Notizie

24 giugno 2018

Natività di san Giovanni Battista
HomeNotiziePerché non sia un battere l’aria
Giovani

Perché non sia un battere l’aria

giovani
Educare è dare al ragazzo il coraggio verso se stesso. È sostenerlo nella conquista della libertà sua propria. È aiutarlo a trovare la sua strada verso Dio. Attingendo al pensiero di Romano Guardini, lunedì 10 febbraio il Card. Angelo Bagnasco ha accolto a Genova i 550 responsabili di pastorale giovanile delle diocesi italiane, riuniti fino a giovedì 13.
La giornata piovosa non ha frenato l’entusiasmo dei responsabili di pastorale giovanile, giunti da tutto il Paese per riflettere insieme sul tema della cura educativa.
Solo la dedizione, l’intelligenza e il sacrificio che momenti come questo hanno alle spalle ha esordito il Card. Angelo Bagnasco, introducendo i lavori con parole di stima e, insieme, di richiamo all’essenziale.
Il vostro compito non è quello di organizzare incontri, ha spiegato, ma di aiutare gli altri a crescere come persone e come cristiani: è questo lo scopo di ogni vostra attività, altrimenti tutto si risolverebbe in uno spendersi con generosità, investendo notevoli energie, ma rendendo poco.
Non si tratta di interpretarsi all’insegna dell’efficientismo, ha aggiunto, quanto di riconoscere che tutto il bene che noi riusciamo a realizzare o è fatto per Dio o è una fatica vana; occorre che Lui sia in cima ai nostro pensiero e al nostro lavoro.
Rifacendosi, quindi, all’insegnamento di Romano Guardini Tra i tanti che si accumulano nella vita, rimangono a galla soltanto alcuni testi fondamentali I giovani affollavano le sue lezioni, perché avvertivano che non batteva l’aria né seminava illusioni. Il Cardinale ha ricordato come educare significhi dare alla persona il coraggio verso se stessa, sostenerla nella conquista della libertà sua propria, aiutarla a trovare la sua strada verso Dio.
Come educatori, la vostra prima domanda non riguardi che cosa potete fare per i ragazzi, ha concluso il Card. Bagnasco, ma chi siete voi. Allora avrete poi cura perché l’altro non solo abbia le carte per affermarsi nella vita, ma cresca fino alla maturità del suo rapporto con Dio.
10 febbraio 2014

Agenda »

Domenica 24 Giugno 2018
LUN 18
MAR 19
MER 20
GIO 21
VEN 22
SAB 23
DOM 24
LUN 25
MAR 26
MER 27
GIO 28
VEN 29
SAB 30
DOM 01
LUN 02
MAR 03
MER 04
GIO 05
VEN 06
SAB 07
DOM 08
LUN 09
MAR 10
MER 11
GIO 12
VEN 13
SAB 14
DOM 15
LUN 16
MAR 17
Nessun Evento