HomeNotizie“Ragazzi, la fede non è un sogno!”

“Ragazzi, la fede
non è un sogno!”

sogno
“Le vicende di questi giorni ci dicono che c’è un estremo bisogno di una nuova generazione di cristiani capaci di creare una civiltà non dominata e fondata sulla finanza, sul denaro ma sull’Amore”. L’affermazione di mons. Simone Giusti, vescovo di Livorno, diventa un appello accorato ai giovani che, con attenzione, lo ascoltano. E li sprona ad impegnarsi, rassicurandoli: questi non sono “sogni”. Perché “chi ama sa creare cose nuove e stupende come un bambino o una sinfonia, un Sagrada Famiglia o una nuova economia”. Tanti uomini e donne, ad esempio, “sono già al lavoro in Europa come in Asia in America come in Africa e nuovi comprensori economici stanno sorgendo, un nuovo modo di vivere i rapporti di lavoro e l’economia sta facendosi strada”.
Essere cristiani infatti non significa essere avulsi dalla realtà: “Credere in Dio è credere nell’amore, in un amore concreto, visibile, storicamente tangibile e capace di trasformare radicalmente il mondo”. Come hanno fatto Gesù, Giovanni Paolo II, “l’inventore delle Gmg e con lui quella piccola grande donna dal nome di madre Teresa e con loro di una schiera incalcolabile di giovani e adulti, non ultima Chiara Badano o Padre Vismara”. “Sono testimoni d’amore”, ha detto mons. Giusti sottolineando che “ci manifestano la vivezza e la bellezza dell’amore”. “L’amore esiste – ha aggiunto – e noi l’abbiamo incontrato e ciò che abbiamo visto, udito l’annunciamo a voi: Dio è amore”. Ecco dunque che “vivere amando è possibile e tremendamente bello: sperimentare per credere”.
“A tutti gli inquieti, a tutti i sonnambuli che cercano nelle notti d’estate quello che non sanno trovare con la luce del sole – ha continuato – noi diciamo: è troppo bello vivere e amare”. “Per possedere la vita e l’amore – ha ricordato il Catechista – non sono necessarie né ricchezze né potere, è però necessario avere il coraggio di credere in ciò che il tuo cuore e la tua intelligenza ti dicono: l’importante è la vita, l’importante è l’amore”. E la vita, ha concluso, “è Cristo, l’Amore è Dio: trovato Cristo Gesù hai trovato entrambi e potrai dire anche tu: non sono più io che vivo ma Cristo che vive in me, non sono più io che vivo ma la Vita e l’Amore che mi abitano”.
18 agosto 2011

Agenda »

Venerdì 24 Maggio 2019
LUN 20
MAR 21
MER 22
GIO 23
VEN 24
SAB 25
DOM 26
LUN 27
MAR 28
MER 29
GIO 30
VEN 31
SAB 01
DOM 02
LUN 03
MAR 04
MER 05
GIO 06
VEN 07
SAB 08
DOM 09
LUN 10
MAR 11
MER 12
GIO 13
VEN 14
SAB 15
DOM 16
LUN 17
MAR 18
Ufficio Catechistico Nazionale Consulta Nazionale UCN
Ufficio Catechistico Nazionale Gruppo di Lavoro sui Linguaggi
Ufficio Nazionale per l‘educazione, la scuola e l‘università Consulta Nazionale per l‘educazione, la scuola e l‘università
Il nuovo organismo dell´UCN è affidato al coordinamento di don Salvatore Soreca e don Giorgio Bezze. e ha come membri  il Prof. Michele Aglieri, Sr. Giancarla Barbon, Dott.ssa Katia Bolelli, Dott.ssa Anna Teresa Borrelli, don Andrea Cavallini, don Luigi Donati Fogliazza, don Maurizio Mirai, Prof. Don Ubaldo Montisci, P. Rinaldo Paganelli e Dott.ssa Avv. Angela Pesce.Fra i suoi obiettivi:a) proseguire il monitoraggio delle principali iniziative italiane in campo formativo, anche mediante l’utilizzo e l’arricchimento del portale www.formazionecatechisti.it;b) sostenere le realtà diocesane e associative con la stesura e la pubblicazione di un Vademecum per la formazione che recepisca gli studi più aggiornati in materia, nonché la disponibilità a interventi sul territorio per rileggere l’impostazione delle prassi formative;c) proporre nell’autunno 2019 una sessione di formazione rivolta ai direttori UCD e ai referenti formativi delle diocesi, delle regioni e delle realtà associative, con particolare attenzione a quegli ambiti in cui non è già attiva un’esperienza analoga (p. es.: i rapporti tra catechesi e altre azioni ecclesiali, la costruzione di un itinerario; le resistenze consce o inconsce alla formazione; i nuovi scenari della formazione degli adulti);d) formulare proposte circa la costituzione di un Settore UCN stabile dedicato alla formazione.