenza alla popolazione sfollata che la Caritas della Repubblica Centrafricana ha in corso da dicembre 2012 con la distribuzione di beni alimentari e non alimentari, con attività di sostegno psicosociale e di riabilitazione delle strutture socio-economiche e dei mezzi di sussistenza a beneficio di circa 70.000 persone.
Per ulteriori informazioni: Ufficio Africa (Area Internazionale), africa@caritasitaliana.it
29 marzo 2013

Agenda »

Martedì 23 Ottobre 2018
LUN 22
MAR 23
MER 24
GIO 25
VEN 26
SAB 27
DOM 28
LUN 29
MAR 30
MER 31
GIO 01
VEN 02
SAB 03
DOM 04
LUN 05
MAR 06
MER 07
GIO 08
VEN 09
SAB 10
DOM 11
LUN 12
MAR 13
MER 14
GIO 15
VEN 16
SAB 17
DOM 18
LUN 19
MAR 20
Ufficio Nazionale per la cooperazione missionaria tra le Chiese Consiglio Missionario Nazionale